James Cameron sui suoi Avatar

Il regista ha partecipato ad una chat con Domande e Risposte di Ask Me Anything su Reddit per promuovere il documentario sui cambiamenti climatici, Years Of Living Dangerously, ma l'attenzione dei fan è ricaduta sui viaggi di ritorno al Mondo di Pandora. Alla domanda sullo stato attuale dei progetti Cameron risponde con tempistiche dalla progressione rapida "Il secondo, il terzo e il quarto film saranno prodotti contemporaneamente, adesso sono in pre-produzione, stiamo ancora sviluppando le creature e i personaggi. Dovremmo finire gli script entro sei settimane"

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Gli chiedono se si senta sotto pressione nella realizzazione dei sequel e il regista sostiene: "C'è sempre pressione sia che si tratti di un nuovo film o di un sequel…La pressione più grande per me è tagliare le cose che amo. Purtroppo sono costretto a dare al film una lunghezza che sia conveniente per la distribuzione in sala", ricordando che il primo capitolo della saga è incappato nelle stesse difficoltà. "La post-produzione è stata davvero difficile – ha aggiunto –  il film era troppo lungo e ci ho messo un anno solo a montarlo, togliendo qualcosa come 45 minuti di film. Quando è uscito al cinema pensavamo ancora che fosse troppo lungo, ed invece per il pubblico era troppo corto: volevano sapere di più di quel mondo che avevamo creato"

 

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Aggiunge circa le nuove tecnologie: "Tutti i film dovrebbero essere realizzati in 3D, ma la cosa importante è che vengano proiettati nella maniera corretta, con più luminosità. Voglio che il pubblico li veda dentro a dei bei cinema, nella stessa situazione in cui li vedo io, nella mia sala da proiezione ben calibrata. E invece ciò non accade. Vorrei che gli schermi fossero più grandi. E sul piano narrativo, vorrei che Hollywood iniziasse a scrivere film con l'approccio che viene utilizzato oggi in alcune serie tv: più enfasi sui personaggi e meno sulle esplosioni e gli effetti visivi". (m.t.s.)