Il make-up artist nell’industria del cinema

Foto: luxstorm / Pixabay

Dalla trilogia del Signore degli Anelli in poi il cinema internazionale non è più stato lo stesso. L’immane lavoro di Peter Jackson e dei suoi guru del make up ha aperto un capitolo completamente nuovo nella storia del trucco cinematografico e, da allora, le creature che abbiamo visto apparire sul grande schermo sono state sempre più realistiche e, allo stesso tempo, sempre più aliene.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

A più di quindici anni dall’uscita de Il Signore degli Anelli, il nuovo apice del make up cinematografico è stato raggiunto ne I Guardiani della Galassia. Quanti telespettatori hanno creduto che il vibrante verde di Gamora o le cicatrici di Drax fossero create in CGI? Probabilmente moltissimi, mentre invece è tutto merito di un make up artist di incredibile talento: David White.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Stando a quanto rivelato dallo stesso White, il corpo di Drax era costituito da diciotto protesi che riproducevano nella maniera più realistica possibile la spessa pelle cinerea, le cicatrici cheloidi e i tatuaggi rossi che hanno reso iconico il personaggio. Per applicare l’intero set di protesi sul corpo di Dave Bautista erano necessarie sedute di trucco lunghe cinque ore e condotte da cinque make up artist professionisti che lavoravano in contemporanea.

Anche il colore della pelle di Zoe Saldana, l’amatissima Gamora non era ricreato in computer grafica, ma veniva realizzato direttamente sulla pelle dell’attrice grazie alla sapiente sovrapposizione di almeno tre diversi toni di verde.

Se il lavoro dei make up artist è fondamentale per ricreare la fisionomia di creature fantastiche o aliene in produzioni cinematografiche e televisive, in ambito teatrale quello che si richiede a un professionista del make up è completamente differente.

A causa della lontananza dell’attore rispetto al pubblico, infatti, i truccatori specializzati in trucco teatrale sono chiamati a enfatizzare i tratti del viso degli attori, permettendo anche agli spettatori seduti più lontano dal palcoscenico di cogliere tutta la loro gamma espressiva.

Proprio al trucco teatrale più che a quello prettamente cinematografico è sempre stato ispirato il make up di un personaggio gigantesco della cultura pop contemporanea: il Joker. Questo character enigmatico e tormentato è da sempre una delle figure più amate del comic universe e del cinematic universe che ruota intorno al Batman.

I vari adattamenti cinematografici che lo hanno visto protagonista hanno condensato l’essenza del personaggio adattandolo alle varie epoche del costume e della cinematografia mondiale: Jack Nicholson, Heath Ledger e Jared Leto si sono cimentati con il ruolo in maniera memorabile, ma il trucco creato dai make up artist per le varie versioni del Joker ha contribuito enormemente a trasformare le varie incarnazioni del personaggio in vere e proprie icone.

Il riferimento al personaggio del Joker non è assolutamente un caso: il Festival del Cinema di Venezia 2019 vedrà infatti competere per il Leone d’ Oro “Joker” la pellicola di Todd Phillips interamente incentrata sul folle, profondo e tormentato pagliaccio che infesta Gotham City dal 1940, anno della prima apparizione del Joker in un albo a fumetti.

Negli ultimi anni la passione per i make up si è diffusa ben oltre l’ambito degli addetti ai lavori. I prodotti per il make up professionale sono diventati sempre più diffusi ed economici, la rete pullula di video tutorial che consentono a chiunque di apprendere tecniche complesse e di cimentarsi nella creazione di look che, inevitabilmente, confluiscono nel modeling e nel cosplay.

Per quanto l’approccio non accademico al make up sia da incoraggiare perché stimola la creatività, la curiosità e insegna la disciplina,è sempre necessario prestare la massima attenzione ai prodotti che si adoperano per truccare la pelle e tingere i capelli. Prodotti troppo aggressivi infatti potrebbero causare reazioni cutanee gravi in soggetti predisposti. Anche per coloro che non soffrono di problemi cutanei il consiglio è di rimuovere i cosmetici con la stessa accuratezza con cui si applicano e di curare la salute della pelle e dei capelli con prodotti specifici, come creme idratanti e maschere per capelli senza agenti chimici che restituiscano alla pelle e alla chioma idratazione e morbidezza.