Nebraska. Alexander Payne: qualcosa è cambiato? Trailer, poster, 5 nuove clip e foto

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

  Il poster di Nebraska

Nebraska (la prima clip), l'ultimo lavoro di Alexander Payne, è uscito nelle sale statunitensi il 15 novembre e sbarcherà in Italia il 23 gennaio, distribuito da Lucky Red. Il film è stato presentato al 66° Festival di Cannes dove Bruce Dern (The Hole in 3D; Down in the valley; Twixt) ha ottenuto la Palma d'oro per la miglior interpretazione maschile.

 

L'attore interpreta Woody Grant, un anziano alcolista illuso dalla vincita di un premio da urlo: un milione di dollari. Testardamente s'incallisce nell'idea di dover partire per riscuotere il fantomatico montepremi e non si farà scrupoli a Will Forte è David Grant in Nebraskamettersi in viaggio in solitario ed a piedi pur di raggiungere il suo obiettivo. Il vagare è interrotto da un poliziotto, che per accertarsi delle sue condizioni, gli chiede dove stia andando. La risposta è: "vengo da un posto indietro e vado in un posto avanti". Ogni componente della famiglia, preoccupato, dalle condizioni psicologiche di Woody, ipotizza di chiuderlo in un istituto. Ma il figlio David (Will Forte, Rock of Ages; Baby mama; Giro del mondo in 80 giorni) è la chiave di volta per l'uomo e la storia. Il suo intervento sarà fondamentale per fare di questa semplice narrazione un road movie 'esistenziale', dal Montana al Nebraska, attraverso quattro stati, nel tentativo illusorio di poter fare ciò che si vuole con il 'malloppo', anche comprare un camion nuovo ed un compressore e/o riprendere i fili di un rapporto che pare 'chiuso'.

 

Il tema è quello del viaggio già affrontato nei precedenti A proposito di Schmidt e Sideways – in viaggio con Jack.

"Io provo a fare film anni 70 – spiega il regista – Ero un teenager ad Omaha, guardavo i film e dicevo: 'voglio provare a fare questo un giorno. Poi sono arrivato qui e tutto è cambiato. Quello che era considerato un tipico film commerciale narrativo americano ora è considerato un film d'arte. E sto ancora cercando di fare quel genere di film".

 

Payne utilizza il bianco e nero. "Mi sembrava giusto così – ha commentato – è il colore delle grandi foto d'arte". Nebraska è stato girato a colori e poi convertito in bianco e nero in post-produzione. Una scelta commerciale che pare stridere con l'idea di questo film che Payne teneva in mente da circa dieci anni: "avevo tra le mani la sceneggiatura di Nebraska già quando facevo Sideways. Ma non Bruce Dern è Woody Grant in Nebraskavolevo fare un ennesimo road movie. Ero davvero stanco di girare scene con gente in macchina. Sono serio. E’ una lagna. Ma dopo Paradiso amaro, sono tornato indietro su questa storia".'

 

E l'ostinata partenza in solitario dell'anziano, ma soprattutto l'incontro con the sherif, che fa riaffiorare alla memoria il Detour di Edgar G. Ulmer (in cui Al Roberts, interpretato da Tom Neal, alla domanda: "Dove vai?" risponde "ad Est", e a quella "da dove vieni?", risponde "Da Ovest"), sembra delineare una deviazione, una svolta nella carriera del regista..

 

Qui di seguito, 5 clip dal film

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"