LIBRI DI CINEMA – "Messico! Cinema e rivoluzione"

Messico! Cinema e rivoluzione
Beniamino Biondi
Arcipelago Edizioni
Finito di stampare nel mese di luglio 2011
pp. 144, € 12
 
È sempre piacevole, oltre che interessante e utile, avere l’occasione libraria e saggistica per approfondire le conoscenze personali riguardo alle cinematografie poco note (e non sono poche) in Italia, quelle meno esplorate o celebri, quelle appartenenti a nazioni esotiche, dal grande potenziale evocativo nell’immaginario socioculturale ma con una produzione cinematografica ben conosciuta soltanto agli addetti ai lavori o ai grandi appassionati. Un quadro, quello appena delineato, che ben si sovrappone a quello di una grande nazione come quella messicana, alla cui cinematografia non pare sia stato dato il giusto tributo in termini di conoscenza e riscoperta. L’occasione per saperne di più è dunque contenuta nelle pagine di questo saggio scritto dal siciliano Beniamino Biondi. Il giovane studioso, che tempo fa si era cimentato con un’opera sul cinema catalano, torna dunque in libreria con “Messico! Cinema e rivoluzione”. Non si tratta propriamente un canonico saggio, quanto un agile e utile compendio bio-filmografico della storia e dei registi del cinema messicano, considerando il tutto alla luce di un evento centrale della sua evoluzione: l’anno 1975, quando il Fronte di Lotta redige il manifesto di impegno politico del cinema nazionale, atto che vide l’adesione di importanti cineasti e tecnici del periodo.
Il volume, presentato dal professor Stefano Tedeschi (docente di letteratura ispanoamericana all’università “La Sapienza” di Roma), si apre con una opportuna panoramica storica, per poi focalizzarsi sulle vicende del Fronte di Lotta, approfondendole; dopo un nutrito intermezzo che si sofferma sulle singole vicende e opere dei registi, la parte finale si concentra invece sul presente, con un rapido aggiornamento sul cinema messicano di oggi, quando sono trascorsi più di trent’anni dalla redazione del Manifesto.
I flash bio-filmografici contenuti nella parte centrale sono dedicati a dodici cineasti firmatari del Manifesto e a nove figure “di contorno” (ma non per questo meno importanti) del cinema messicano: compaiono dunque le filmografie, brevi cenni biografici dei cineasti, nonché sinossi e recensioni di alcune pellicole. L’edizione appare abbastanza curata, essenziale e senza fronzoli.
 
 
 
INDICE
 
Presentazione                                                           
 
Il Fronte di Lotta                                                     
            Manifesto del Fronte di Lotta                                  
            Il cinema messicano del Fronte di Lotta      
 
I cineasti del Fronte di Lotta                                   
            Paul Leduc                                                   
            Raul Araiza                                                   
            Felipe Cazals                                                
            José Estrada                                                  
Jorge Fons                                                    
Jaime Humberto Hermosillo                         
Alberto Isaac                                                
Gonzalo Martinez Ortega                             
Sergio Olhovich                                            
Julian Pastor                                                 
Juan Manuel Torres                                      
Salomon Laiter                                             
 
Maestri complici marginali                                       
            Alberto Bojorquez                                        
            Alfredo Joskowicz                                       
            Arturo Ripstein                                             
            Federico Weingartshofer                              
Jaime Casillas                                               
José Agustìn                                                 
Gabriel Retes                                                
Luis Alcoriza                                                
Miguel Littin                                                
 
30 anni dopo il Fronte di Lotta.
Il cinema messicano oggi                                         
            El violin                                                        
            En el hoyo                                                     
            La pasion de Maria Elena                            
            La vida inmune                                             
            Mezcal                                                           
            Sangre                                                           
 
Ringraziamenti