Italiani. Immagini e Identità

 

Dal 16 al 22 marzo 2009 a Torino incontri, appuntamenti, proiezioni e concerti per riflettere sugli italiani, la loro identità e il loro futuro.
In vista del 150° anniversario dell’unità d’Italia, un punto della situazione sull’Italia con ospiti eccezionali: Mario Monicelli, Ettore Scola, Mario Martone, Giacomo Poretti, Fausto Bertinotti, Ezio Mauro, Gianni Berengo Gardin.
ll 17 marzo 1861 l’Italia diventa per la prima volta una nazione unita e nel 2011 saranno trascorsi 150 anni da quella data.
Mai come in questo periodo è attuale il dibattito sull’identità del nostro Paese: chi sono gli italiani oggi? In quale direzione guardano? Che cosa li rende uniti?
Il 2011, anno dei 150° anniversario dell’Italia unita, rappresenta un’importante occasione per affrontare questo tema ed è proprio per questo che, per segnare il cammino di avvicinamento a due anni dal 17 marzo 2011, data in cui ricorrono i 150 anni dall’Unità d’Italia, il Comitato Italia 150 ha promosso "Italiani. Immagini e identità" che si terrà a Torino dal 16 al 22 marzo: un’intera settimana di film, concerti e incontri, lasciando alle parole e alle immagini di alcuni illustri connazionali il compito di ripercorrere le nostre storie e di discutere della nostra identità.
Si comincia con una rassegna di "Racconti tra cinema e storia": quattro giornate, otto appuntamenti, dodici capolavori di registi italiani che mettono in scena il nostro Paese e i suoi abitanti. A commentarli ospiti eccezionali, protagonisti della storia italiana: Mario Monicelli, Ettore Scola, Giacomo Poretti, Mario Martone, Fausto Bertinotti, Gianni Berengo Gardin, Margherita Oggero e Ranieri Polese.
Si prosegue con "La musica come identità nazionale", un evento eccezionale dedicato alla musica dei grandi compositori italiani dell’800, suonata dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nello splendido teatro Carignano appena restaurato. A dirigere l’Orchestra Michele Mariotti. 2

E poi una serata di dibattito, aperta a tutti, durante la quale cercheremo di trovare una risposta, insieme a storici e giornalisti, a una grande questione italiana: sono bastati 150 anni per costruire una identità nazionale oppure ancora oggi resta da compiere la missione di "fare gli italiani?". A dibattere il tema ospiti eccezionali: il Direttore di Repubblica Ezio Mauro, lo storico Walter Barberis e il Consigliere della Corte dei Conti Paolo Peluffo, che la stessa mattina incontrerà alcuni studenti torinesi per dibattere il tema dell’identità italiana.
La settimana prosegue con altri appuntamenti di musica, arte e cultura nella città che fu prima capitale dell’Italia e nelle località della provincia che furono teatro dell’unificazione nazionale.
"Italiani. Immagine e identità" è realizzato in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino, la Rai e il Teatro Stabile di Torino.
Media Partner: La Repubblica.
Si ringraziano la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Città di Torino, il Centro Congressi dell’Unione Industriale e l’Associazione Torino Città Capitale Europea.
———————————————-
Comitato Italia 150
Corso Vinzaglio, 17
10121 Torino – Italy
T +39 011 5539600 E info@italia150.it W www.italia150.it
Ufficio Stampa Comitato Italia 150:
Silvia Bianco – T +39 011 5539606 M +39 333 8098719 E s.bianco@italia150.it
Silvia Vezzoli – T +39 011 5539615 M +39 349 4238411 E s.vezzoli@italia150.it

ITALIANI. IMMAGINI E IDENTITÀ
16-22 MARZO 2009

Verso il 2011, 150° anniversario dell’unità d’Italia
Programma degli appuntamenti
16-19 marzo, Cinema Massimo
GLI ITALIANI. RACCONTI TRA CINEMA E STORIA
Quattro giornate, otto appuntamenti, dodici capolavori del cinema italiano che raccontano la storia del nostro Paese e dei suoi abitanti, commentati da registi e intellettuali. Un caleidoscopio di immagini in bianco e nero e a colori, riflessi autentici delle vite degli italiani e insieme fotogrammi del loro immaginario collettivo.
Lunedì 16 marzo
Ore 15 – sala 2
LA SCUOLA
Ore 15 – Diario di un maestro (1972) di Vittorio de Seta
Ore 17 – incontro con Margherita Oggero
Ore 18 –La scuola (1995) di Daniele Luchetti
Ore 21 – sala 1
MARIO MARTONE PRESENTA
San Michele aveva un gallo (1973) di Paolo e Vittorio Taviani
Martedì 17 marzo
Ore 15 – sala 2
IL VIAGGIO
Ore 15 – Il cammino della speranza (1950) di Pietro Germi
Ore 17 – incontro con Ranieri Polese
Ore 18 – Il ladro di bambini (1992) di Gianni Amelio 2

Ore 22 – sala 1
Per la rassegna Gli italiani. Racconti tra cinema e storia
GIACOMO PORETTI PRESENTA
Tre uomini e una gamba (1997) di Aldo, Giovanni e Giacomo
Mercoledì 18 marzo
Ore 15 – sala 2
LA FABBRICA
Ore 15 – Omicron (1963) di Ugo Gregoretti
Ore 17 – incontro con Fausto Bertinotti
Ore 18 – Signorinaeffe (2007) di Wilma Labate
Ore 21 – sala 1
MARIO MONICELLI PRESENTA
I compagni (1963)
Giovedì 19 marzo
Ore 15 – sala 2
IL MONDO CONTADINO
Ore 14.30 – L’albero degli zoccoli (1978) di Ermanno Olmi
Ore 17.30 – incontro con Gianni Berengo Gardin
Ore 18.30 – Il pianeta azzurro (1987) di Franco Piavoli
Ore 21 – sala 1
ETTORE SCOLA PRESENTA
C’eravamo tanto amati (1974)
Cinema Massimo
Via Verdi 18, Torino
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
In collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema.
Direzione scientifica: Giovanni De Luna
Direzione artistica: Carlo Chatrian e Luciano Barisone
Comitato scientifico: Giaime Alonge, Alberto Barbera, Gian Paolo Caprettini, Giulia Carluccio, Enrico Mattioda, Peppino Ortoleva, Franco Prono, Chiara Simonigh, Liborio Termine, Dario Tomasi, Federica Villa.
Un grazie alla Cineteca del Comune di Bologna per il prestito di "Diario di un maestro" e il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale per il prestito di "San Michele aveva un gallo", "L’albero degli zoccoli", "Il pianeta azzurro", "C’eravamo tanto amati". 3

Lunedì 16 marzo, ore 21 – Teatro Carignano
LA MUSICA COME IDENTITÀ NAZIONALE
Un concerto eccezionale con le arie più conosciute e amate dei grandi compositori italiani dell’800, storici ambasciatori della cultura e dell’identità italiano nel mondo. Un evento unico, nella splendida cornice dell’appena restaurato Teatro Carignano, con l’orchestra Sinfonica della Rai diretta da Michele Mariotti.
PROGRAMMA:
Giuseppe Verdi: La Forza del Destino, I Vespri Siciliani, Nabucco, Luisa Miller
Gioacchino Rossini: Guglielmo Tell
Gaetano Donizetti: La Favorita
Ludwig van Beethoven: Egmont
Teatro Carignano
Piazza Carignano 6, Torino
Ingresso libero fino ad esaurimento posti, previo ritiro del biglietto dal 7 marzo presso la Biglietteria del Teatro Stabile, presso il Salone delle Guardie della Cavallerizza Reale, via Verdi 9, Torino. Orari: da martedì a sabato, ore 12.00 / 19.00.
In collaborazione con la RAI – Radio Televisione Italiana e con il Teatro Stabile di Torino.
Il concerto sarà trasmesso, in diretta, su Radio 3 Rai ed andrà in onda, il 19 marzo, durante la trasmissione di rai Due "Palco e Retropalco".
Martedì 17 marzo, ore 11,30
PRESENTAZIONE DEL LIBRO "LA RISCOPERTA DELLA PATRIA"
Paolo Peluffo, Consigliere della Corte dei Conti, ex portavoce del Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi, incontra gli studenti del Convitto Nazionale Umberto I per discutere insieme a loro di identità italiana, traendo spunto dal suo ultimo lavoro editoriale "La riscoperta della Patria". (Incontro chiuso al pubblico).
Martedì 17 marzo, ore 21 – Unione Industriale
FARE GLI ITALIANI? L’IDENTITÀ NAZIONALE VERSO IL 2011
Un dibattito aperto a tutti, per trovare la risposta a una grande questione italiana: sono bastati 150 anni per costruire una identità nazionale oppure ancora oggi resta da compiere la missione di "fare gli italiani?". Ne parleremo insieme a Walter Barberis, storico e autore del saggio "Il bisogno di patria", a Ezio Mauro, giornalista e direttore di la Repubblica, e a Paolo Peluffo, Consigliere della Corte dei Conti, ex portavoce del Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi e autore di "La riscoperta della patria". 4

Unione Industriale, Sala dei Cinquecento
Via Fanti 17, Torino
Ingresso libero fino ad esaurimento posti previo ritiro del biglietto a partire dal 24 febbraio presso l’Unione Industriale (9-12,30, 14,30-18) o tramite web sul sito www.centrocongressiagora.it.
In collaborazione con la Repubblica e con Unione Industriale Torino.
Venerdì 20 marzo
Ore 21
CARA ITALIA: LO STORICO CARTEGGIO TRA VERDI E CAVOUR
Un concerto ispirato allo scambio epistolare, passato alla storia, tra il primo Presidente del Consiglio del Regno d’Italia e il patriota, che fu membro del primo Parlamento.
Con il Coro Accademia della Voce di Torino e il Coro Sonia Franzese, il soprano Anna Pirozzi e il tenore Massimo Musicò, Luisella Germano al pianoforte e le letture di Mario Brusa.
Castelnuovo Nigra
Chiesa Parrocchiale
Piazza Martiri della Libertà, Castelnuovo Nigra
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
In collaborazione con la Provincia di Torino
Sabato 21 marzo
Ore 21
CANTI POPOLARI DEL PIEMONTE: NIGRA E SINIGAGLIA
La Camerata Corale La Grangia, diretta dal Maestro Angelo Agazzani, presenta una selezione di antichi canti popolari scritti nell’Ottocento dal patriota Costantino Nigra e da Leone Sinigaglia.
Castello di Moncalieri
Piazza Baden Baden , Moncalieri
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
In collaborazione con la Provincia di Torino
Domenica 22 marzo
PASSEGGIATE ITALIANE
Un giornata alla scoperta delle Residenze Reali di Torino e del Piemonte, capolavori di grandi artisti e architetti italiani e teatro di importanti vicende della storia nazionale. Visite guidate e iniziative presso i palazzi e i loro splendidi parchi: un tour ai Castelli di Agliè e Racconigi, una passeggiata nel centro storico di Torino, attività al Parco La Mandria. 5

Tour Agliè-Racconigi: partenza dalle OGR (corso Castelfidardo 22, Torino) alle ore 8 e 9.30 in pullman, pausa pranzo libera, rientro previsto alle ore 17. Ingresso gratuito ai castelli, €10 per le spese di trasporto. Prenotazione obbligatoria al numero verde 800 329329 (tutti i giorni ore 8-22). Pagamento della quota di iscrizione entro 7 giorni dalla prenotazione presso InfoPiemonte (piazza Castello ang. via Garibaldi, Torino).
Passeggiata storica: partenze ore 10/12/14 e 16 da Piazza Castello (di fronte alla cancellata di Palazzo Reale), durata 2 ore. Partecipazione gratuita, prenotazione obbligatoria.
Per informazioni e prenotazioni: numero verde 800 329329 (tutti i giorni, ore 8-22), www.abbonamentomusei.it.
Attività al Parco La Mandria: visite guidate agli appartamenti Reali di Vittorio Emanuele II al Borgo Castello e emozionanti escursioni alla Villa ai Laghi in carrozza, attività e laboratori all’aperto, trekking nel parco e un suggestivo spettacolo nella chiesetta di San Giuliano.
A partire dalle ore 10. Visite agli Appartamenti Reali del Borgo Castello alle ore 10.30, 11.30, 14, 15 e 16.
A pagamento. Prenotazione obbligatoria al Punto Informativo Ponte Verde, tel. 011 4993381.
In collaborazione con l’Associazione Torino Città Capitale Europea e l’Ente di Gestione del Parco Regionale La Mandria e dei Parchi e delle riserve delle Valli di Lanzo.
Si ringrazia la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte.
Media Partner di Italiani. Immagine e identità: La Repubblica
UN EVENTO ORGANIZZATO DAL COMITATO ITALIA 150
Ha il compito di organizzare gli eventi per i 150 anni dell’unità d’Italia a Torino e in Piemonte. Ne fanno parte il Governo Italiano, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Unioncamere Piemonte, l’Università degli Studi di Torino, il Politecnico di Torino, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale e l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche.
———————————————-
Comitato Italia 150
Corso Vinzaglio, 17
10121 Torino – Italy
T +39 011 5539600 E info@italia150.it W www.italia150.it
Ufficio Stampa Comitato Italia 150:
Silvia Bianco – T +39 011 5539606 M +39 333 8098719 E s.bianco@italia150.it
Silvia Vezzoli – T +39 011 5539615 M +39 349 4238411 E s.vezzoli@italia150.it

GLI ITALIANI. RACCONTI TRA CINEMA E STORIA

Otto ospiti straordinari per commentare i capolavori dei registi italiani e discutere dell’identità del nostro Paese.
Direttore scientifico del programma Giovanni De Luna.
A due anni dall’anniversario che si festeggerà il 17 marzo 2011, Torino ospita uno straordinario programma di eventi dedicato agli italiani, in cui il cinema occupa un posto di primo piano grazie a questa importante rassegna organizzata dal Comitato Italia 150 e dal Museo Nazionale del Cinema con il sostegno economico della Regione Piemonte.
Dal 16 al 19 marzo si terrà il ciclo "Gli italiani. Racconti tra cinema e storia" composto da otto appuntamenti, con la proiezione di dodici capolavori di registi italiani che hanno messo in scena il nostro Paese e i suoi abitanti. Quattro giornate in cui il passato delle immagini filmate e il presente delle parole degli ospiti in sala accompagneranno gli spettatori in un viaggio emozionante tra cinema e storia.
Il calendario prevede due appuntamenti al giorno, uno al pomeriggio e uno alla sera. I pomeriggi saranno dedicati a quattro luoghi reali e simbolici che hanno "unito" gli italiani in questi 150 anni – la scuola, il viaggio, la fabbrica, il mondo contadino – analizzati ciascuno attraverso due film (da "La scuola" di Daniele Luchetti a "L’albero degli zoccoli" di Ermanno Olmi, passando per "Il cammino della speranza" di Pietro Germi e "La signorina Effe" di Wilma Labate) e grazie al commento di ospiti d’eccezione, tra cui Margherita Oggero, Fausto Bertinotti e Gianni Berengo Gardin.
Le serate vedranno invece ospiti quattro grandi autori del cinema italiano, invitati a presentare il film da loro ritenuto emblematico dell’Italia al cinema. Il primo sarà Mario Martone, proprio in questi giorni impegnato nelle riprese di "Noi credevamo" un film ambientato nel periodo risorgimentale, che introdurrà lunedì 16 marzo "San Michele aveva un gallo" di Paolo e Vittorio Taviani. Il 17 il noto comico Giacomo Poretti presenterà "Tre uomini e una gamba", da lui girato con il trio Aldo, Giovanni e Giacomo, mentre il 18 Mario Monicelli ci riproporrà il suo capolavoro "I compagni", girato a Torino nel 1963. Chiuderà il ciclo Ettore Scola, con una pietra miliare del cinema italiano: "C’eravamo tanto amati". 2

L’iniziativa (la cui direzione scientifica è affidata a Giovanni De Luna, la direzione artistica a Carlo Chatrian e Luciano Barisone e che conta un comitato scientifico composto da Giaime Alonge, Alberto Barbera, Gian Paolo Caprettini, Giulia Carluccio, Enrico Mattioda, Peppino Ortoleva, Franco Prono, Chiara Simonigh, Liborio Termine, Dario Tomasi, Federica Villa) riprenderà in autunno con un programma di attività didattiche rivolte alle scuole superiori e con un convegno, organizzato con l’Università di Torino, dedicato al complesso intreccio culturale tra cinema e storia.
Il programma completo è su www.italia150.it.
———————————————-
Comitato Italia 150
Corso Vinzaglio, 17
10121 Torino – Italy
T +39 011 5539600 E info@italia150.it W www.italia150.it
Ufficio Stampa Comitato Italia 150:
Silvia Bianco – T +39 011 5539606 M +39 333 8098719 E s.bianco@italia150.it
Silvia Vezzoli – T +39 011 5539615 M +39 349 4238411 E s.vezzoli@italia150.it

Ufficio Stampa Museo Nazionale del Cinema
Veronica Geraci T +39 011 8138509 – M +39 335 1341195 E geraci@museocinema.it

U f f i c i o S t a m p a
RAI: LA MUSICA INCONTRA LA STORIA
Verso Torino 2011: al Teatro Carignano di Torino, su Radiotre e Raidue l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai propone la "colonna sonora" dell’Unità Italiana.

La Rai e Torino: un rapporto di oltre mezzo secolo, un pezzo di storia della città e, insieme, del patrimonio culturale italiano. Anche per questo la Rai sarà una presenza attiva nelle manifestazioni del 2011 per i 150 dall’Unità d’Italia, a partire – già da ora – con l’adesione alla rassegna "Italiani. Immagini e identità" che si svolge nel capoluogo piemontese dal 16 al 22 marzo prossimi.
Una presenza da "ascoltare" e "vedere" con il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in programma lunedì 16 marzo alle 21.00 al Teatro Carignano di Torino, storica sede del primo Parlamento italiano. La serata – presentata da Roberto Giacobbo e intitolata "La musica come identità nazionale" – sarà trasmessa in diretta su Radiotre e successivamente da Raidue per "Palco e Retropalco", nella puntata in onda giovedì 19 marzo alle 23.35.
Il programma del concerto è, insieme, un omaggio alla grande musica italiana dell’800 e al suo essere "ambasciatrice" all’estero dell’identità nazionale, ancor prima che fosse realizzata l’unità politica. E uno dei compositori simbolo di quell’epoca è Giuseppe Verdi del quale l’Orchestra Rai presenta alcune celebri ouvertures e sinfonie d’opera: da Nabucco a I Vespri siciliani a La forza del destino e Luisa Miller. Oltre a Verdi, protagonisti anche Gioachino Rossini, con Semiramide e la celebre Sinfonia del Guglielmo Tell, Gaetano Donizetti con la sua Favorita e Beethoven con l'ouverture per il dramma di Goethe Egmont, scritta nel 1810: un’opera che ripropone con forza il tema del conflitto per l'indipendenza nazionale.
Sul podio il giovane direttore italiano Michele Mariotti, recentemente nominato Direttore principale dell'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna.
Così la Rai inizia il proprio cammino di avvicinamento alle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nel 2011, anno in cui la Rai e la sua Orchestra Sinfonica Nazionale diretta da Riccardo Chailly realizzeranno anche "Cenerentola", l’opera di Gioachino Rossini in diretta mondovisione, con la regia di Luca Ronconi. Un evento – ideato e prodotto da Andrea Andermann con la Rai, nell’ambito del progetto "Le vie della musica" – che porterà alla ribalta internazionale Torino e le sue dimore sabaude, anch’esse profondamente legate alla storia dell’Unità italiana.

ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI

L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai è nata nel 1994: i primi concerti furono diretti da Georges Prêtre e Giuseppe Sinopoli. Jeffrey Tate è stato Primo direttore
ospite dal 1998 al 2002, assumendo quindi il titolo di Direttore onorario. Dal 2001 al 2007 Rafael Frühbeck de Burgos è stato Direttore principale. Nel triennio 2003-2006 Gianandrea Noseda è stato Primo direttore ospite. Dal 1996 al 2001 Eliahu Inbal è stato Direttore onorario dell’Orchestra.
Altre presenze significative sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai sono state quelle di Carlo Maria Giulini, Wolfgang Sawallisch, Mstislav Rostropovic, Myung-Whun Chung, Riccardo Chailly, Lorin Maazel, Zubin Mehta,
Yuri Ahronovitch, Marek Janowski, Dmitrij Kitaenko, Aleksandr Lazarev, Valery Gergiev, Gerd Albrecht, Yutaka Sado, Mikko Franck.
L’Orchestra tiene a Torino regolari stagioni concertistiche, affiancandovi spesso cicli primaverili o speciali: fra questi fortunatissimo quello dedicato alle nove Sinfonie di Beethoven dirette da Rafael Frühbeck de Burgos nel giugno 2004. Dal febbraio 2004 si svolge a Torino il ciclo Rai NuovaMusica: una rassegna dedicata alla produzione contemporanea che si articola in concerti sinfonici e da camera.
L’Orchestra – protagonista anche di trasmissioni televisive – svolge una ricca attività discografica, specialmente in campo contemporaneo. Dai suoi concerti dal vivo, sempre trasmessi su Radio 3 Rai, sono spesso ricavati CD e DVD.
Numerosi premi e riconoscimenti sono stati conferiti all’Orchestra Rai sia in ambito discografico, sia per produzioni e rassegne specifiche.

MICHELE MARIOTTI

Nato a Pesaro nel 1979, dopo aver concluso gli studi umanistici, si è diplomato in composizione presso il Conservatorio "Rossini" di Pesaro, e presso l’Accademia Musicale Pescarese sotto la guida di Donato Renzetti. Nel settembre 2005 ha fatto il suo debutto operistico dirigendo Il Barbiere di Siviglia di Rossini. Tra il 2006 e il 2007 ha diretto al Teatro della Fortuna di Fano (Gianni Schicchi), al Festival di Wexford (Don Gregorio), al Teatro Comunale di Bologna e al Teatro Comunale di Ferrara (Italiana in Algeri), al Teatro Regio di Torino (ll Barbiere di Siviglia). In ambito concertistico è salito sul podio dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, dell’Orchestra del Maggio Musicale Formazione, dell’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, dell’Orchestra Toscanini. Inoltre ha ricevuto inviti dal Carlo Felice di Genova, dal Grand Liceu di Barcellona, dal Teatro Valli di Reggio Emilia.
Nel novembre del 2007 ha aperto la stagione 2007/2008 del Comunale di Bologna dirigendo Simon Boccanegra. Subito dopo è stato nominato Direttore principale dell’Orchestra del Comunale di Bologna. Nel 2008 ha diretto al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, al Festival di Perelada, ha debuttato in Rigoletto a Lima, ha ripreso Il Barbiere di Siviglia a Las Palmas di Gran Canaria, ha debuttato ne I Puritani a Minorca e nel Nabucco a Reggio Emilia per il Festival Verdi.
Nell’aprile del 2009 dirigerà Don Pasquale al Teatro Regio di Torino.

 

AL VIA "ITALIANI. IMMAGINI E IDENTITÀ", UN EVENTO PER SEGNARE IL CAMMINO VERSO IL 2011