inizioPartita. Football Manager 2020 (PC) – La recensione

La recensione di Football Manager 2020 per piattaforma PC conclude la nostra immaginaria tetralogia di fine anno sui giochi ispirati al calcio (…eccovi le precedenti review: 1, 2, 3).

La penultima release della serie più approfondita sulla simulazione del gioco del calcio (…in particolare del lato gestionale), lo scorso Football Manager 2019, si è rivelata un successo evidentemente difficile da replicare. Tanto che, secondo molti addetti ai lavori, questo Football Manager 2020 non è altro che una sua schietta riproposizione, in salsa aggiornata. Viene percepita una certa mancanza di innovazione, ed, in effetti, Football Manager 2020 appare molto simile al suo predecessore. Ma è pieno di piccoli e grandi cambiamenti che aiutano a rafforzare l’esperienza ludico-gestionale complessiva.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

 

Football Manager 2020 (PC) - Il packshot del gioco

Football Manager 2020 (PC) – Il packshot del gioco

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Potremmo quindi dire che Football Manager 2020 è piuttosto incentrato su di una specie di evoluzione che su di una vera e propria rivoluzione. Manca una radicale revisione rispetto a quanto già offerto da Football Manager 2019, ma vengono offerte le nuove funzionalità Club Vision (…cioè la Visione Societaria) e Centro di Sviluppo.

Si tratta delle due principali aggiunte a questa release e, dopo aver trascorso un po’ di tempo a testarle, è difficile immaginarle non in primo piano anche negli ipotizzabili sequel futuri del brand.

 

 

Il Centro di Sviluppo è ora la sezione di riferimento per il gamer, in particolare per tutto ciò che riguarda la squadra giovanile. Tutte le solite informazioni sui giocatori presenti nella primavera del team, sulla loro forma, sui progressi nella formazione e su tutto ciò che sta nel mezzo sono ancora qui; ma ciò che distingue Football Manager 2020 dal predecessore è la profondità aggiuntiva che offre il Centro di Sviluppo. Gli allenatori delle giovanili ora informano il gamer di quali “stelline” siano pronte per i match da prima squadra – come parte della configurazione del team senior o come prestito a qualche altro team – così come quelle che hanno bisogno di maggiore attenzione per realizzare il loro probabilmente vasto potenziale.

Il Centro di Sviluppo di Football Manager 2020

Il Centro di Sviluppo di Football Manager 2020

Si può controllare il miglioramento dei giocatori dati in prestito tramite una specifica sottosezione, per tener d’occhio quelli che rendono bene e quelli che hanno bisogno di essere richiamati, nel caso la cessione temporanea non stia producendo i risultati sperati.

Si riceveranno persino notifiche anticipate sull’assunzione dei giovani per l’anno successivo. Invece di aspettare fino a quando non varcheranno la soglia della sede del club per esercitare su di loro la disciplina del team, si potranno acquisire alcune loro informazioni di base per valutarne il talento e pianificarne l’eventuale schema di preparazione.

L’intera sezione è semplice ma efficace, e risulta in grado di coadiuvare il gamer nella configurazione della rappresentativa giovanile del club, in modo da poter giudicare meglio ogni area dello sviluppo dei vari giocatori. E dato che in Football Manager 2020 i menù di gioco sono numerosi, questo tipo di razionalizzazione risulta piuttosto gradita.

Club Vision, d’altra parte, rappresenta il piano di sviluppo onnicomprensivo per il proprio team. All’arrivo in un nuovo club, il consiglio amministrativo illustrerà all’allenatore ciò che si aspetta di ottenere nei successivi cinque anni. In questa maniera, si potrà negoziare una visione coerente con il proprio stile di gioco e le proprie aspettative. Ma i nuovi capi virtuali del gamer potrebbero non prendere gentilmente come oro colato la “vision” proposta dallo stesso, soprattutto se si allontana molto dall’identità del club. I manager vengono infatti giudicati in base ai risultati e alle prestazioni ottenute dal team nelle competizioni: se non si riesce ad ingaggiare giovani giocatori promettenti per la prima squadra o se non si gioca il calcio attraente che il consiglio di amministrazione si aspetta, un licenziamento potrebbe arrivare prima di quanto si pensi. Sono aggiunte solide sul lato della simulazione proposta dal titolo, che imprimono una maggiore pressione sul gamer, costringendolo ad esibire il proprio talento gestionale, e che guarniscono il gameplay con quel pizzico di tensione necessario a tenere il player incollato alla sedia davanti allo schermo del proprio PC.

La licenza concessa in esclusiva dalla Juventus a eFootball Pro Evolution Soccer 2020 ha costretto i rivali videoludici ad utilizzare nomi di fantasia per la squadra torinese: Football Manager 2020 se la cava ricorrendo all'animalier (Zebre)

La licenza concessa in esclusiva dalla Juventus a eFootball Pro Evolution Soccer 2020 ha costretto i rivali videoludici ad utilizzare nomi di fantasia per la squadra torinese: Football Manager 2020 se la cava ricorrendo all’animalier (Zebre)

Anche le trattative contrattuali assumono ora un nuovo appeal. Bisognerà spiegare ai nuovi acquisti, o ai propri giocatori, quanto tempo di gioco effettivo sarà loro concesso nell’immediato e nel lungo termine, e quindi, in soldoni, quantificare le loro possibilità di mettersi in mostra attraverso il gioco nel team. Se tali promesse dovessero venire disattese, essi perderanno la fiducia nell’allenatore. Allo stesso modo, agli agenti ora il gameplay ha fornito un certo “livello di pazienza“. Se gli si fa perdere la pazienza a causa di conflitti nelle trattative contrattuali, si allontaneranno dall’affare. Tutto ciò rende Football Manager 2020 più coinvolgente, ma costringe pure il player a pensare strategicamente a come affrontare ogni situazione.

Football Manager 2020 non è quindi radicalmente diverso dal suo predecessore. Se si sperava in una profonda revisione rispetto allo scorso anno, si rimarrà delusi. Tuttavia è molto più di un semplice pacchetto DLC per Football Manager 2019: è più coinvolgente e divertente grazie alla sua suite di grandi e piccoli cambiamenti. Inoltre, invita il gamer a sperimentare un gameplay dalla maggiore profondità. Certamente ci sono settori delle meccaniche di gioco su cui Sports Interactive dovrà intervenire in futuro per produrre sensibili miglioramenti. Ma, con tutta probabilità, quelli arriveranno tramite successivi aggiornamenti e DLC. Ma così com’è, Football Manager 2020 rappresenta già una release nodale nella serie.

Non è un prodotto rivoluzionario, ma il suo nuovo approccio e le modifiche apportate rispetto al predecessore sono sufficienti per consigliarne l’acquisto.

Requisiti minimi di sistema:
– Sistema Operativo: Windows 7 (SP1), Windows 8/8.1 o Windows 10 (Update 1803/Aprile 2018 or later); funziona solo con le versioni a 64-bit dei succitati sistemi operativi
– Processore: Qualsiasi processore da almeno 2.3 GHz (consigliati modelli Intel a 64-bit)
– Memoria: 2 GB RAM
– Scheda Grafica: NVIDIA GeForce 9600M GT con almeno 256 MB di VRAM (o modelli dalle capacità superiori) con supporto DirectX
– DirectX: Versione 11
– Spazio libero sull’Hard Disk: almeno 7 GB
– Scheda Audio: qualsiasi scheda audio integrata con supporto DirectX
– Internet: Richiesta connessione internet per il download del gioco tramite il software STEAM, e per l’attivazione
Voto: 80/100
Tipologia: Simulazione sportiva gioco calcio / Manageriale / Elementi di strategia / Elementi di tattica
Produttore: SEGA
Sviluppatore: Sports Interactive
Distributore: STEAM