Il pescatore di sogni

di Lasse Hallström

--------------------------------------------------------------
IL N.13 DELLA RIVISTA CARTACEA BIMESTRALE DI SENTIERI SELVAGGI

--------------------------------------------------------------

Il pescatore di sogni

----------------------------
LA SCENEGGIATURA RACCONTATA DA UN MAESTRO DEL CINEMA ITALIANO

----------------------------

Titolo originale: Salmon Fishing in the Yemen

----------------------------
MASTERCLASS ONLINE DI REGIA CON MIMMO CALOPRESTI

----------------------------

Interpreti: Ewan McGregor, Emily Blunt, Kristin Scott Thomas, Arm Waked, Tom Mison

Origine: UK, 2011

Distribuzione: M2 Pictures

Durata: 107'

Fred Jones (Ewan McGregor – Knockout – Resa dei conti, Beginners, L’uomo che fissa le capre, Sogni e delitti, Miss Potter), uomo affetto dalla sindrome di Asperger, è un esperto di pesca che lavora per il governo britannico. Su insistenza di Patricia Maxwell (Kristin Scott Thomas – Bel Ami – Storia di un seduttore, La chiave di Sara, Crime d’amour, Nowhere Boy, L’amante inglese), l’addetta stampa del Primo Ministro, Fred accetta l’offerta di Harriet Chetwode-Talbot (Emily Blunt – I guardiani del destino, I fantastici viaggi di Gulliver, Wolfman, Wild Target, The Young Victoria), rappresentante del ricco sceicco dello Yemen (Amr Waked – Contagion, Il padre e lo straniero, Syriana), di introdurre la pesca al salmone nel deserto yemenita. Fred inizia a credere nel progetto, che verrà però ostacolato dai militanti locali. Al tempo stesso, Jones dovrà fare i conti con i propri sentimenti per Harriet e il ritorno del fidanzato di lei (Tom Mison – One Day), da tempo disperso in Afghanistan.
 

Il pescatore di sogni vede di nuovo dietro la macchina da presa il regista svedese Lasse Hallström (Dear John, Hachiko – Il tuo migliore amico, Casanova, Il vento del perdono, Chocolat). Tratto dal libro Pesca al salmone nello Yemen di Paul Torday, il film è stato adattato per il grande schermo da Simon Beaufoy (127 ore, The Millionaire, Miss Pettigrew, Full Monty), impegnatissimo al momento con la saga di Hunger Games, che ha trasformato il romanzo epistolare in una storia più focalizzata sul cambiamento nella vita di Jones, piuttosto che sulla satira politica. Il film, girato in nove settimane tra Londra, Scozia e Marocco, ha debuttato al Festival di Toronto nel 2011.

(E.S.)

 

----------------------------
BANDO PER IL CORSO DI CRITICA DIGITALE 2023

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative