Newsletter 07/02/2017

 

SENTIERI SELVAGGI NEWSLETTER  #9/2018                   

I nostri Oscar #2 The Attack, di Ziad Doueiri


Premiato al Festival di Venezia (Coppa Volpi a Kamel El Basha), ma poi subito dopo arrestato. È quello che è successo al cineasta libanese Ziad Doueiri, il quale al Lido aveva presentato in competizione L’insulto, che concorre agli #Oscars2018 come Miglior Film Straniero.
 In realtà Ziad Doueiri aveva già avuto degli enormi problemi con The Attack del 2012 che vede protagonista un affermato chirurgo israelo-palestinese la cui vita viene stravolta da un attentato kamikaze in un ristorante organizzato dalla moglie poi morta nell’esplosione. Ecco allora un’occasione per rivedere proprio quel The Attack che portò al giovane ex-assistente libanese di Quentin Tarantino la notorietà festivaliera. Il film, inedito in sala e in home video in Italia, verrà presentato in versione originale sottotitolata, con introduzione critica da parte della redazione di Sentieri Selvaggi. 

The Attack, di Ziad Douieri (Libano, 2012)
giovedì 8 febbraio, h 20
Sentieri Selvaggi, via Carlo Botta 19 a Roma
INGRESSO GRATUITO


LA SETTIMANA SU SENTIERI SELVAGGI             

#Oscars2018 – Il melting pot per la miglior regia
Una riflessione all’indomani dei DGA Awards. Quella di quest’anno è una cinquina eterogenea che racconta una volta di più i radicali cambiamenti intrapresi dall’Academy negli ultimi anni.

#Berlinale68 – Unsane. Soderbergh e la tecnologia del contemporaneo
 All’edizione 2018 della Berlinale prevista la presentazione dell’ultimo film di Soderbergh, un horror girato interamente con un Iphone. Una sperimentazione che è anche una rinascita

Anya Taylor-Joy. Genesi di una stella
Anya Taylor-Joy è una delle attrice più promettenti del panorama Hollywoodiano e film dopo film sta confermando tutto il suo valore. Da The VVitch a Split, in attesa di Glass e The New Mutants

Il nome della rosa: da Umberto Eco a Stefano Massini
Dato il suo successo nella cultura italiana, Il nome della rosa non poteva evitare di trovare una nuova vita anche nel Teatro, grazia alla sensibilità autoriale di Stefano Massini

I FILM DEGLI #OSCARS2018


Steven Spielberg: 
The Post
Paul Thomas Anderson: Il filo nascosto
Greta Gerwig: Lady Bird

SENTIERI SELVAGGI NEWSLETTER  inviata a 33.995 lettori
ISCRIVITI