La Top 20 di Tarantino

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

battle royaleIn un'intervista rilasciata a Sky Movies Quentin Tarantino si è divertito a stilare una lista dei suoi 20 film preferiti da quando ha esordito alla regia – ovvero dal 1992 – a oggi. Una lista per certi versi sorprendente, che rispecchia l'eterogeneità di gusti del regista americano, con alcune sorprese tra cui il Woody Allen di Anything Else e il Jan de Bont di Speed. Massiccia – com'era prevedibile – la presenza del cinema asiatico con i maestri Tsui Hark e Takashi Miike. Ci sono Michael Mann, Paul Thomas Anderson e c'è anche… Lars Von Trier!
Il primo posto in assoluto comunque se lo merita Battle Royale di Kinji Fukasaku.

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Ecco in ordine alfabetico la lista dei venti film:

“Anything Else?” (Woody Allen, 2003)
“Audition” (Takashi Miike, 1999)

------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
“Battle Royale” (Kinji Fukasaku, 2000)
“The Blade” (Tsui Hark, 1995)
“Boogie Nights” (Paul Thomas Anderson, 1997)
“Dazed and Confused” (Richard Linklater, 1993)
“Dogville” (Lars von Trier, 2003)
“Fight Club” (David Fincher, 1999)
“Friday” (F. Gary Gray, 1995)
“The Host” (Joon-ho Bong, 2006)
“The Insider” (Michael Mann, 1999)
“Joint Security Area” (Park Chan-wook, 2000)
“Lost in Translation” (Sophia Coppola, 2003)
“The Matrix” (Andy Wachowski, Larry Wachowski, 1999)
“Memories of Murder” (Bong Joon-ho, 2003)
“Supercop” (Stanley Tong, 1992)
“Shaun of the Dead” (Edgar Wright, 2004)
“Speed” (Jan De Bont, 1994)
“Team America: World Police” (Trey Parker, 2004)
“Unbreakable” (M/ Night Shyamalan, 2000)