"In viaggio con Evie", di Jeremy Brock

Le driving lessons di Jeremy Brock pare siano autobiografiche: egli stesso, regista e sceneggiatore di questo suo primo film (passato anche alla Festa Internazionale del Cinema di Roma un mese fa), ha lavorato da adolescente come 'accompagnatore' per Dama Peggy Ashcroft – proprio come il protagonista di In viaggio con Evie, Ben, che si trova un'occupazione estiva facendo qualche lavoretto per un'anziana attrice inglese dimenticata, Dama Evie Walton (Julie Walters – la  Mrs Molly Weasley della serie di Harry Potter – e Ben è Rupert Grint, che nei film tratti dai romanzi della Rowling interpreta Ron Weasley…): l'energica e bizzarra donna trascinerà il diciassettenne timido Ben in un viaggio in Scozia on the road verso un Festival di Reading, costringendolo a guidare la macchina, lui che è appena stato rimandato all'esame per la patente – tra campeggi, solitudini, disperazione, ma anche poesia, Shakespeare, primevolte (di Ben con l'avvenente ragazza editor del Festival…), amicizie, consapevolezze: al suo ritorno il ragazzo non sarà lo stesso, e avrà deciso quale strada intraprendere nella sua vita. Come una versione inglese e senza handicap fisici di Profumo di donna, brutta quanto il film di Martin Brest era insopportabile, e con gli stessi terribili monologhi affidati al grande attore di turno (in questo caso attrice) nella parte della vecchia gloria decadente e decaduta che si ubriaca e si compiange e non desidera altro che morire – e tutto ciò nel film di Brock porta ad una scena madre finale della Walters che definire agghiacciante è poco, sorta di sermone su dio e l'indipendenza nelle proprie scelte che ha luogo durante una recita parrocchiale di paese…a tal proposito: Ben è figlio di un pastore e di una donna, Laura Linney impegnata in un ruolo davvero antipaticissimo, religiosa convinta, impegnata nel "sociale", e irreprensibile – da qui una serie di risvolti grotteschi sulle esagerazioni della madre credente nell'educazione del figlio teenager. Ci sarebbe un attimo da riflettere su tutta questa serie di pellicole che ultimamente hanno deciso di ispirarsi al personaggio di Ned Flanders dei Simpsons per i loro script, e a tutta questa comicità sui cristiani 'credenti' che farebbe venire a noia anche il più convinto dei laici (come magari è chi scrive – è una polemica che esula del tutto dal fraintendente aspetto 'offesa alla religione', sia chiaro…): per indurre al sorriso pare non sia rimasto altro che mettere in scena l'ennesimo gesù  ridicolizzato – e non serve che Julie Walters sia più convinta di essere la Joan Crawford in Che fine ha fatto Baby Jane o Gloria Swanson in Sunset Boulevard piuttosto che Al Pacino nel brutto remake del film di Risi: Driving Lessons resta un film da dimenticare, inficiato da un fastidio di fondo che disturba e mette il piombo alle ali anche dei momenti che dovrebbero risultare maggiormente commoventi ed emozionanti.


--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

 


Titolo originale: Driving Lessons


Regia: Jeremy Brock

--------------------------------------------------------------------
I CORSI DI CINEMA AUTUNNALI SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Interpreti: Julie Walters, Rupert Grint, Laura Linney, Nicholas Farrell, Oliver Milburn


Distribuzione: DNC

---------------------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA: OFFERTA PER I LAUREATI DAMS e altri per la SPECIALIZZAZIONE

---------------------------------------------------------------------

Durata: 98'


Origine: Gran Bretagna, 2006