My Cousin Rachel. Incontro con Roger Michell, Sam Claflin e Pierfrancesco Favino

Il regista e i due protagonisti hanno presentato ad Arezzo il nuovo adattamento del romanzo di Du Maurier e hanno fatto le riprese in Piazza Grande. Il film forse sarà a Venezia

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #9


Ad Arezzo erano attesi Rachel Weisz e Daniel Craig. Ma alla fine non sono venuti nessuno dei due. “Ha finito di lavorare sabato” ha detto il regista Roger Michell, noto per aver diretto Hugh Grant e Julia Roberts in Notting Hill.

Ma Piazza Grande ieri è stata comunque festa e si è trasformata in un set cinematografico. Qui si stanno infatti ultimando le riprese di My Cousin Rachel con Rachel Weisz nei panni di Rachel e Sam Claflin (l’attore londinese protagonista degli ultimi tre Hunger Games, Biancaneve e il cacciatore, #ScrivimiAncora e Pirati dei Caraibi. Oltre i confini del mare) in quelli di Philip. Tra i protagonisti c’è anche Pierfrancesco Favino nel ruolo di Rainaldi.

Il film è tratto dal romanzo di Daphne Du Maurier ed ha già avuto una riduzione cinematografica firmata da Henry Koster nel 1952 con Olivia de Havilland e Richard Burton.

pierfrancesco favinoArezzo torna quindi indietro nel tempo. I costumi e le carrozze nella piazza inclinata. “Più di 40 anni da, quando sono venuto qui, ho studiato i dipinti di Piero Della Francesca – ha detto Roger Michell – e oggi pomeriggio sono tornato a vederli. Per me lui era un regista che faceva film in widescreen. Per Sam Claflin questo è il primo incontro vero con l’Italia: “Si, ero stato soltanto a Roma. Sono stato colpito da Arezzo e sono stato fortunato ad essere venuto qui”. Il regista poi aggiunge: “Ci ha colpito la poca modernizzazione di questa città”. Ma Arezzo el film non sarà direttamente citata: “Ci vive qui o c’è venuto, la riconoscerà subito”.

--------------------------------------------------------------------
#ArenediRoma2021 – Tutte le arene di cinema della capitale


--------------------------------------------------------------------

Pierfrancesco Favino è stato subito colpito dal progetto: “Sono sempre molto felice di lavorare sia in Italia sia all’estero. Questa sceneggiatura poi era estremamente chiara”. Non ci sarà un’immagine da cartolina secondo l’attore: “No, la visione di questi luoghi è diversa dai soliti cliché”. Non ha riletto il libro: “Preferisco farlo a riprese finite”. Infine pure lui è rimasto incantato da Piero Della Francesca: “Sono andato a vedere i dipinti che si trovavano a tre metri da dove dormivo”.

Le riprese di My Cousin Rachel termineranno dopo domani e uscirà in settembre. E il film punta a Venezia.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------