La mia ombra è tua, di Eugenio Cappuccio

Il nuovo film di Cappuccio, presentata al Taormina Film Festival, è una commedia generazionale incompiuta, incapace di far crescere i suoi personaggi e di inquadrare l’età dei 25enni e dei 50enni

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

A Emiliano, protagonista di La mia ombra è tua di Eugenio Cappuccio interpretato da Giuseppe Maggio (Baby e Sul più bello), viene più volte rimproverato di vivere in un “bozzolo”. Lì dentro, cova e ribolle la dimessa rabbia di chi è convinto che, nell’Italia di oggi, la sua laurea in Lettere non valga nulla. Una visita al suo professore (Claudio Bigagli), però, cambia tutto. Questo gli offre un posto da assistente/controllore del Vezzosi, scrittore libertino e di enorme successo interpretato da Marco Giallini. Emiliano deve infatti assicurarsi che lo scrittore non si perda nel componimento del seguito del suo unico romanzo, I lupi dentro. Un rischio più che concreto, visto che per Vezzosi, ora molto diverso dal fresco ritratto nel quarto di copertina del romanzo, la scrittura è molto lontana dall’essere una priorità.

----------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ, per Fare Cinema

----------------------------

Il sesto film di finzione di Cappuccio, tratto dal romanzo ominimo di Edoardo Nesi (anche co-sceneggiatore) si inserisce fin dai primi minuti nel solco della commedia generazionale. I frequenti scontri tra un ragazzo che non si fa mai trascinare dalle emozioni e uno scrittore che ha trovato nel libertinaggio il miglior modo per non crescere solo in alcune situazioni riesce davvero ad accendersi. La comicità, spesso sostenuta da momenti imbarazzanti come gli spari con i quali Vezzosi accoglie Emiliano o lo striptease, perde di potenza a mano a mano che si conoscono i personaggi. Quando poi la narrazione dovrebbe ingranare una marcia più alta, ossia nel momento in cui i due devono partire per Milano, alla volta di una mega-conferenza di presentazione, il passo di La mia ombra è tua invece rallenta.

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

 

Se non bastasse un ritmo quantomeno altalenante, nel quale gli unici scatti sono affidati agli attori (con Giallini comunque troppo spesso nella parte di sé stesso), anche il discorso generazionale è traballante. A partire dallo stile, che in La mia ombra è tua non si distacca minimamente dai canoni della commedia italiana contemporanea nemmeno quando entra in contatto con l’immaginario di Internet. Le schegge social si inficcano così in una struttura tradizionale, ferendola più che mutandola. Il personaggio dell’influencer che nomina adorante il Vezzosi in ogni suo contenuto non è al centro di un ragionamento che sia più profondo di un dileggio della sua artificiosità. Così il quadro iniziale dell’avere 25 anni oggi non viene mai ritoccato o indagato a fondo, non uscendo mai dalla cornice di una rancorosa debolezza emotiva.

Così, la condanna a non riuscire a crescere che si abbatte sui personaggi del film, condiziona anche sullo stesso La mia ombra è tua. Lo svelamento dell’inganno di Vezzosi non è il salto oltre la staccionata, il primo di una lunga catena di cambiamenti. È solamente il pretesto per farsi da parte e lasciare che qualcuno di più giovane occupi lo spazio lasciato vuoto. Infine, la sensazione che rimane quando partono i titoli di coda del film è quella di un prodotto appartenente alla generazione precedente, che con saccenza pretende di poter dire qualcosa ai giovani di oggi, ma senza gli strumenti per farlo e, soprattutto, senza aver davvero capito neppure sé stessi.

 

Regia: Eugenio Cappuccio
Interpreti: Marco Giallini, Giuseppe Maggio, Anna Manuelli, Sidy Diop, Claudio Bigagli, Leopoldo Mastelloni, Miriam Previati, Alessandra Acciai, Isabella Ferrari
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 107′
Origine: Italia, 2022

1.8
Sending
Il voto dei lettori
2.6 (5 voti)
--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative