Nanni Moretti conquista la critica statunitense

Ottima accoglienza da parte della stampa statunitense per Mia madre di Nanni Moretti, uscito nelle sale americane lo scorso 26 agosto.

Per il The New YorkerTutto in Mia Madre – avvenimenti, ricordi e fantasie – è abilmente intrecciato. Si potrebbe associare ad 8 ½, un altro racconto di un regista assediato da una crisi, Ma Margherita è come un antitodo, per  così dire, al personaggio di Marcello Mastrioianni in quell film. Laddove lui era sprezzante e sovrano, lei è timida, quasi ascetica, ben lontana da manifestazioni ed emotività eccessive“. Ancora più entusiasta il New York Times: “In Mia Madre amore, morte e cinema – si fondono l’un l’altro  in maniera meravigliosa (…) Moretti non traccia una linea tra il dolore e le risate: si muove tra i registri e gli strati delle emozioni, facendo scivolare momenti pesanti in incontri ludici e rivelando un tenero umorismo in una scena altrimenti malinconica.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------