LIBRI DI CINEMA – Ferzan Ozpetek

Regista amato più dal pubblico che dalla critica, innamorato a tal punto degli attori che materializzano la sua poetica tanto da definirli lui stesso come “esseri provenienti da un altro pianeta, che vanno solo amati immensamente e a cui non bisogna dare nient’altro che amore”. Edizione Le Mani.

ozpetek

Ferzan Ozpetek – la leggerezza e la profondità
Gabriele Marcello
Le Mani
Prima edizione: 2009
239 pag. – 15,00 euro
---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

  

 

Con sette film all’attivo, il regista di origini turche Ferzan Ozpetek si presenta come uno dei più controversi registi nel panorama cinematografico italiano. Personaggio amato più dal pubblico che dalla critica, innamorato a tal punto degli attori che materializzano la sua poetica tanto da definirli lui stesso come “esseri provenienti da un altro pianeta, che vanno solo amati immensamente e a cui non bisogna dare nient’altro che amore”. Gabriele Marcello, attore e critico cinematografico ha tentato di ripercorrere il cammino artistico del regista, partendo dagli esordi con Il bagno turco fino all’ultimo lavoro, Un giorno perfetto, presentato a Venezia lo scorso anno. Il libro di Marcello si divide in nove parti anticipate da una prefazione di Alberto Crespi. Una mappa che inizia con una breve introduzione ed una biografia del regista per concludersi con un ritratto degli attori che hanno lavorato per Ozpetek; in mezzo, aneddoti ed analisi dei sette film usciti nelle sale nei dodici anni di carriera del cineasta. Marcello analizza con particolare attenzione il percorso artistico del regista, inizialmente ancorato alle sue origine turche, esplicitando questa appartenenza con i suoi due primi film, Il bagno turco e Harem Suare, per poi passare all’”esperienza romana” da Le fate ignoranti a Un giorno perfetto. Un reticolo di storie e personaggi che Marcello riesce a sezionare con perizia, e potremmo aggiungere, con passione sentita, mettendo l’accento più che sulla linea estetica del regista,  sulla sua capacità di caratterizzazione dei personaggi – soprattutto femminili – e della loro evoluzione interiore. Grande spazio riservato all’universo femminile dunque, che secondo Ozpetek è quello più compiuto, l’uomo infatti non ha (o non vuole avere) la capacità di guardarsi dentro e trovare una via di (ri)generazione per assurgere a una nuova esistenza più completa e consapevole.

-----------------------------------------------------------
DOCUSFERA film, incontri, masterclasss, workshop sul documentario italiano


-----------------------------------------------------------
Lo stile di Marcello è fluido ed accessibile, percorso ragionato dove i lavori di Ozpetek trovano corrispondenze con quelli di altri registi, da Almodovar a Sirk, da Jane Campion a Wong Kar Wai (quest’ultimo però, non è come indicato erroneamente nel testo, coreano, ma nato a Shangai e trasferitosi successivamente ad Hong Kong). Completano il libro, i giudizi dati dalla critica ai film (anche se sarebbe stato più interessante ed esaustivo, proprio da un punto di vista critico, non citare solo quasi esclusivamente i quotidiani, ma anche le riviste specializzate) e la bella galleria fotografica di 43 immagini a colori ed in bianco e nero estrapolate dai film, oltre alla completa filmografia del regista, bibliografia e indice dei nomi e dei film.

Indice
 
 
Prefazione di Alberto Crespi                                                              
 
Introduzione                                                                                      
 
I.    Ferzan Ozpetek: un percorso di vita
                                              
II.    I vapori della scoperta:
       Il bagno turco – Hamam                                                            
       Cosa ha detto la critica                                                                          
 
III. Un incontro fondamentale:
       Harem Suare                                                                             
       Tilde Corsi                                                                                 
       Gianni Romoli                                                                             
       Harem Suare                                                                              
       Cosa ha detto la critica                                                               
 
IV. Le parole sono uomini:
       Le fate ignoranti                                                                                   
       La rivoluzione dell’altro da sé                                                      
       La potenza dello sguardo e del desiderio                         
       Cosa ha detto la critica                                                               
 
V.   Uno sguardo sulla memoria:
       La finestra di fronte                                                                  
       La genesi                                                                        
       Giovanna                                                                                    
       Visioni sfuggenti, memorie e lacrime:
       gli uomini di Ozpetek                                                                  
      Cosa ha detto la critica
                                                                      
VI. Sulle orme del romanzo gotico:
       Cuore sacro                                                                              
       Cosa ha detto la critica                                                                 
 
VII. Quando i pianeti sono avversi:
       Saturno contro                                                                          
       Il dolore conduce alla creazione                                        
       Saturno contro vs. Le fate ignoranti                                        
       Cosa ha detto la critica                                                                
 
VIII. Nuovi percorsi:
         Un giorno perfetto                                                                 
         Tra libro e film                                                                          
         Il film                                                                                        
         Cosa ha detto la critica                                                             
 
 
IX.   Le creature di Ozpetek:
        gli attori                                                                                     
 
 

Filmografia                                                                                       
Bibliografia                                                                                        
Indice dei nomi e dei film                                                                   
 
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative