La ragazza dei miei sogni, di Saverio Di Biagio

Tratto dall’omonimo romanzo di Francesco Dimitri, il film cerca di trattare la materia dell’occulto ma la sfiora solamente. Con Primo Reggiani, Miriam Giovannelli e Nicolas Vaporidis

Quanto reali sono i sogni e quanto li possiamo rendere noi tali? La scienza dell’occulto ha provato a rispondere con varie soluzioni e sono quelle che in maniera semplice tenta di spiegare il personaggio di Alessandro (Nicolas Vaporidis) a quello di P. (Primo Reggiani), scettico sul fatto che la sua nuova ragazza sia in realtà un essere con poteri spaventosi in grado di uccidere le persone. Questa fascinazione per quello che non può essere empiricamente testimoniato è ciò che traina l’intero film di Saverio Di Biagio, che prova a tutti i costi a svincolarsi dalla noia della commedia felice italiana. Ed alla fine ci riesce, perché poche volte si è visto un prodotto così ibrido.

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

Si intreccia il sentimento con il mistero, e ci si aggiunge anche qualche risata tra le varie tragedie. L’impressione è però che nessuno si sia preso sul serio in questa missione rinnovatrice e che si sia rimasti impigliati nella semplice aspirazione di farlo. I supporti visivi alla sceneggiatura scritta da Francesco Dimitri, stesso autore dell’omonimo successo letterario da cui è stato tratto il film, tentano solamente di catturare l’aura di mistero che vorrebbe esprimere La Ragazza dei Sogni, bloccato invece nella sua scrittura ed in una messa in scena tradizionale per il tipo di argomento trattato. Si susseguono le inquadrature multiple, la musica elettronica, scale e corse tra la notte, mentre viene solo accennato il settore sconfinato della psicologia che poteva raccogliere il personaggio della protagonista. Dunque la risposta su cosa sia questa ragazza misteriosa comparsa dal nulla e perché si nutra di alcune anime viene data solo in modo leggero, semplice, quasi a sfiorare il superficiale mentre risedeva proprio lì l’interesse che il prodotto poteva sfoderare davanti al pubblico annoiato. Invece si limita a guardarlo da lontano.

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Regia: Saverio Di Biagio
Interpreti: Primo Reggiani, Miriam Giovanelli, Nicolas Vaporidis, Chiara Gensini, Marco Rossetti, Remo Girone, Nicola Nocella, Jessica Paglialunga
Origine: Italia, 2016
Distribuzione: Draka Distribution
Durata: 95′

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7