L’accordo tra Disney e Sony per l’home video

La major di Topolino passa il testimone alla Sony che si occuperà della stampa e distribuzione delle versioni fisiche dei film. Una scelta delicata ma che può rivelarsi strategica.

--------------------------------------------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA ONLINE DAL 6 MAGGIO

--------------------------------------------------------------

La Disney compie forse uno dei passi più decisivi della propria storia recente e affida alla Sony la licenza di produzione e distribuzione dei suoi Blu-ray, Ultra HD 4K e DVD in USA e Canada. I primi cambiamenti erano avvenuti la scorsa estate, quando la Disney aveva deciso di non rilasciare più le versioni fisiche dei suoi film in Australia. La mossa cruciale però, avviene proprio con quest’ultimo accordo stipulato tra The Walt Disney Company e Sony Pictures Entertainment, che non solo cambia le carte in gioco, ma chiude definitivamente un’era. Una scelta delicata quella della Casa di Topolino, che presenta un assetto labile dopo il licenziamento di migliaia dei suoi dipendenti avvenuto nei mesi passati.

--------------------------------------------------------------
#SENTIERISELVAGGI21ST N.17: Cover Story THE BEAR

--------------------------------------------------------------

La mossa compiuta dalla Disney deriva dal suo impegno nel promuovere e spingere la propria piattaforma streaming Disney+. La major, passando il testimone alla Sony, decide comunque di continuare a digitalizzare i suoi film, che hanno accompagnato l’infanzia di tante generazioni, dimostrando nel tempo la loro natura evergreen. Sono ormai lontani gli anni Novanta, quando le pubblicazioni Disney erano assai pubblicizzate e soprattutto avvenivano per mano della major stessa. Le VHS riscuotevano un successo strepitoso ed assumevano un valore inestimabile per i collezionisti; stessa cosa accadeva poi con le uscite in DVD, precedute da annunci sulle riviste e quotidiani.

Allo stesso tempo questo cambiamento può rivelarsi strategico per continuare a supportare l’edizione fisica, con gli anni sempre più in declino a causa della fruizione streaming. Infatti, nonostante la crescita delle vendite dei DVD registrata nel 2023, dovuta grazie all’uscita di Oppenheimer in Ultra HD 4K, targato Universal (che ha riscosso un significativo successo), per il resto il numero generale delle vendite e noleggi è calato del 25%. Questo passo non segna la fine dei Blu-ray, Ultra HD 4K e DVD, ma senza dubbio delinea un cambiamento drastico, che comporta uno sfuggevole sguardo nostalgico verso quegli anni Novanta, ora ancora più lontani.

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE SCRIVERE E PRESENTARE UN DOCUMENTARIO, DAL 22 APRILE

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative


    Array