LAVORI IN CORSO. Mastandrea, Ridley Scott, Muschietti, Sorkin, Corto Maltese

KIMERAFILM e RAI CINEMA hanno da poco rilasciato il primo manifesto ufficiale di Ride, esordio sul grande schermo di Valerio Mastandrea che decide di affrontare la sua prima grande prova dietro la macchina da presa con una storia dai forti tratti drammatici, nel volto protagonista di una donna sottoposta a difficili prove emotive.

Una domenica di maggio, a casa di Carolina si contano le ore. Il lunedì successivo bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale.
Se n’è andato Mauro Secondari, un giovane operaio caduto nella fabbrica in cui, da quelle parti, hanno transitato almeno tre generazioni. E da quando è successo Carolina, la sua compagna, è rimasta sola, con un figlio di dieci anni, e con una fatica immensa a sprofondare nella disperazione per la perdita dell’amore della sua vita..
Perché non riesce a piangere? Perché non impazzisce dal dolore? Sono passati sette giorni ormai e per lei sembra non essere cambiato nulla. Nonostante gli sforzi, non riesce ad afferrare quello strazio giusto, sacrosanto e necessario a farla sentire una persona normale. Manca un giorno solo al funerale e tutti si aspetteranno una giovane vedova devastata. Carolina non può e non deve deludere nessuno, soprattutto se stessa.

Prodotto da Paolo Bogna con Simone Isola, nel cast troveremo Chiara Martegiani, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi, Arturo Marchetti e Milena Vukotic.
Il film sarà distribuito nelle sale italiane a partire dal 29 novembre.
——————————————————————————————————————-
Un nuovo progetto bolle in pentola per Ridley Scott e non sta mancando di suscitare forti perplessità nella rete: ci riferiamo al sequel de Il gladiatore, la storica pellicola interpretata da Russel Crowe nel 2000.
Indiscrezioni a riguardo prolificavano da anni, sempre smentite, fino ad oggi.
Infatti Scott ha avviato ufficialmente la produzione del film, affidando lo script a Peter Craig (Hunger Games) che si occuperà di dare luce al volto di Lucio, figlio di Lucilla, nella ovvia impossibilità di continuare la storia che fu di Massimo Decimo Meridio.
Nessuna certezza riguardo le tempistiche dati gli innumerevoli impegni del regista al momento, da un nuovo capitolo di Alien all’action Queen & Country, fino al bellico Battle of Britain.
——————————————————————————————————————-
Sembrerebbe in arrivo un nuovo adattamento de La macchina del tempo, pietra miliare della letteratura fantascientifica firmato nel 1895 da H.G. Wells.
Nel 2002 fu proprio un pronipote del grande romanziere a portare sul grande schermo la sua personale trasposizione, ora è il regista Andy Muschietti ad essere fortemente interessato al progetto.
Il successo del primo capitolo di IT e il secondo episodio imminente, hanno portato a Muschietti una indubbia fortuna nel campo e Warner Bros con Paramount hanno deciso di allearsi per portare in sviluppo l’idea, tanto che la stesura (insieme alla collaboratrice e sorella Barbara) potrebbe già essere pronta.
Un volto tra i più noti sta già dando il suo contributo, sarà infatti Leonardo Di Caprio a produrre il film con la sua Appian Way.
——————————————————————————————————————-
Dopo l’esordio dello scorso anno con Molly’s Game, lo sceneggiatore Premio Oscar per The Social Network Aaron Sorkin torna alla regia con uno dei progetti più ambiziosi e interessanti che ha fatto molto discutere negli ultimi anni.
The Trial of the Chicago 7, titolo del film scritto dallo stesso Sorkin già nel 2007, prevedeva inizialmente dietro la macchina da presa lo sguardo di Steven Spielberg, poi passato a Paul Greenbass e infine a Ben Stiller. A quanto pare Sorkin ha vinto la battaglia per portare sul grande schermo questo travagliato dramma politico che, quasi sicuramente, vedrà tra i protagonisti Sacha Baron Cohen, attore accreditato da lungo tempo per interpretare la pellicola.
La trama seguirà la storia vera dei protestanti contro la guerra in Vietnam che nel 1968 si adoperarono per stravolgere la convention del Partito Democratico a Chicago, causando uno scontro con la polizia che ben presto diventò una vera e propria guerriglia cittadina. Alla fine una commissione di investigatori ritenne responsabili otto poliziotti e otto manifestanti. Gli agenti non andarono incontro ad alcun procedimento penale mentre i cittadini dovettero subire un processo. Siccome uno di loro fu incarcerato per oltraggio corte, gli imputati rimasero in sette.
——————————————————————————————————————-
Ogni lasciata è persa ma, probabilmente, questa sarà una grave mancanza della produzione cinematografica italiana. L’adattamento del nostro orgoglio fumettistico Corto Maltese, ideato nel 1967 da Hugo Pratt, è stato affidato ad una co-produzione europea messa insieme da Samuel Hadida con la sua Davis Films e la spagnola TriPictures.
Primo titolo di un probabile franchise, il film sarà diretto da Christophe Gans (Il patto dei lupi, Silent Hill) con un cast che ha già dato i nomi di Tom Hughes nel ruolo principale, affiancato da Milla Jovovich e James Thierrée.
Ovviamente ambientato nei primi del Novecento, sulla base di uno script creato da William Schneider, troveremo Corto Maltese assoldato da un gruppo cinese rivoluzionario per impadronirsi di un treno che sta trasportando l’oro dello Zar Nicola II da San Pietroburgo a Vladivostok.