Jonathan Demme al NapoliFilmFestival

Il regista americano… premio Oscar nel 1991 per Il silenzio degli innocenti, e autore di film come Beloved, commovente e straordinario affresco sulla schiavitù afroamericana, e non solo… il cui indimenticabile finale è stato ripreso da Tim Burton e Mike Johnson per liberare la loro amata Euridice de La sposa cadavere; The truth About Charlie, sguardo personale, intimo, danzante tra il cinema di Stanley Donen (Charade) e la Parigi nouvellevague di Françoise Truffaut; The Manchurian Candidate, potente e contemporanea caduta degli dei di viscontiana memoria, nella parabola 'incestuosa' dei corpipolitici (Liev Schreiber/Meryl Streep come Helmut Berger/Ingrid Thulin); Rachel sta per sposarsi, con i suoi meravigliosi ritratti femminili (Anne Hathaway, Debra Winger, Rosemarie DeWitt) vicini a quelli del cinema di Jacques Rivette, con il suo farsi in divenire, con la musica dal vivo sul set, dentro il film (omaggio ancora a Rivette, ciò che qui è più presente sono le sequenze con il pianoforte che suona in Duelle…); Una vedova allegra… ma non troppo, affascinante gioco teorico sul montaggio, sul farsi-rifarsi del film, nel suo montare sui titoli di coda le sequenze eliminate che propongono un altro punto di vista: cinema come ri-lettura, re-visione, che richiama alla mente le riflessioni del filosofo americano Nelson Goodman e del suo Vedere e costruire il mondo (Ways of World-making, 1978), nel quale è scritto che “il fabbricare mondi … è sempre partire da mondi già a disposizione; il fare è un rifare”; e ancora la Haiti di The Agronomist, gli Stati Uniti di Man from Planis, il Ryman Auditorium di Nashville di Heart of Goldspazitempi che rendono il cinema per Demme ciò che la filosofia era per Novalis: “desiderio di trovarsi dappertutto come a casa propria”… Il regista americano sarà al NapoliFilmFestival, giovedì 10 giugno.

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------

Helmut Berger e Ingrid Thulin ne La caduta degli dei di Luchino Visconti

---------------------------------------------------------------------
IL PRIMO NUMERO DI SENTIERI SELVAGGI IN OFFERTA AL 50% NEL MESE DI APRILE

---------------------------------------------------------------------

Liev Schreiber e Meryl Streep in The Manchurian Candidate di Jonathan demme