Mediterraneo Video Festival

Mediterraneo Video Festival
10^ edizione/10th edition

Paestum (SA) 13/14/15/16 settembre 2007

 
L' Europa incontra il sud del mondo con il Premio Don Luigi di Liegro
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

I 50 anni di Amref festeggiati da Giobbe Covatta e Angelo Loy

Premi speciali: Giulio Scarpati, Roberto Perpignani, Marco Baliani

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Concorso: 13 film da Italia, Svizzera, Iran, Serbia, Portogallo

 

 

Il Mediterraneo Video Festival, rassegna internazionale del cinema documentario, rinnova il suo appuntamento a Paestum (13-16 settembre), nella splendida  cornice di Villa Salati. Per la decima edizione sceglie come tema l’integrazione multietnica e istituisce  il premio Don Luigi Di Liegro al film che meglio guarda alla tolleranza e al rispetto civile e sociale tra i popoli. Un segnale d’incontro che coinvolge l’Europa e il Sud del mondo. AMREF compie 50 anni e ha deciso di festeggiarli a Paestum. Per l’occasione verranno proiettati African Spelling Book, Pinocchio nero entrambi di Angelo Loy e Bimbi neri, notti bianche con Giobbe Covatta. Il comico riceverà il premio speciale Mediterraneo Video Festival 2007 insieme a Giulio Scarpati, Roberto Perpignani (presidente della giuria) e Marco Baliani, recentemente interprete nel film La ragazza del lago di Andrea Malaioli. Anche il regista Leonardo Di Costanzo, impegnato dal 5 al 15 settembre in un workshop con studenti dal titolo Filmare il reale, avrà il suo momento di gloria. Saranno presentati i suoi successi: Prove di Stato, A Scuola e Odessa. Ovviamente non poteva mancare il cuore pulsante del festival, il Concorso internazionale con 13 lavori provenienti da Italia, Iran, Svizzera, Serbia e Portogallo. Tra gli italiani: Oltre Selinunte di Salvo Cuccia, Ritorni di Giovanna Taviani, A sud di Lampedusa di Andrea Segre e Centravanti nato di Gianclaudio Guiducci che ripercorre la carriera del noto calciatore degli anni Settanta Carlo Petrini, anche autore dello scomodo testo Nel fango del Dio Pallone. Doping, scommesse e processi ormai fanno parte del mondo del calcio.

Dall’Iran l’anteprima mondiale di Zero Degree Orbit di Mahmoud Rahmani. Immagini inedite dalla guerra in Iraq censurate dalla stampa internazionale sono finalmente visibili.  La Serbia presenta due prodotti: Passi di Vladimir Perović e Dopo la guerra di Srdjan Keca. Il primo, senza dialoghi, si interroga sul senso degli sforzi dell’uomo e sul suo ruolo in questo mondo; il secondo va alla ricerca dei Gorani, un piccolo popolo senza patria rimasto orfano dopo la guerra del Kosovo. La Televisione Svizzera ha prodotto L’Ustica dei mari per la regia di Claudio Moschin. Quindici anni fa nel porto di Livorno affondava il traghetto Moby Prince, “errore umano” si disse allora. Nuovi documenti mettendo in luce i troppi buchi dell’inchiesta ufficiale e dei due processi successivi.

Fuori concorso: Kanzaman – Una scuola nel deserto  di Barbara Galanti e We Insist! Freedom now suite (Suite per la libertà subito)  di Gianni Amico, montato da Roberto Perpignani. Dopo la presentazione a Londra arriva per la prima volta in Italia. Perpignani parlerà anche il suo testo edito da Falsopiano Dare forma alle emozioni. Il montaggio cinematografico tra passato e futuro. Come ogni anno sono previsti incontri con gli autori.

 

Il festival, nato nel 1998 a Velia in occasione della Convenzione Europea del Paesaggio presentata dal Consiglio d’Europa, svolge un accurata ricerca nell’ambito del cinema documentario, favorendo la promozione di opere provenienti da varie aree del Mediterraneo, ma soprattutto svolge un ruolo di sensibilizzazione su argomenti di scottante attualità che riguardano i cambiamenti socio-culturali e politici. Un Festival sempre più teso ad una visione del reale, dove attraverso le storie e le immagini si raccontano frammenti di paesaggio, si identificano luoghi e si guarda con attenzione allo spirito più intimo della cultura popolare. Nel corso degli anni il Medfest ha premiato tra gli altri Matteo Garrone, Claire Simon, Herz Frank, Giacomo Campiotti, Paolo Benvenuti, Mimmo Calopresti, Silvano Agosti, Mario Martone, Gillo Pontecorvo, Giuseppe Piccioni, Renzo Rosselini, Alberto Grifi, al quale lo scorso anno è stata dedicata una retrospettiva.

 

 

La GIURIA della decima edizione è capitanata da Roberto  Perpignani  (Presidente). La sua carriera comincia poco più che ventenne a fianco di Orson Welles,  in qualità di montatore di una serie di reportage televisivi. Nel 1963 un altro incontro importante, quello con Bernardo Bertolucci, con il regista emiliano monta Prima della rivoluzione; la loro collaborazione durerà dieci anni, fino a La strategia del ragno. Risale invece al 1969, con Sotto il segno dello scorpione, l’inizio del lungo sodalizio, tuttora in vita, con i fratelli Taviani. Tra i tantissimi registi con cui ha lavorato figurano: Mauro Bolognini, Alberto Lattuada, Marco Bellocchio, Gianni Amelio, Nanni Moretti. Gli altri componenti della giuria sono: Luigina Di Liegro (Fondazione Di Liegro),  Dante Albanese (critico cinematografico), Alberto Castellano (critico cinematografico) e Bruno Roberti (critico cinematografico).

 

Ufficio stampa                                                      Info:

Emanuele Bigi                                                       www.medvideofestival.net      

bigiemanuele@virgilio.it  

3403812960

 

 

Il programma:

 

Il cinema di Leonardo Di Costanzo

 

Rassegna dedicata a Leonardo Di Costanzo, regista di fama internazionale, docente agli Atelier Varan  di Parigi. Tra i suoi film  di successo: Prove di Stato, A Scuola, Odessa.

Impegnato nel corso del festival in un workshop dal titolo Filmare il reale rivolto a studenti  di cinema. Il lavoro realizzato verrà presentato nella serata finale.

 

Sguardi d’Africa e dal Mediterraneo

 

AMREF festeggia i suoi cinquant’anni di attività in occasione del decennale del Mediterraneo Video Festival con una rassegna di cinema documentario.

 

I film:

 

African spelling  book di  Angelo Loy,  Italia  2005, 61’, AMREF Italia/Mestiere Cinema. A come African, B come Beauty, I come Independence…: 20 brevi documentari scritti, filmati e narrati dai ragazzi di Nairobi per raccontare la vita negli slum, i sentimenti, l’amicizia, la violenza, la fame, il lavoro, la speranza. Esito di un progetto avviato nel 2001, African Spelling Book, co-prodotto con National Geographic, nasce da una riflessione critica sul ruolo e sulle modalità dell’informazione sui ragazzi di strada. A una rappresentazione fredda, esterna e limitata alle emergenze, il documentario cerca di contrapporre uno sguardo interno, fornendo ai ragazzi le capacità, gli strumenti e le opportunità di espressione nel campo dell’audiovisivo.
Il Sillabario ha coinvolto settanta ragazzi dai tredici ai ventidue anni che per diverse ragioni avevano dovuto abbandonare la scuola.

Bimbi neri, notti bianche di  e con  Giobbe Covatta, regia Giulio Manfredonia, Italia 2005, 59’, AMREF Italia/Mestiere Cinema
La terribile condizione dei Night Commuters, decine di migliaia di bambini che ogni notte, per sfuggire ai reclutamenti forzati, si allontanano dai villaggi e dai campi per trascorrere la notte nei centri urbani, va avanti da anni nella indifferenza della comunità internazionale.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------


Pinocchio Nero di Angelo Loy, Italia 80’, AMREF Italia/Indigo Film, (National Geographic)
Marco Baliani, attore di cinema e teatro, regista teatrale, scrittore, arriva in Kenya allo scopo di preparare uno spettacolo teatrale interpretato interamente da un gruppo di ragazzi di strada della periferia orientale di Nairobi. I ragazzi di strada lasceranno Nairobi per debuttare in Europa e affacciarsi sul Paese dei Balocchi. Pinocchio Nero è la storia dell’omonimo spettacolo teatrale curato da Marco Baliani. E’ la storia di un incontro, il racconto di tre anni di un percorso di recupero che per alcuni versi assomiglia alla storia di Pinocchio.
Festival Internazionale del Cinema di Locarno 2005. Circuito Off Venezia 2005. Festival Cinemambiente Torino 2005. National Geographic Channel.

Ogni proiezione  vedrà  la  presenza  degli autori: Angelo Loy, Giobbe Covatta, Marco Baliani

 

Incontri d’autore:

 

Roberto Perpignani “Dare forma alle emozioni”

 

Proiezione del film WE INSIST! Freedom now suite (Suite per la libertà subito)  di Gianni Amico. Italia, 1964, b/n35 mm durata 15’ 19”, musica: Abbey Lincoln, Coleman Hawkins, Max Roach montaggio: Roberto Perpignani.

 

Montaggio di immagini fotografiche in bianco e nero,  traccia  della lunga storia delle lotte per l’emancipazione afro-americana. Il film è costruito sulla registrazione del celebre brano "We Insist ! Freedom Now Suite", che Max Roach ha composto a partire da un poema di Oscar Brown Jr, interpretato da Abbey Lincoln accompagnato dal saxofono di Coleman Hawkins.

Un sentimento di  libertà sottende al ritmo dello scorrere dei fotogrammi. Una veloce scia il cui segno racconta di un autentico amore per gli esseri umani e di tre passioni: la musica, la politica, il cinema (volendo si potrebbero aggiungere osservazioni inerenti alla forma espressiva del montaggio fotografico, per esempio, riferimenti a “La jetée” di Chris Marker).

 

Barbara Galanti

Proiezione di Kanzaman – Una scuola nel deserto  di Barbara Galanti, Italia/Marocco, 2005, Beta Sp, colore, 43’ v.o italiano, sottotitoli italiano inglese, ISTITUTO LUCE

 

Kanzaman, che significa “c’era  una volta”, è una scuola di cinema unica al mondo. Migliaia di ragazzi provenienti da tutto il Marocco possono essere ospitati nella scuola  del tutto gratuitamente e hanno l’opportunità di imparare non solo il mestiere del cinema, ma anche la lingua italiana. Ouarzazate è la Hollywood marocchina. E’sempre più richiesta come set dalle grandi produzioni internazionali, anche se il Marocco non ha una grande tradizione cinematografica soprattutto non ha tecnici qualificati e specializzati. Il film segue la vita quotidiana nella scuola di cinema.

 

 

Premio speciale Mediterraneo Video festival 2007

A Roberto Perpignani, Marco Baliani, Giobbe Covatta, Giulio Scarpati.

 

 

 



Il Programma in dettaglio della X edizione del MVF – Paestum, Villa Salati

13-16 settembre 2007

 

Giovedì 13 settembre

16.30: Opening session –

Concorso internazionale/International competition

Koraci di Vladimir Pérovic, Serbia, 2006, beta sp, colore, 54’11’’, no dialoghi/dialogues, no sottotitoli/subtitles.

L’Ultima Treves, di Marcello Sannino, Italia, 2007, minidv, colore, 48’ v.o. italiano, sottotitoli inglese.

Centravanti Nato di Gianclaudio Guiducci, Italia, 2006, betacam, colore, 81’ v.o. italiano, sottotitoli inglese

Zero Degree Orbit di Mahmoud Rahmani, Iran, 2007, minidv, colore, 26’, v.o. arabo, sottotitoli in  inglese

 

22.00 Fuori Concorso /Out of Competition

Incontri con il cinema d’autore/ Kanzaman – Una scuola nel deserto  di Barbara Galanti, Italia/Marocco,2005, Beta Sp , colore 43’ v.o italiano, sottotitoli italiano inglese.

:

 

Venerdì 14 settembre

 

16.00: Concorso internazionale/International Competition

Praia de Monte Gordo di Sofia Trincao/Oscar Clemente, Portogallo/Spagna, 2006, beta,16/9, colore, 31’ v.o portoghese, sottotitoli inglese.

Posle Rata /After the war di Srdjan Keca,  Serbia, 2006, beta sp, colore,  47’ v.o serbo, sottotitoli inglese

Cricket Cup di Massimiliano Pacifico, Diego Liguori, Italia, 2006, dvcam, colore, 49’ v.o italiano, sottotitoli inglese.

La città invisibile, di Ugo Capolupo, Italia, 2006, minidv, colore, 23’, v.o. italiano, sottotitoli inglese

Fuori concorso/ Sguardi dal Mediterraneo e dall’Africa in collaborazione con AMREF

African Spelling Book di Angelo Loy, 2005, 61’, Produzione: AMREF Italia/Mestiere Cinema

 

Concorso internazionale/International Competition

L’Ustica dei Mari, di Claudio Moschin, Svizzera, 2006,  minidv,  colore, 8’20’’ v.o italiano

 

20.00: Incontri d’autore: “Dare forma alle Emozioni” con l’autore Roberto Perpignani

 

21.15 Fuori concorso/ Out  of Competition

We Insist! Freedom now suite (Suite per la libertà subito) di Gianni Amico,Italia, 1964, b/n, 35 mm 15’ 19”, Montaggio: Roberto Perpignani, Musica: Abbey Lincoln, Coleman Hawkins, Max Roach.

22,00 ll cinema di Leonardo Di Costanzo

Prove di Stato di Leonardo Di Costanzo, Italia, 84’.

 

Sabato 15 settembre

16.30: Concorso internazionale/International competition

Giorni in prova  di Daria Menozzi , Italia, 2006,  betacam digital – 4/3 colore  76’ v.o italiano, sottotitoli inglese

 

Ritorni di Giovanna Taviani, Italia, 2006, beta sp, 52’ v.o italiano, francese, arabo, sottotitoli italiano.

19.30: Incontri d’autore:

21.00 Fuori concorso/ Sguardi dal Mediterraneo e dall’Africa in collaborazione con AMREF

Bimbi Neri Notti Bianche di e con Giobbe Covatta, Regia di Giulio Manfredonia, 2005, 59’.
Produzione: AMREF Italia/Mestiere Cinema



22.15  Il cinema di Leonardo Di Costanzo

A scuola di Leonardo di Costanzo,2003 ,Italia Digital Beta 60’.

 

Domenica 16 settembre

 

17.00 Il cinema di Leonardo Di Costanzo

Odessa di Leonardo di Costanzo e Bruno Oliviero, Italia/Francia, 2006, 67’.

Concorso internazionale/International competition

A Sud di Lampedusa di  Andrea Segre,  Italia, 2006, minidv, colore, 31’ v.o  francese/inglese/maussa, sottotitoli .inglese

Oltre Selinunte di  Salvo Cuccia, Italia, 2006, beta, col. b/n, 56’,v.o italiano, sottotitoli inglese

 

20.00 Fuori concorso/ Sguardi dal Mediterraneo e dall’Africa in collaborazione con AMREF

Pinocchio Nero di Angelo Loy, Italia, 2005, 80’,produzione: AMREF Italia/INDIGO FILM (in collaborazione con National Geographic) con la speciale partecipazione di Marco Baliani.

 

22.00: Premio Mediterraneo Video Festival 2007  - Cerimonia di Premiazione 

Premio Don Luigi Di Liegro in collaborazione con la Fondazione Di Liegro al miglior documentario che dialoga sulla tolleranza e l’integrazione dei popoli

Premio Speciale MVF a: Roberto Perpignani, Giulio Scarpati, Marco Baliani, Giobbe Covatta.

 

Mediterraneo Video Festival

Mediterraneo Video Festival – nona  edizione –

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

Paestum (SA) 14/15/16/17 settembre 2006


 


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

 


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Il Mediterraneo Video Festival, rassegna internazionale del cinema documentario del Mediterraneo, dal 14 al 17 settembre 2007 rinnova il suo appuntamento a Paestum (Sa) con il cinema documentario d'autore.


Ventuno i film della selezione ufficiale tra italiani e stranieri, tra cui molte anteprime nazionali. Due le sezioni in concorso. Per i lungometraggi la giuria è composta da Wilma Labate (presidente), Renzo Rossellini (regista-produttore), Giuseppe Piccioni (regista), Giovanni Bogani (giornalista), Silvana Silvestri (giornalista), Tamara Alessi (Story Finders).   


Per i cortometraggi  la giuria è composta da  Stefano Missio (presidente), Luca Gasparini (regista), Ginevra Natale (sceneggiatrice), Giuseppe Gaudino (regista).


Tra le novità di quest'anno: il Premio Roberto Rossellini  rivolto  ai documentari della sezione internazionale che dialogano in tema di pace.


La presentazione del  progetto "Immagini senza Frontiera" vuole essere invece il porto franco delle comunicazione audiovisiva che vivrà del lavoro di diffusione delle immagini che arriveranno via internet per sensibilizzare sui problemi della società globale.


Osserva il mondo ed invia un immagine al Festival. Dal sito del MedFest, festival internazionale del cinema reale del mediterraneo, viene lanciato un appello a tutti coloro che hanno uno strumento per fotografare o realizzare immagini in movimento affinché le facciano pervenire al Sito di Immagini senza frontiera – www.immaginisenzafrontiera.eu. Le immagini più significative saranno proiettate durante il Mediterraneo Video Festival.


Tra gli eventi una rassegna dedicata ad Alberto Grifi, considerato tra i primissimi autori di quello che fu chiamato"cinema sperimentale italiano".


Gli incontri sul cinema d'autore vedranno la presenza  dei registi: Wilma Labate, Marco Turco,  Paolo Pisanelli, Guido Votano.


Premio speciale Mediterraneo Video festival 2006 al regista e produttore tunisino Abdellatif Ben Ammar, aiuto regista di Roberto Rossellini nel film il  Messia; a Giuseppe Piccioni, a Marco Turco, a Renzo Rossellini in memoria del centenario di Roberto Rossellini, ad Alberto Grifi, a Giuseppe Piccioni.


Nel corso del Festival  sarà allestita la mostra fotografica "Inattesi" di Stephanie Gegotti, allieva di  Menczer, direttore di fotografia del cinema italiano e internazionale


e la video istallazione Magical World dell'artista svedese Johanna Billing  che viene presentato al festival nell'ambito del progetto  europeo in progress on-access ..

Mediterraneo Video Festival

Con l’obiettivo di valorizzare il territorio attraverso il rapporto tra audiovisivi e le risorse legate alla cultura del mondo mediterraneo parte la quinta edizione del Mediterraneo Video Festival, concorso internazionale del cinema documentario, 13-14-15 settembre 2002, Ascea – Velia (SA).

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

La vetrina sul Mediterraneo per un festival che si pone nell’ottica di interscambio tra le infinite culture del mare nostrum. Organizzato dall’Associazione MedFest con il sostegno della Regione Campania, Provincia di Salerno, Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Comune di Ascea e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e dell’Unesco, il Festival seleziona documentari su tematiche relative al “paesaggio culturale mediterraneo” riguardanti aspetti naturali, archeologici, etnici, artistici, sociali e della cultura in genere del bacino mediterraneo.

Sono ammessi al concorso video e film su supporto Betacam della durata massima di 60 minuti. I risultati della preselezione saranno immediatamente resi noti ai finalisti del concorso. I video selezionati saranno sottoposti a una giuria di esperti che assegnerà nella serata conclusiva del Festival il premio Mediterraneo Video Festival 2002. Ai finalisti sarà offerto un soggiorno gratuito per tutta la durata della manifestazione.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

La premiazione avverrà nel mese di settembre; ai vincitori sarà corrisposto un premio in denaro.

Per la preselezione inviare solo copie originali su VHS e, in caso di selezione, su supporto originale. Ai video dovrà essere allegata la scheda tecnica contenuta nel bando con breve curriculum. I documentari stranieri in lingua originale dovranno essere sottotitolati in inglese.

I video in VHS – inviati per la preselezione – non verranno restituiti ma acquisiti gratuitamente dall’archivio del Festival ai fini di uso interno e non commerciali.

Il Festival, che si svolge nel suggestivo scenario nel Parco Nazionale del Cilento e dell’area archeologica dell’antica Elea, oltre al concorso internazionale, rappresenta altresì un open space destinato a eventi collaterali tra cui spettacoli, mostre, incontri culturali con la presenza di artisti e personaggi italiani e stranieri.

I lavori in video dovranno pervenire alla

Associazione MedFest:

Via Antonio de Curtis, 1 – 84043 Agropoli (SA)

entro e non oltre il 31/07/2002

L’Entry-Form è disponibile sul sito internet: www.medvideofestival.org