James Gray: "un film tutto dal punto di vista del killer"

James Gray girerà un film dal thriller THE GRAY MAN
Abbandonati alcuni progetti precedenti, tra cui The Lost City of Z a causa dell'abbandono dell'attore e produttore Brad Pitt e passata a Guillaume Canet la regia di Rivals, James Gray ha firmato per dirigere un adattamento del thriller d'esordio, e primo di una serie, di Mark Greaney, The Gray Man

 James Gray girerà un film dal thriller THE GRAY MAN

--------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

 

Abbandonati alcuni progetti precedenti, tra cui The Lost City of Z a causa dell'abbandono dell'attore e produttore Brad Pitt e passata a Guillaume Canet la regia di Rivals, James Gray ha firmato per dirigere un adattamento del thriller d'esordio, e primo di una serie, di Mark Greaney, The Gray Man.

 

Come riporta Deadline, Adam Cozad (Moscow, nuova avventura della spia di Tom Clancy Jack Ryan)  si è occupato dello script, che vede un killer ex agente della CIA in fuga attraverso l'Europa, nel mirino di una potente multinazionale e impegnato a salvare la vita in pericolo del suo mentore e della sua famiglia.

 

L'inseguimento nella pioggia di WE OWN THE NIGHTPur ammirando l'approccio di Paul Greengrass alla trilogia di Bourne, Gray vuole andare in una direzione diversa, citando ad esempio la (splendida) sequenza dell'inseguimento automobilistico sulla strada battuta dalla pioggia in I padroni della notte, e girare il film tutto dal punto di vista dell'assassino: “Voglio fare l'opposto dello stile documentaristico, obiettivo di Greengrass: nella scena di We Own the Night vedevamo tutto dal punto di vista di Joaquin, dall'interno della macchina. Ecco un buon modo per entrare in empatia con un killer professionista. Bisogna renderlo umano, senza mai prendere le distanze dalla sua esperienza. Questa storia ha una posta in gioco emotiva tale che mi permette di farlo”.

 

A produrre il  film, la New Regency con Paul Webster e Stephen Garrett della Shine Pictures. Webster si è già occupato dei primi due film di James Gray,  Little Odessa e The Yards. Nell'attesa, riproponiamo un ritratto di James Gray e lo speciale Two Lovers di Sentieri Selvaggi.