Les salauds di Claire Denis. Una storia di vendetta ispirata da Akira Kurosawa

Chiara Mastroianni e Vincent Lindon in LES SALAUDS, il noir di Claire Denis

Vincent Lindon e Chiara Mastroianni nella prima foto di Les salauds, diretto dalla grande cineasta francese Claire Denis, tra i più attesi del 2013 anche secondo i Cahiers du Cinéma. Un film annunciato come un noir: "Sono partita da alcuni film di Akira Kurosawa degli anni'50, dalla maestosità del bianco e nero…"

 

Chiara Mastroianni e Vincent Lindon in LES SALAUDS, il noir di Claire Denis

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------

Ecco Vincent Lindon e Chiara Mastroianni nella prima foto di Les salauds (I Bastardi), diretto dalla grande cineasta francese Claire Denis, scritto in un mese con Jean-Pol Fargeau, suo collaboratore fisso fin dai tempi di Chocolat (1988).

Un film – tra i più attesi del 2013 anche secondo i Cahiers du Cinéma – annunciato come un noir: "Sono partita da alcuni film di Akira Kurosawa degli anni'50, dalla maestosità del bianco e nero. Storie di vendetta. Ho pensato ai personaggi interpretati da Toshirô Mifune, che anche nella sconfitta, mantengono una forma di grandezza".

--------------------------------------------------------------------
SCENEGGIATURA: Tutti i corsi in arrivo della Scuola di Cinema Sentieri selvaggi


--------------------------------------------------------------------

La visita al set parigino di settembre, raccontata da Lesinrocks, parla di un Lindon grave e silenzioso, di una Mastroianni felina, di una grande tensione erotica tra i due, che sono stati compagni anche nella vita.
Lui, già diretto  dalla Denis dieci anni fa in Vendredi Soir,  in tempi di polemiche per i compensi degli attori d'Oltralpe, in Les Salauds ha lavorato a salario minimo. Di recente lo abbiamo ammirato in Tutti i nostri desideri e Quelques heures de printemps. Lei, adottata da Christophe Honoré (Non ma fille, tu n'iras pas danser, Homme au bain, Les bien-aimés) ha diviso il set con Lindon nel 2012 in Augustine di Alice Winocour, presentato a Cannes 65.
 

Claire Denis: nel cast di Les salauds, Grégoire Colin, Michel Subor e Alex DescasAnche il resto del cast è emozionante, con molti volti familiari al cinema della Denis: Alex Descas, già diretto in S'en fout la mort, Trouble every day, L'intrus, 35 rhums – attore amato anche da Bartas (A casa) Assayas (Irma Vep) e Jarmusch (The Limits of Control); il soldato godardiano Michel Subor (Beau Travail, L'intrus, White Material) e Grégoire Colin (Nénette et Boni, Vendredi soir, Beau Travail) affiancati da Lola Créton (Barbe Bleue, En ville, Un amore di gioventù, Qualcosa nell'aria) e Christophe Miossec (cantautore francese, celebre in patria, al suo esordio come attore).

La sinossi: Lindon è Marco Silvestri, capitano di marina mercantile al lavoro su una petroliera, richiamato a Parigi con urgenza dalla sorella Sandra (Julie Bataille). L'azienda di famiglia è in bancarotta, suo marito si è suicidato, sua figlia è stata internata in un istituto psichiatrico. Secondo la giovane donna il responsabile di tutto è un potente uomo d'affari, Edouard Laporte. Deciso a trovare il punto debole del colpevole e vendicarsi, Marco si trasferisce nell'edificio in cui vive con suo figlio una donna legata a Laporte, Raphaëlle (Mastroianni). Quello dei "bastardi" è un mondo pericoloso, dove chi è in cerca di vendetta perde presto il controllo, complice anche un'attrazione imprevista.
 
Les Salauds è il primo film in digitale di Claire Denis, girato con RED EPIC (utilizzata in Holy Motors, Un sapore di ruggine e ossa, Millennium, Prometheus, Lo Hobbit, Il grande e potente Oz). La fotografia è come sempre della veterana Agnès Godard, pronta a inventare soluzioni artigianali "quelle che preferisco" dice la Denis) per ottenere la giusta qualità della luce.

Prime foto di Les salauds, nuovo film di Claire DenisArtigianato e alta tecnologia convivono sul set: "La RED è una sorta di computer, può fare tutto, controllare i colori, filmare in condizioni di scarsa illuminazione, ma al tempo stesso richiede un sacco di luce e muta il rapporto con il direttore della fotografia" racconta la regista.
"Prima, mi sentivo come se Agnès ed io fossimo insieme in un aereo, consapevoli entrambe dei rischi e delle possibilità. Ora, è come se Agnès fosse allo stesso tempo sia l'aereo che la torre di controllo. Si tratta di un'esperienza nuova e molto eccitante".

Per i costumi la Denis ha voluto un'altra collaboratrice storica, Judy Shrewsbury. La montatrice Annette Dutertre viene dai film dei fratelli Larrieu e ultimamente ha lavorato per Mathieu Amalric e Noémie Lvovsky. Gli assistenti alla regia Pierre Sénélas e Christelle Lahaye hanno già lavorato rispettivamente con la Denis, con Jacques Audiard e Sylvie Verheyde. Il design del set è di Michel Barthélémy (Un profeta, Uomini di dio, De rouille et d'os).

Attualmente Les Salauds (distribuito a livello internazionale da Wild Bunch con il titolo Bastards) è in postproduzione e sarà pronto nella primavera 2013: è probabile che sarà presentato a Cannes 66.

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative