Like Father Like Son

Father and son di hirokazu kore-eda

 

Titolo originale: Soshite chichi ni naru
Titolo internazionale: Like Father, Like son
Interpreti: Masaharu Fukuyama, Machiko Ono, Lily Franky, 
Keita Ninomiya, Shogen Hwang
Origine: Giappone 2013
Distribuzione: BIM
Durata: 121'

 

Ryoata, giovane architetto di successo, vive una vita apparentemente perfetta con la moglie Midori e il figlioletto Keita, di sei anni, su cui la coppia investe molto fra competitive scuole private, lezioni di piano e un'agenda fin troppo fitta. Un giorno, però, l'ospedale in cui Keita è nato li informa di un terribile errore, uno scambio in culla con un altro bambino, figlio maggiore di una famiglia numerosa, meno ricca ma più allegra. I dirigenti dell'ospedale suggeriscono alle coppie un nuovo scambio, per riavvicinare i figli legittimi ai genitori biologici. Ma l'essere padre può essere riconducibile alla sola biologia? 

 

Il film di Hirokazu Kore-eda (Air Doll, Distance, Nessuno sa, tutti presentati sulla Croisette) ha vinto il Gran Premio della Giuria all'ultimo Festival di Cannes, dove il Presidente Steven Spielberg è rimasto talmente entusiasta dell'opera da acquistarne i diritti con la sua casa di produzione Dreamworks per realizzarne un remake americano.

Kore-eda, in un incontro con il pubblico al Festival del Film di Roma 2013, ha confermato l'operazione spiegando di avere completa fiducia nel cineasta americano, sebbene l'adattamento di alcuni costumi giapponesi nel contesto americano gli sembri molto difficile.

Se il tema dell'infanzia è sempre stato caro all'autore giapponese, Like Father Like Son sembra inaugurare un'altrettanto attenta analisi della paternità dopo la nascita della figlia nel 2008 "Ho intenzione di continuare ad esplorare la paternità nei miei prossimi film – ha dichiarato – fino a quando non sentirò di averne compreso il senso più profondo".

 

 (F.P.)

 

 

Trailer ufficiale (lingua giapponese con sottotitoli in inglese):

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"