Misterioso omicidio a Manhattan, di Woody Allen

Il film dove Allen torna a collaborare con Diane Keaton e lo sceneggiatore Brickman. C’è spesso uno scarto tra scrittura e azione, ma anche un gran finale. Stasera, ore 23.20, La7D

C’è un legame stretto tra Io e Annie e Misterioso omicidio a Manhattan, a cominciare dal ritorno di Diane Keaton in un film di Woody Allen dopo la rottura del regista con Mia Farrow. Ma non è l’unico. Il cineasta newyorkese qui torna a collaborare anche con Marshall Brickman, suo sceneggiatore di alcuni suoi film più famosi degli anni ’70 come Il dormiglione, Manhattan e, ancora Io e Annie. Ma le connessioni tra i due film non finiscono qui. Innanzitutto New York torna ad essere un personaggio essenziale, segnato anche dalle tonalità grigie della fotografia di Carlo Di Palma per sottolineare i repentini cambi di genere, dalla commedia al giallo. E poi entra in gioco la cinefilia. Dichiarata attraverso citazioni, tra cui la migliore è lo scambio di battute tra Allen e la Keaton a proposito di Alain Resnais. “Ti portai a vedere L’anno scorso a Marienbad” – “Poi dovetti spiegartelo per i sei mesi successivi”. Ma anche di film visti in sala come La fiamma del peccato.

Carol e Larry Limpton (Keaton e Allen), vengono invitati una sera a casa da una coppia di vicini di casa. Il giorno dopo la donna muore d’infarto ma Carol è convinta che sia stato il marito ad ucciderla. Cerca di coinvolgere nelle sue indagini Larry ma lui è riluttante. Si fa così aiutare dall’amico scrittore Ted (Alan Alda).

La crisi di coppia entra ancora nel cinema di Allen ma dopo il precedente, ottimo, Mariti e mogli, il tono è più giocoso. Misterioso omicidio a Manhattan però mette in evidenza i primi segni evidenti di involuzione dell’opera del cineasta newyorkese che caratterizzerà gran parte del suo cinema degli anni ’90. Ciò è evidente nel modo di filmare i pedinamenti. Appostati su una macchina, ma soprattutto un inseguimento nel ponte in cui emergono tutto lo scarto tra la scrittura e l’azione. C’è infatti una sovrabbondanza di dialoghi dove Keaton e lo stesso Allen sono affannosamente alla ricerca di ritrovare la loro vecchia sintonia. Ma soprattutto è la struttura del giallo a essere debole, soprattutto nei momenti in cui Carol si intrufola nell’appartamento del vicino o anche nelle apparizioni in cui si perde presto l’ambiguità tra l’allucinazione e quello che si è realmente visto. C’è una sorta di voyerismo hitchcockiano in continuo movimento. E i riferimenti a La finestra sul cortile, a cominciare dall’ossessioone di Carol sul vicino, sono così dichiarati da apparire come un omaggio urlato, non in linea con gli innumerevoli atti d’amore di Allen al cinema del passato.

--------------------------------------------------------------------
SCENEGGIATURA: Tutti i corsi in arrivo della Scuola di Cinema Sentieri selvaggi


--------------------------------------------------------------------

Misterioso omicidio a Manhattan è un film sulla scrittura. C’è un frequente cortocircuito con i personaggi che diventano loro stessi sceneggiatori per far cambiare direzione alla storia, come si può vedere nella scena al ristorante e soprattutto attraverso il personaggio della scrittrice interpretato da Anjelica Huston. Ci sono comunque due altissimi momenti, soprattutto nel finale. Il primo è la sovrapposizione tra quello che sta accadendo in un cinema abbandonato con lo specchio che si rompe e con i dialoghi che sono replicati da Rita Hayworth e Orson Welles in La signora di Shanghai. L’altro è puramente comico: la scena della telefonata all’assassino in cui vengono utilizzate senza successo delle battute preregistrate.

 

Titolo originale: Manhattan Murder Mystery
Regia: Woody Allen
Interpreti: Woody Allen, Diane Keaton, Alan Alda, Anjelica Huston, Jerry Adler, Lynn Cohen
Durata: 105′
Origine: USA, 1993
Genere: commedia

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
3.5 (4 voti)
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative