La notte e la città. Sentieri Selvaggi incontra Fulvio Risuleo

Fulvio Risuleo incontra gli studenti e la redazione e ci anticipa i temi del venturo Notte Fantasma, presentato a Venezia e in arrivo ad Alice nella città a Roma e nelle sale italiane a novembre

----------------------------
UNICINEMA – PIU' DI UN'UNIVERSITÀ, MEGLIO DI UNA SCUOLA DI CINEMA

----------------------------

Fulvio Risuleo torna a Sentieri Selvaggi in occasione della consegna delle Borse di Studio della Scuola di Cinema di Sentieri Selvaggi. Il regista romano ha da poco presentato il suo terzo lungometraggio, Notte Fantasma, alla 79ma edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nella sezione Orizzonti Extra. Il film, inoltre, farà parte della programmazione di Alice nella Città al Festival del Cinema di Roma e uscirà in sala a novembre.

Guarda in alto, Il colpo del cane, e anche il nuovo lungometraggio sono ambientati in giro per la città, mentre nei cortometraggi di Risuleo non si esce dalla stanza. Lievito madre è tutto ambientato dentro l’appartamento, Varicella è al 90% anche e L’Uomo materasso dentro un letto: “Perché costa meno” scherza Risuleo, “si può controllare meglio. Quello che a me piace dei cortometraggi è che i tempi possono essere più lunghi e più dilatati. La concentrazione è maggiore per chi guarda i cortometraggi. La concentrazione è una cosa su cui io rifletto molto rispetto alla creazione di un film. Quando hai 15 minuti ti puoi concedere delle cose anche più complesse. Ad esempio, Varicella era l’esperimento di una scena di 15 minuti ed è una cosa che per un lungometraggio non ho mai fatto. Mi è piaciuto molto constatare sul pubblico come rimanevano interessati fino alla fine proprio perché c’è un dialogo che stimola la curiosità di capire dove andrà a parare. Nei cortometraggi ci si può permettere il lusso di dilungarsi un po’ sulle piccole cose”.

Edoardo Pesce è oramai l’attore-feticcio del regista, sono a quattro collaborazioni consecutive. “Edoardo l’ho conosciuto su Varicella, dopo aver visto un film di Enrico Maria Artale, Il terzo tempo, dove lui faceva un piccolo ruolo. Mi era rimasto impresso perché era molto realistico, un bel modo di recitare e aveva l’età giusta per Varicella. Visto che Enrico lo conosco gli ho chiesto se poteva passarmi il contatto. Edoardo si è dimostrato disponibile e curioso, aveva visto dei corti che avevo fatto che gli sono piaciuti. Si è fidato dopo aver letto la sceneggiatura, quella è stata la mia prima collaborazione. Una collaborazione fortunata. Avendo vinto la Semaine de la Critique grazie al corto ho velocizzato alcuni passi necessari per arrivare a fare il film. È stato un corto fortunato anche per Edoardo perché è stato notato da Garrone che poi lo ha voluto in Dogman”.

L’alterità del cinema di Risuleo in confronto al panorama italiano si esplicita anche nell’attenzione che il regista ripone nella funzione dirompente di elementi come la scenografia, i costumi, gli oggetti.  “Nel caso di Lievito Madre per me il lievito è un personaggio”, racconta il regista. “Doveva avere una sua psicologia e anche un’anima. Gli abbiamo dato l’anima di Glenn Gould, come se fosse una reincarnazione. Infatti quando viene suonato Bach il lievito si esalta. L’automobile di Notte Fantasma più che un personaggio è un luogo. Un luogo che si muove. Con la scenografa abbiamo potuto riflettere sulla macchina-luogo e non come personaggio. Abbiamo deciso che doveva essere una Alfa Romeo, tipica macchina in borghese e “un po’ fascia”, come ha detto Edoardo Pesce. L’automobile racconta molto del personaggio nei dettagli. Il materasso è uguale alla macchina, è un luogo. Ho cercato di renderlo più piacevole possibile. Ho pensato a tutte le cose, negli anni Novanta, che una persona potrebbe avere per stare bene”.

Potete rivedere l’intervista completa sulla pagina Facebook di Sentieri Selvaggi.

--------------------------------------------------------------
IL N.14 DELLA RIVISTA DI SENTIERI SELVAGGI

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative