Nemiche per la pelle, incontro con Luca Lucini e il cast

Tanti scambi di battute questa mattina tra attrici attori e regista, in occasione della presentazione della commedia Nemiche per la pelle, che vede confrontarsi la yuppie Gerini e la nevrotica Buy

Tanti scambi di battute questa mattina tra attrici attori e regista, in occasione della presentazione della commedia Nemiche per la pelle, che vede confrontarsi una yuppie senza scrupoli, incarnata da Claudia Gerini (Fabiola), e una psicologa per animali nevrotica e radical chic, incarnata dal Margherita Buy (Lucia), che del film ha scritto anche il soggetto assieme a Doriana Leondeff e Francesca Manieri. Il film uscirà il 14 Aprile in circa 150 sale. Presenti alla conferenza stampa, oltre alla Gerini e alla Buy, anche il regista Luca Lucini, assieme ai co protagonisti maschili, Giampaolo Morelli e Paolo Calabresi.

Chi sono veramente i personaggi di Lucia e Fabiola, e come siete riuscite ad interpretarli e a diventare amiche? “Non sono vere e proprie amiche, sono due caratteri dicotomici”, spiega la Gerini, “il mio personaggio, Fabiola, è una donna molto attaccata al denaro al successo e alla carriera, mentre Lucia ha altri valori, è una donna molto spirituale. Ma ci ritroviamo in una circostanza nella quale siamo costrette a collaborare. La nostra è la storia di una maternità imposta, non scelta. È una realtà che nessuna delle due protagoniste aveva deciso. Recitando insieme nel film i nostri caratteri opposti si sono intersecati completamente”. 41083

Mentre la Buy spiega l’idea da cui parte il soggetto del film: “Volevo mettere a confronto due donne opposte. Ogni donna è un mondo a parte, e tra di noi ci osserviamo molto, ci studiamo. Io poi amo la commedia, ma un po per gusti un po per condizione mi trovo spesso ad infilarmi per lavoro in quelli che Laura Morante definisce dei pozzi; poi però ne emergo con le commedie. E il mondo femminile, quando alcuni tratti vengono esasperati, può risultare molto comico”. Il regista Luca Lucini sottolinea come Nemiche per la pelle sia un film tutto al femminile, e come la Buy e la Gerini siano due attrici “complementari in tutto: voce, espressioni, mimica del corpo. Vederle recitare insieme crea qualcosa di magico, sono come Jack Lemmon e Walter Matthau. Ho consigliato loro di non aver paura di esagerare, di forzare la mano, perchè l’effetto comico nasceva anche da quello. Questa è una commedia che espone con profondità temi attuali”, mentre l’attore Giampaolo Morelli, definito il “toy boy” della Buy nel film, si chiede scherzando cosa ne penserà Mario Adinolfi su una storia di un bambino cresciuto da due madri.

---------------------------------------------------------------
SCRIVERE PER LA TV: il workshop sulla sceneggiatura per la serialità


---------------------------------------------------------------

 

 

 

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative