Mi chiamo Maya, il road movie sui teenager di Tommaso Agnese

Con Carlotta Natoli e Valeria Solarino, il film entra nel problematico mondo degli adolescenti mostrando la fuga di due sorelle. Distribuito da Red Post Production, uscirà il 7 maggio.

E’ toccante e provocatoria l’opera prima di Tommaso Agnese (noto per il documentario  in concorso al David La vita così come viene, 2010). Prodotto da Rai Cinema e Magda Films, Mi chiamo Maya mette in scena un viaggio, quello di due sorelle che all’improvviso subiscono la perdita della madre, interpretata da Carlotta Natoli. Le ragazze fuggono dalle “catene della società”, rappresentate da una casa famiglia, verso un’utopica libertà.

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

Lo schema è quello classico del road movie: Niki, 16 anni, e Alice, 8 anni, fortemente legate, partono alla ricerca di un posto bucolico in Toscana, dove sono racchiusi i più bei ricordi della loro infanzia con la mamma. Purtroppo la realtà si pone davanti alle protagoniste, che devono fare i conti con la mancanza di soldi e con l’animo “corrotto” degli adolescenti che incontrano. Un mondo, quello adolescenziale, andato allo sbando. Ed è quello che il regista intende mostrare, senza addentrarsi troppo in un’analisi delle cause che hanno generato quei “mostri”.

L’unica a mantenere un’animo puro è proprio Niki (Matilda Lutz), che tende però a cercare una propria strada e quindi a rischiare di perdersi in ognuna di queste, che sono, ovviamente, sbagliate. “Io non sono come te. Io non sono come te“, è quello che ripete a se stessa e a uno dei problematici adolescenti con i quali ha a che fare, tra i quali c’è anche Giovanni Anzaldi (visto ne Il capitale umano) nei panni dell’artista di strada Marc Bresson.

Per gran parte del film gli adulti restano fuori, non sono ammessi in quest’analisi generazionale. Solo il personaggio di Cecilia Fornari, interpretata da Valeria Solarino, si impegna nel difficile compito di mediare tra il mondo degli adulti e quello adolescenziale, un’assistente sociale che tenta in tutti i modi di convincere le ragazze a tornare ed è l’unica, nonostante il suo essere adulta, ad essere “pura”, come Alice (Melissa Monti) e Niki.

Così, Tommaso Agnese e il co-sceneggiatore Massimo Bavastro, danno vita a un percorso di formazione on the road. Un percorso che porterà le giovani protagoniste verso una nuova vita.

 

Regia: Tommaso Agnese
Interpreti: Matilda Lutz, Valeria Solarino, Melissa Monti, Carlotta Natoli, Giovanni Anzaldo,Laura Adriani, Giada Arena
Origine: Italia, 2015
Distribuzione: Red Post Production
Durata: 86'
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative