La crociata, di Louis Garrel

Louis Garrel dirige l’ultima sceneggiatura firmata da Carrière: un apologo ecologista dallo sguardo fanciullesco.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Joseph Engel già ne L’uomo fedele battibeccava con Louis Garrel, impegnato a ricucire il suo rapporto con la madre Laetitia Casta. In La crociata e si prende definitivamente la scena, diventando il motore narrativo di un apologo, fin troppo nitido, di battaglia ecologistica. Tutto parte quando si scopre che il tredicenne Joseph ha venduto un’innumerevole quantità di “beni” di famiglia. Orologi da collezione di Abel, il padre, vestiti e gioielli di Marianne, la madre, i libri del nonno, bottiglie di vino pregiate… Ovviamente si scatena il panico in casa. Ma quando il ragazzino svela le vere ragioni delle sue malefatte, si apre la crisi di coscienza. Un fantomatico viaggio in Africa. Per cosa? Per salvare il pianeta. E come si salva il pianeta? Portando il mare nel Sahara, creando una rete di laghi e fiumi capaci di innaffiare il deserto e ridare respiro al mondo. Hai detto niente! Ma i soldi ci sono, al progetto sono interessati governi, ministeri, multinazionali, già sono stati rilasciati i permessi e si è messa in moto una rete organizzativa globale. I ragazzi fanno dannatamente sul serio. E agli adulti non resta che giocare a fare i grandi.

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI - NUOVA SCADENZA: 29 settembre!

----------------------------

Alla base c’è un’invenzione profetica di Jean-Claude Carrière, sul mondo salvato dai bambini, già prima delle battaglie di Greta Thunberg (che appare in un accorato discorso, come a certificare la validità dell’intera operazione). Louis Garrel prima nicchia, poi si rende conto delle potenzialità di questa fiaba “utopica”. E così La crociata è l’ultima sceneggiatura firmata da Carrière, scomparso lo scorso febbraio: una trovata forte, su cui si sviluppa una trama esilissima, quasi impalpabile, come un miraggio nel deserto… Ma non si tratta, certo, di un film militante, nonostante l’urgenza dei temi e delle discussioni. Perché, oltre i discorsi e le contrapposizioni, oltre le fiammate di divertimento grottesco (come l’idea di sterminio di massa, 3-4 miliardi di adulti giovani e riproduttivi da sacrificare per il bene collettivo), al di là delle scene surreali di una Parigi deserta per una non meglio identificata emergenza (lo spettro del Covid?), c’è sempre la trama sottile delle relazioni sentimentali. E qui vengono meno le differenze tra adulti scettici e malati di rassegnazione e ragazzini determinati a cambiare il mondo. Joseph, alle prime armi, sperimenta il sapore dolceamaro dei sussulti del cuore. E sembra già sviluppare le nevrosi e le fragilità dei grandi. Del resto è diventato un uomo, nel bene e nel male, come dice Marianne a un perplesso Abel.

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

Il fatto, poi, che in La crociata tornino gli stessi interpreti e gli stessi personaggi (ma sono davvero gli stessi personaggi?) del film precedente, è il segno di come Garrel voglia portare avanti un’ipotesi di cinema familiare, una continuità di storie e temi, pur nella diversità d’accenti. Una realtà di relazioni che resta incasinata oltre la chiarezza della parabola, oltre la lucida chiaroveggenza delle menti e delle aspirazioni adolescenziali. E l’elegante sensibilità del padre cede sempre più il passo a una via personale di leggerezza, in cui avverti il riverbero degli anni in tasca. Forse non si va troppo lontani dal gioco. Eppure, in quest’aria lieve, puoi intravedere uno sguardo finalmente fanciullesco, la speranza di nuovi sviluppi, di orizzonti più tersi e azzurri.

 

Titolo originale: La croisade
Regia: Louis Garrel
Interpreti: Louis Garrel, Laetitia Casta, Joseph Engel, Ilinka Lony, Julia Boème, Lionel Dray
Distribuzione: Movies Inspired
Durata: 67′
Origine: Francia, 2021

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3
Sending
Il voto dei lettori
2.83 (6 voti)
--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative