Nastri D’Argento 2015 – Tre premi per Sorrentino, Garrone e Munzi

Ecco tutti i Nastri D’Argento 2015, premi assegnati dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani. È Paolo Sorrentino il Regista del Miglior Film, ma il suo Youth riceve in tutto 3 Nastri come Anime Nere di Francesco Munzi e Il racconto dei racconti di Matteo Garrone. Nella categoria Film dell’Anno premiato Il giovane favoloso di Mario Martone.

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------

-REGISTA DEL MIGLIOR FILM
Paolo Sorrentino – Youth – La giovinezza

-MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE
Edoardo Falcone – Se Dio vuole

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

-COMMEDIA

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Noi e la Giulia – Edoardo Leo

-PRODUTTORE
Cinemaundici /Luigi e Olivia Musini con Rai Cinema, in collaborazione con On My Own – Anime nere

-SCENEGGIATURA
Francesco Munzi, Fabrizio Ruggirello, Maurizio Braucci con la collaborazione di Gioacchino Criaco – Anime nere

-ATTORE PROTAGONISTA
Alessandro Gassmann – Il nome del figlio

-ATTRICE PROTAGONISTA
Margherita Buy – Mia madre

-ATTORE NON PROTAGONISTA
Claudio Amendola – Noi e la Giulia nastri

-ATTRICE NON PROTAGONISTA
Micaela Ramazzotti – Il nome del figlio

-FOTOGRAFIA
Luca Bigazzi – Youth-La giovinezza

-SCENOGRAFIA
Dimitri Capuani – Il racconto dei racconti

-COSTUMI
Massimo Cantini Parrini – Il racconto dei racconti

-MONTAGGIO
Cristiano Travaglioli – Anime Nere e Youth-La giovinezza

-SONORO IN PRESA DIRETTA
Maricetta Lombardo – Il racconto dei racconti

-COLONNA SONORA
Nicola Piovani – Hungry Hearts

-CANZONE ORIGINALE
Francesco De Gregori – Sei mai stata sulla luna? – Sei mai stata sulla luna?

Il film dell’anno è Il giovane favoloso  di Mario Martone. I Nastri, assegnati dal Direttivo del Sngci, oltre al regista vanno alla produzione di Carlo Degli Esposti, alla sceneggiatura  condivisa da Martone con Ippolita Di Majo e ovviamente al protagonista Elio Germano.