MedFilm Festival – il programma dell’edizione 2020

La presentazione della 26° edizione del MedFilm Festival, che si terrà online dal 9 al 15 Novembre

È stata dura ma ce l’abbiamo fatta!”. È con una soddisfazione palpabile che Ginella Vocca, presidente del MedFilm Festival ha presentato insieme a Giulio Casadei (direttore artistico), Vito Borrelli (Vice direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea), Laurence Hart (Direttore dell’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM) e Juan Carlos Reche (Direttore dell’istituto Cervantes di Roma) il programma dell’edizione 2020, che si terrà online, grazie alla piattaforma dedicata su MyMovies dal 9 al 15 Novembre 2020.

--------------------------------------------------------------------
Il Black Friday prosegue ancora solo per Sentieriselvaggi21st, fino al 4 dicembre!


-----------------------------------------------------

Dalle parole degli organizzatori emerge l’immagine di un festival che è riuscito prendere corpo dopo una gestazione complessa, nato, come afferma la stessa Vocca, “in un tempo sospeso in cui non sapevamo mai se avremmo potuto presentare i film dal vivo o se avremmo dovuto rinunciare del tutto”. È un cinema, quello di cui si fa portatore il MedFilm, che, pur relegato al digitale vuole mettere in comunicazione popoli ed opinioni, un’urgenza di creare ponti, questa, ribadita più volte da Vito Borrelli: “Se pensiamo alle tensioni in atto tra Francia e Turchia – ha detto – è chiaro che siamo in un momento storico in cui è necessario tenere alto il dialogo tra le sponde nord e sud del Mediterraneo e forse non esiste mezzo migliore per farlo del cinema”. Proprio riflettendo sul ruolo del sostegno reciproco non sono mancate polemiche in particolare rivolte al Comune di Roma, che non ha giudicato il Festival idoneo di un finanziamento, un atteggiamento di cui Casadei si è detto “amareggiato e dispiaciuto”.

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Per l’edizione 2020 il Festival potrà contare su circa settanta titoli provenienti da trenta paesi, sottoposti ad una giuria formata da Susanna Nicchiarelli, Donatella Della Ratta, Valentina Pedicini, Heidrun Schleef e Zerocalcare.

Il programma si caratterizza per una straordinaria leggerezza e si concentra su prodotti che raccontano la collettività. “Abbiamo organizzato la selezione provando a raccontare rapporti famigliari, di amicizia, ma anche la comunione di idee tra personalità”, ha detto Casadei. Non è un caso che tra i film in concorso si incontrino due commedie (A L’Abordage di Brac e Gaza Mon Amour dei fratelli Nasser) ma anche pellicole che intercettano un sentimento di empatia come Correspondencia di Carla Simón e Dominga Sotomayor Castillo, conversazione tra le due registe su passato e storia famigliare.

Variegata anche la selezione dei cortometraggi, tra esperimenti sci-fi (So What If The Gods Die) e progetti a cavallo tra cinema e storia recente come alcuni corti provenienti dal Libano che, come afferma il curatore Alessandro Zoppo, “resituiscono un’immagine di un paese che non esiste più”.  Due le retrospettive proposte, Demain Algerie dedicata a progetti di giovani registi algerini che raccontano la loro terra e Lux Film Days, che presenterà sei titoli selezionati tra i vincitori del premio Lux. Proprio il Premio Lux diventa premio del pubblico europeo e il vincitore verrà votato per il 50% anche dagli spettatori e non più dai soli membri del parlamento europeo. La rassegna si articolerà anche in alcuni eventi speciali, in particolare ospitando le Masterclass di Babak Karimi e di Susanna Nicchiarelli e sostenendo l’iniziativa #parolenuove, un progetto organizzato dall’OIM che propone, attraverso cinque video, cinque termini per raccontare in maniera nuova il fenomeno della migrazione, un’iniziativa che, nelle parole di Laurence Hart “vuole promuovere una narrazione dei migranti bilanciata e reale”.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7