"La verità è che non gli piaci abbastanza", di Ken Kwapis


La verità è che non gli piaci abbastanza

Dopo Sex and the City, la 01 si aggiudica l'ultima guida ai problemi del cuore, tratta dal best seller di Liz Tuccillo, autrice delle ultime stagioni dell’irriverente serie. Un cast da capogiro per una commedia irrimediabilmente romantica, imperdibile per ogni love addicted che si rispetti.

La verità è che non gli piaci abbastanza


Racconta Platone, come un tempo gli esseri umani fossero divisi in tre categorie: uomini, donne e androgini. Questi ultimi, composti in ugual misura da una parte maschile ed una femminile, erano talmente malvisti dagli dèi per la loro forza e superbia, da essere puniti con la separazione definitiva. Da allora, gli esseri umani vagano per la terra alla spasmodica ricerca della metà perduta, avventurandosi in una serie infinita di incastri, di cui solo uno si rivelerà essere la giusta combinazione.
Ma come trovare l’anima gemella tra condizionamenti sociali, rapporti sbagliati e segnali decisamente fraintendibili da parte dell’altro sesso?
Ken Kwapis risponde all’interrogativo con una commedia corale, in cui le vicende dei protagonisti si intrecciano indissolubilmente fino a dare una rappresentazione, tanto articolata quanto esaustiva, delle infinite possibilità dei rapporti di coppia. Dalla continua ricerca di certezze dell’insicura Gigi, ai consigli spassionati di Alex sull’universo maschile, passando per la relazione clandestina di una sensuale insegnante di yoga con un uomo stanco della routine matrimoniale, fino a chi, per sposarsi, rinuncerebbe anche ad un rapporto perfetto: le combinazioni del caso sembrano esserci proprio tutte.
Filo conduttore, incarnato da una dolcissima e nevrotica Ginnifer Goodwin, è lo scontrarsi dei sistemi di azione e pensiero diametralmente opposti degli universi maschile e femminile, dove una comunicazione ed un modus operandi diretti, privi di eccessive sovrastrutture mentali, cozzano con una sensibilità molto più articolata, in cui il non detto pesa più dell’esplicito e che si nutre pertanto di una tendenza ossessivamente dissezionatrice. Già la verità del titolo evoca infatti la tendenza tutta femminile a sviscerare significati nascosti, arrovellandosi su possibili interpretazioni di gesti e parole, non solo quando si è in cerca dell’anima gemella, ma anche nell’ambito delle dinamiche di coppia, al perenne inseguimento di un equilibrio in apparenza irraggiungibile.

Presta il volto a questi innamorati cronici un cast d’eccezione, che sembra chiamare a raccolta i giovani attori più affascinanti di Hollywood (molti di loro veterani del genere), tra i quali spicca la sensualità naturale della sempre più bella Johansson. Nato ispirandosi ad una battuta di un episodio di Sex and the city, il film ne conserva brio e romanticismo di fondo, a descrivere l’inestricabile matassa dei rapporti umani, è però soprattutto la leggerezza tipica della commedia sentimentale a stelle e strisce, in cui la bellezza dei protagonisti e la perfezione quasi stereotipata degli ambienti in cui si muovono, niente possono contro le pene del cuore.

 

Titolo originale: He’s Just Not That Into You
Regia: Ken Kwapis
Interpreti: Ben Affleck, Jennifer Aniston, Drew Barrymore, Jennifer Connelly, Scarlett Johansson, Kevin Connolly, Bradley Cooper, Ginnifer Goodwin, Justin Long
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 120’
Origine: USA, 2008

 

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative