LIBRI DI CINEMA – Stephen Frears

stephen frears castoro

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!
--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Stephen Frears 
Mariolina Diana, Michele Raga
Il Castoro cinema – aprile 2009
pp. 160 – 12,50 euro

Regista proteiforme e sottovalutato, a tratti discontinuo ma spesso autore di piccoli capolavori (My Beautiful Laundrette, Le relazioni pericolose, Rischiose abitudini, The Queen, tanto per citarne alcuni), l'inglese Stephen Frears è uno di quei registi europei su cui mancava un attento studio monografico. Nel rispettare la tradizione e la struttura editoriale della collana Il Castoro Cinema, Mariolina Diana e Michele Raga – insegnanti di cinema e saggisti – confezionano un libro prezioso, che illumina il lavoro di Frears di analisi interessanti e importanti informazioni storico-biografiche. Interpretando il 'Frears' Touch' come una raffinata commistione tra riflessione sociale, cinema di genere e consapevolezza teorica, i due autori  del volume attraversano la variegata filmografia del regista cercando di tracciarne linee comuni, ma anche sottolineandone la polivalenza e la predilezione per sceneggiature scritte da altri, fino ad arrivare al recentissimo Chéri, pellicola in costume interpretata da Michelle Pfeiffer e presentata all'ultimo festival di Berlino. Sorprende soprattutto lo spazio dedicato, nelle prime pagine del testo, a tutta una produzione quasi sconosciuta e invisibile, ovvera quella degli esordi di fine anni sessanta e settanta, scanditi da importanti cortrometraggi (The Burning del 1967), le esperienze teatrali ma soprattutto televisive, con le artisticamente prolifiche collaborazioni con la Itv e la Bbc. I legami con i "maestri" Karel Reisz e Lindsay Anderson, il realismo spesso accompagnato a una insistita cura per i dettagli, ricorrenti trasgressioni formali (lo sguardo in macchina, di cui Alta fedeltà è forse l'esempio più emblematico),  l'innato talento per la satira (Eroe per caso) e la critica nei confronti delle società aristocratiche e alto-borghesi sono i temi maggiormente rintracciabili nell'opera del regista britannico, uno degli artefici della rinascita del cinema inglese negli anni ottanta. Un testo analitico importante per un grande regista, capace di rimanere se stesso e realizzare opere di qualità sia in contesti televisivi che cinematografici, e, ancora, sia a Hollywood che in Europa.

Qu'est-ce que… a film by Stephen Frears   p.4
Stepehn Frears   p.11
Oltre il metodo, lo stile   p.12
Tipically british. Dalla middle class al realismo sociale   p.14
Tra cinema e televisione (prima parte)   p.18
Sequestro pericoloso   p.20
Television Times   p.26
Bloody Kids   p.33
Tra cinema e televisione (seconda parte)  p.36
Il colpo   p.38
My Beautiful Laundrette   p.43
Prick Up – L'importanza di essere Joe   p.55
Sammy e Rose vanno a letto   p.61
Le relazioni pericolose   p.66
Rischiose abitudini   p.76
Eroe per caso   p.80
The Snapper   p.85
Mary Reilly   p.88
Due sulla strada   p.94
The Hi-Lo Country    p.97
Alta Fedeltà   p.102
A prova di errore   p.106
Liam   p.108
Piccoli affari sporchi   p.111
The Deal   p.115
Lady Henderson  presenta   p.119
The Queen – La regina   p.124
Chéri   p.129

Filmografia   p.132

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Nota bibliografica   p.153