"L'anima gemella", di Sergio Rubini

Sembra ritornare nostalgicamente su un'Italia del passato L'anima gemella. Se nel precedente Tutto l'amore che c'è Rubini aveva rappresentato squarci di "educazione sentimentale" in un paesino della Puglia intorno alla metà degli anni Settanta, stavolta il Tempo appare più indefinito (possono essere gli anni Cinquanta come gli Ottanta) anche dai colori neutri, quasi pastellati, della fotografia di Paolo Carnera.


--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

Dentro L'anima gemella Rubini lascia esplodere la malattia della passione – quella di Teresa, la figlia di un ricco commerciante di pesce, che viene abbandonata sull'altare da Tonino perché questi è innamorato di Maddalena – facendo muovere i personaggi sulle strade di una Puglia solare e accecante, che sembra quasi consumare, bruciare i corpi. Dentro il film c'è ancora la presenza della terra che accompagna gli spostamenti come Il viaggio della sposa, c'è quella rottura di quei riti tradizionali che provocano disordine (il matrimonio non celebrato come l'arrivo delle ragazze milanesi di Tutto l'amore che c'è). Scritto da Rubini assieme a Domenico Starnone, L'anima gemella prosegue sulla quella fuga dal genere che ha spesso caratterizzato il cinema di Rubini; in quest'ultima opera, questa linea sperimentale convince comunque maggiormente delle opere precedenti, in quanto la follia dei personaggi si mescola con forza con i colori degli ambienti. L'opera è così pervasa da un'affascinante ebrezza, da una magia secolare che assume subito le deformazioni del grottesco, con una recitazione delle due interpreti (Valentina Cervi e Violante Placido), volutamente esagerata, che si scambiano i ruoli come Travolta e Cage in Face/Off, o che insistono marcatamente su ogni loro gesto per esibirlo (il modo in cui Valentina Cervi si mette il rossetto sul viso ha quasi echi lynchiani).

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Forse Rubini (che nel film si ritaglia il ruolo di un barbiere truffatore) sembra non fidarsi ancora di quell'autonomia di sguardo che, al sesto film da regista, sembra aver raggiunto, affidandosi ogni tanto a un'eccessiva tipizzazione dei ruoli secondari o a una sovrabbondanza dialettale che rimarca eccessivamente la collocazione geografica. Eppure, nei momenti più liberi, è proprio da opere come L'anima gemella che potrebbe ricrearsi una nuova forma di "commedia all'italiana" – sempre però al limite del genere, come tutto il cinema di Rubini regista – che possa non affidarsi prevalentemente a quel "contrasto della parola", limite/eredità che il cinema italiano si porta dietro fin dagli anni Cinquanta.


 

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Regia: Sergio Rubini
Sceneggiatura: Sergio Rubini, Domenico Starnone
Fotografia: Paolo Carnera
Montaggio: Angelo Nicolini
Musica: Pino Donaggio
Scenografia: Luca Gobbi
Costumi: Patrizia Chiericoni, Florance Emir
Interpreti: Valentina Cervi (Teresa), Violante Placido (Maddalena), Michele Venitucci (tonino), Sergio Rubini (Angelantonio), Dino Abbrescia (alessandro), Alfredo Minenna (Checco), Rino Diana (Cannito), Maria De Fano (Benedetta)
Produzione: Vittorio Cecchi Gori
Distribuzione: Medusa
Durata: 104'
Origine: Italia, 2002

Un commento

  • Laura S.(preziosa)
    Avatar

    E' un film che mi piace tantissimo,fra i suoi migliori che abbia visto lo vidi al cinema appena uscì e recentemente ho voluto rivederlo in dvd. Trovo particolare la trama,un misto inventato pieno di elementi misteriosi e magici. Teresa che per amore, ma più per capriccio suo e per vendetta, ricorre alla magia nera per tentare di ricondurre a sè l'amato. Mi è piaciuto il fatto che siano state messe in scena certe credenze popolari che ancora persistono, ma mescolate all'immaginazione. Trovo spettacolari le panoramiche sulla costa pugliese. Sono posti incantemvoli e affascinanti, nel film lo sembrano ancora di più. Credo che tutti coloro che non conoscono dal vivo questi luoghi, dopo aver visto il film, gli sia venuta voglia di visitarli(compresa me medesima).Sembra un film senza tempo. Gli unici indizi che ci sono è che si vedono ancora le vecchie lire, infatti il film uscì nelle sale che già circolava l'euro, ma fu girato almeno un paio d'anni prima.<br />Giudizio soddisfacente