L’eroe, di Cristiano Anania

L’eroismo oggi è una definizione ormai desueta, persa tra le pagine che raccontano le gesta in battaglia e gli amori contrastati dei cantastorie, una qualità ormai irriconoscibile nei nostri tempi. L’eroismo ha a che fare con il bene altrui, con il sacrificio di qualcosa di proprio a fronte di un bene per la collettività, una generosità che nell’epoca dell’individualismo non ha più spazio, né ragione di esistere. Il lavoro di Cristiano Anania vuole riflettere su questo, su come, oggi, l’immagine dell’eroe veicolata dai mass media sia deformata e privata della sua purezza. Gli eroi da scovare costituiscono solo qualcosa di buono da vendere al miglior acquirente.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Il film, interpretato da Salvatore Esposito, racconta la storia di un giovane scrittore e giornalista, che cerca di sbattersi tra case editrici e redazioni con la speranza di pubblicare il suo manoscritto e riuscire, tramite il giornalismo, a sbarcare il lunario. La sua vita subirà un grande cambiamento quando il caporedattore decide di mandarlo a lavorare nella redazione di un piccolo paese in provincia. Dopo essersi ambientato nel nuovo posto di lavoro, Giorgio si ritrova sull’orlo del licenziamento, solo la notizia della scomparsa del nipote dell’imprenditrice più importante del paese gli permetterà di tenersi stretto il lavoro.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

L’opera ha l’ambizione di compiere una grande parabola tra l’eroismo e tutti i marchingegni che si trovano alle spalle di esso e permettono di farlo esistere. Peccato che la sceneggiatura non sempre si riveli al livello delle alte intenzioni. I personaggi che vediamo sulla scena faticano a costruire la propria empatia con gli spettatori, e neanche il protagonista viene indagato abbastanza per permetterci realmente di conoscerlo. Il puzzle creato per reggere la struttura finisce per mostrare suo malgrado un’immagine poco nitida, che rischia di supportare poco anche gli interpreti, a cui resta difficile affezionarsi davvero.

Regia: Cristiano Anania
Interpreti: Salvatore Esposito, Marta Gastini, Vincenzo Nemolato, Enrica Guidi, Cristina Donadio
Distribuzione: Mescalito Film
Durata: 80′
Origine: Italia, 2019