Marina Cicogna. La vita e tutto il resto, di Andrea Bettinetti

Il docufilm su una delle figure simbolo dell’anticonformismo cinematografico italiano degli anni ’70 risulta essere un viaggio frammentario e dispersivo. Un’occasione sprecata.

Tanti volti, tante  foto. Il docufilm su una delle figure simbolo dell’anticonformismo cinematografico italiano degli anni ’70 risulta essere un viaggio frammentario, dispersivo, dove il discorso  dell’ immagine prevale su quello più puramente argomentativo e storico.

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

Una mostra fotografica che ha come soggetto gli attori e le attrici più iconici e leggendari  della storia del cinema. Si affronta la visita meravigliati da questi volti ma piano piano ci si accorge di quanto ormai siano lontani nel tempo. Eppure una volta usciti dall’ elegantissima galleria che ha esposto la mostra, torniamo a casa delusi, consapevoli di aver visto qualcosa di spento, di breve memoria. Si potrebbe riassumere così l’ ultima opera di Andrea Bettinetti, Marina Cicogna. La vita e tutto il resto, incentrata sull’ omonima produttrice e distributrice che negli anni ’70 rappresentava una delle figure  di riferimento della cinematografia italiana più propensa a raccontare e a criticare gli aspetti politici e sociali di quel periodo. Infatti è la stessa protagonista, in veste di narratrice, a raccontare la sua carriera, i suoi rapporti affettivi, la sua vita, attraverso una storia  che si divide tra l’archivio e la fiction.

Il film non riesce a tracciare un percorso netto e preciso, come se fosse continuamente indeciso su cosa vuol far vedere: mostrarci il contesto cinematografico dell’ epoca o la vita sfarzosa della propria protagonista? Sembra che si sia optato più per la seconda. Il documentario, dopo un inizio ingannevole, dove vengono raccontate le produzioni e gli effetti dei film di Petri con Indagine su un cittadino al di sopra ogni sospetto e il rapporto con Volonté  si sposta sulla vita di Marina Cicogna. Il suo mondo viene ripercorso attraverso una carrellata di foto, video e interviste a grandi nomi di ieri e di oggi. Ma effettivamente serviva un doc su di lei? La risposta è assolutamente si. Una personalità che ha scritto una pagina importantissima del nostro cinema e che poteva testimoniare la difficoltà di portare un certo tipo di storie e personaggi all’ interno del sistema produttivo ,  soprattutto essendo una donna. Ma tutto ciò è reso come contorno di un progetto che ha puntato quasi esclusivamente a mostrare la classe, le belle case e la popolarità della Cicogna, dimenticandosi totalmente di trattare argomenti molto più concettuali e argomentativi, per il gusto di esibire e ostentare un mondo che appare ancor più lontano e inavvicinabile. Tante buone premesse per un risultato mediocre.

 

Regia: Andrea Bettinetti
Interpreti: Marina Cicogna
Distribuzione: Luce Cinecittà
Durata: 79′
Origine: Italia, 2021

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
4.5 (2 voti)
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative