Newsletter 1/6/2008


L'ARTICOLO DELLA SETTIMANA

LA FOTO DEL GIORNO – Il ritorno dell'Altra Domenica, a Bellaria

Renzo  ArboreBellaria Fim Festival 5/9 giugno 2008 rende omaggio ad un artista e ad una trasmissione che hanno contrassegnato in modo deciso la storia 'catodica' nostrana; RENZO ARBORE e la trasmissione culto degli anni '70 L'ALTRA DOMENICA. Sabato 7 giugno Renzo Arbore sarà presente alla 26a edizione del Bellaria Film Festival, che programmerà anche IL PAP'OCCHIO

ATLANTIDE
IL VENTO DEL CINEMA
a Pescara
 
VIDEO – Il mito dei festival: Franco Battiato e Enrico Ghezzi (1) Franco Battiato, Enrico Ghezzi e Mario Sesti intorno al mito dei festival: Ghezzi introduce l'incontro con diversi organizzatori di festival (non solo di cinema) a Atlantide: Naufragio con spettatori
ATLANTIDE 2008 – Voci dal Naufragio La registrazione integrale dell'intervento di Margherita Palazzo, la nostra corrispondente da "Atlantide", nel corso dello spazio radiofonico di Sentieri Selvaggi, Onde Selvagge, a cura e condotto da Annarita Guidi e Sergio Sozzo, in diretta venerdi 30 maggio su Radio Popolare Roma (AUDIO).
 
ATLANTIDE 2008 – “L'Ordre” di Jean-Daniel Pollet (Idea di un’isola) Cosa ne diranno i dottori? La lebbra dei medici è semplice: è l’ordine. Se il mondo sano applica garze e cancella il malato dal registro della vita, la vita stessa reclama il suo senso perfino reclusa in un’isola dimenticata, paradiso infernale, e in soli 40 minuti si ascolta la sua voce, che è indignata contro il mondo dei compassionevoli, degli atterriti: Jean Pollet esplora la malattia (come metafora, di disordine sociale) e un cantore quasi cieco compatisce il mondo civilizzato, a cui apparteniamo, in corsa per la decadenza, dal suo isolamento eterno. Un documentario su di noi. GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO.
 
ATLANTIDE 2008 – “L’impossibilità di recitare Elettra oggi”, di Roska, Manrico Pavolettoni, D …
Sofocle non abita tra gli operai della Bassa Padana e il sessantotto porta in dono pantaloni sporchi di sangue di giovanissimi abbattuti a colpi di fucile, ma anche la costante emozione di non rimettere in scena un’ Elettra già impossibile: alcuni, pure immersi nella struttura stagnante che li stringe da ogni lato, consapevoli di farne parte come piante al terreno, si sradicano dal loro passato per raccontare una stagione accesa pronta a fare di ogni suo passo un “tutto” da rigiocare nel linguaggio e nell’azione.
 
Enrico Ghezzi,Tonino De Bernardi e una piccola ospite inattesa al Festival Atlantide: Naufragio con Spettatori (2008, Pescara) introducono Medée Miracle, presentato nella selezione "Schegge dal vaso di Pandora" e discutono su mito (e mito del cinema…) GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO
 
Julio Bressane presentato da Enrico Ghezzi spiega il suo inseguimento al "fantasma" di Michelangelo Antonioni nei due corti proiettati al Festival Atlantide: Naufragio con Spettatori (2008, Pescara). I corti presentati: Ver, Viver, reviver (2007) (ANTEPRIMA) e Passagem a Ferrara (2007) (ANTEPRIMA) GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO
 
ATLANTIDE 2008 – “Ver, Viver, reviver” e “Passagem a Ferrara”, di Júlio Bressane (Il mito del cinema … Due corti in anteprima: un inseguimento doppio al "fantasma" di Michelangelo Antonioni, dove il secondo è più che il mero racconto della realizzazione del primo, ma piuttosto, parte dello stesso sguardo moltiplicato mille volte nelle forme di un caleidoscopio.
 
Enrico Ghezzi presenta Amos Gitai: il regista introduce per gli spettatori del festival il suo corto Le dibbouk de Haïfa, realizzato per il film collettivo Chacun son cinéma, e il lungometraggio Esther (1986) presentato nella sezione A idade da terra. GALLERIA FOTOGRAFICA.VIDEO
 
Introduzione di Enrico Ghezzi alle prime visioni del festival
Atlantide : Naufragio con Spettatori
A propos de nice di Jean Vigo (1930)
Il ginocchio di Artemide di Jean-Marie Straub (2008) (ANTEPRIMA)
L’itineraire de Jean Bricard di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet (2008) (ANTEPRIMA)
Go Go Tales di Abel Ferrara (ANTEPRIMA) (VIDEO)
 
ATLANTIDE 2008 – “A propos de nice”, di Jean Vigo (Beach Movies) La prima “tempesta” offerta dal naufragio con spettatori di Atlantide – Il vento del cinema 2008 – è una retata senza interruzioni nello spazio indefinito che sta tra presenza e scomparsa, che conduce dalla Nizza degli anni ’30 di Jean Vigo – ma potrebbe essere una città di qualunque tempo, accesa dal sole e dai protagonisti un osceno carnevale che può solo svelare quanto siano tutti votati alla morte – alla foresta in cui Jean-Marie Straub canta l’assenza, a un viaggio trasparente in battello, per chiudersi con il grido d’amore al corpo di Abel Ferrara. VIDEO: “A propos de nice”, di Jean Vigo

SPECIALE GOMORRA/IL DIVO
 
SPECIALE Gomorra/Il Divo – GOMORRA. Il cinema come forma di lotta
L’idea vincente di Saviano e Garrone è stata quella di mostrare la quotidianità della Camorra senza snocciolare in maniera didascalica dati e notizie, in questo modo ci si immerge nell’orrore di molte vite senza futuro, imprigionate nella desolazione (esistenziale, morale) più assoluta. Gomorra è un film malato, angoscioso, importante. Continua il dibattito sui film italiani premiati a Cannes
 
“Gomorra”, di Matteo Garrone

Dal potente best-sellers di Saviano, il cineasta realizza un corale noir malato, di ambienti e di volti che riesce a reggere bene i 135 minuti di durata. Eppure, rispetto alla materia narrativa caldissima, c’è sempre la sensazione che il film sia troppo trattenuto come se avesse paura di perdere di vista la strada già tracciata. Finisce per non rischiare, ma neanche però per catturare autenticamente. Alla fine, un’opera più importante che bella. Gran Premio della giuria al 61° Festival di Cannes

 
SPECIALE Gomorra/Il Divo – Su Gomorra (replica) "...forse, per un'opera del genere, è più utile essere "importante" (segno di un cinema civile che riprende forma in Italia sulla tradizione di quello di Rosi e Petri) che "bella". Prosegue il dibattito sui film italiani al Festival di Cannes, Gomorra e Il Divo. Simone Emiliani risponde alla lettera dello sceneggiatore Massimo Gaudioso, provando a spiegare meglio le sue osservazioni (e critiche) sul film di Matteo Garrone
 
SPECIALE Gomorra/Il Divo – Un Garrone troppo umano per essere falso Il Garrone che regala a Don Ciro la propria maestria tecnica e, come una specie di Dio sapiente, li anima di un respiro umano, è troppo umano per non condividere intimamente il crescendo di ansia, timore e terrore del camorrista. Ci piace crederlo. Ci piace sperarlo. Ci piace pensare ad un Garrone schizzato di sangue e con le gambe tremanti. Quello è il nostro regista, quello è il nostro autore
 
SPECIALE Gomorra/Il Divo – La carica dei “gomorristi”…
Dopo le recensioni di Simone Emiliani da Cannes su Gomorra e Il Divo, entrambi premiati dal Festival con i Premi della Giuria, continuano le prese di posizione da parte di lettori ma anche redattori e collaboratori di Sentieri selvaggi. Ecco le ultime mail arrivate in redazione.
 
Gomorra, il Divo, e Sentieri selvaggi: parliamone Due mail giunte in redazione a poca distanza l’una dall’altra. Una di uno sceneggiatore che stimiamo e apprezziamo molto, Massimo Gaudioso (tra gli autori della sceneggiatura di Gomorra), più volte ospite e anche docente dei nostri corsi di cinema; un’altra di un “fedele lettore” che è rimasto perplesso sui nostri giudizi sui film italiani di Cannes. Occasione anche per preparare i nostri lettori alla “grande responsabilità” del prossimo nuovo corso di Sentieri selvaggi, e per riprendere a parlare del cinema italiano….


 
LIBRI DI CINEMA – “Automobili e film nella storia del cinema americano” di Andrea Denini

Un libro che esce fuori dal coro, per l'argomento, poco approfondito in Italia e per l'estrema abilità dell'autore nel sapere dosare l'acceleratore la dove l'analisi poteva deragliare e mantenere una velocità costante nell'interessare il lettore. Con una variabile sempre rispettata: la curiosità. Vertigine infinita che plasma la materia e trasuda in ogni pagina, magnete necessario per chi ama il cinema e la velocità. Edizioni Le Mani

 
“Il nostro Messia”, di Claudio Serughetti

Un regista alle prese con produttori mefistofelici improbabili cinici e aspiranti attrici sessualmente aggressive: tutti alla ricerca dell’uomo della svolta nell’era dei (post)quindici minuti di celebrità e dell’immagine come oppio. Concretezza, ironia e autocritica sottesa, splendida insensatezza della vita e divertimento ghignante affidato a inserti metanarrativi

 
“Underdog – La storia di un vero supereroe”, di Frederick Du Chau

Opera terza particolarmente frastornante del regista di Striscia, una Zebra alla riscossa, il film schioda dal divano televisivo James Belushi e la voce di Jason Lee, e nel tentativo di rendere in live action e computer grafica un popolare cartoon degli anni '60 appende inerme al panno blu che dietro di lui fa schizzare palazzi, ambientazioni e scenari, un cane spesso distratto ed annoiato che dovrebbe essere il supereroe Underdog che vola.

 
"Rise – La setta delle tenebre", di Sebastian Gutierrez

Sebastian Gutierrez – già sceneggiatore di Snakes on a Plane – scrive e dirige questo horror che sembra un pilota di una serie televisiva: gli punti sono solo accennati, come se dovessero essere sviluppati in un secondo momento e ripresi lungo una strada solo ipotizzata. Un devertissement che punta tutto sull’effetto, tagliando fuori le possibilità del dramma del rape and revenge, a cui pure non rinuncia ad alludere.

 
“Sanguepazzo”, di Marco Tullio Giordana

La Storia pubblica e privata nel cinema del regista riprende forma attraverso la vicenda di due star del cinema dei telefoni bianchi, Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, che racchiude nove anni della loro vita, dal 1936 al 1945. Nella sua presunta ricchezza però, il film appare terribilmente piatto, senza accensioni. Dove le fiamme della passione restano fuoricampo per tutta la pellicola. Fuori concorso al 61° Festival di Cannes

 
VIDEOCLIP – "Wanderlust", Bjork

Sorprende ancora. E lascia intrappolati gli occhi in una splendida visione l’ultimo lavoro di Bjork, artista capace di accompagnare alla sua variegata musica una produzione di video altrettanto multiforme, in grado di spaziare nell’infinito delle potenzialità immaginative e realizzative di grandi registi. Per Wanderlust Bjork si affida alla Encyclopedia Pictura e i risultati sono davvero notevoli. VIDEO

 
IL VIDEO DEL GIORNO – Neal Cassady e Jack Kerouac, la Beat Generation su richiesta

Tra i film che la IFC distribuisce esclusivamente con la formula ON DEMAND, un lungometraggio su Neal Cassady, il Dean Moriarty dei viaggi di Jack Kerouac, l’autista lisergico del bus magico dei Merry Pranksters di Ken Kesey, basato su uno spettacolo teatrale, per la sceneggiatura e la regia di Noah Buschel, con Tate Donavan nel ruolo di Cassady e Glenn Fitzgerald in quello di Kerouac. Sempre in tema di beat generation e in occasione della visita di Lawrence Ferlinghetti a Roma il 16 e 17 Maggioqui tutti i dettagli – vi proponiamo anche un estratto da Pull My Daisy, film sperimentale del ’59 scritto da Kerouac e interpretato da Allen Ginsberg, Gregory Corso, Peter Orlovsky e lo stesso Kerouac, e una lettura di quest’ultimo sulle note di Steve Allen. GALLERIA FOTOGRAFICA

 
VIDEO – Nuovo Cinema Aquila: film di qualità e laboratorio multiculturale Giuseppe Piccioni, durante la serata di apertura del Nuovo cinema Aquila, al Pigneto, a Roma, parla dei suoi progetti per questa sala, dalla scelta di film di qualità all’esigenza di creare spazi per dei laboratori multiculturali, che tengano anche conto delle presenza delle molte comunità di stranieri che da anni ormai vivono in questo quartiere.
 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa e-mail viene inviata a tutti gli utenti che entrano in contatto con Sentieri selvaggi. Gli indirizzi e-mail sono stato reperiti attraverso iscrizione diretta alla newsletter o attraverso e-mail da noi ricevuta. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta a garanzia della privacy. Ai sensi del decreto legislativo 30.06.2003 n.196. Il titolare del trattamento dei dati è Associazione Culturale Sentieri selvaggi con sede in Roma, a Lei competono i diritti di cui all'art.7 del codice della privacy. In ogni momento potrà chiedere la modifica, il non utilizzo o la cancellazione dei suoi dati, scrivendo a Sentieri selvaggi: info@sentieriselvaggi.it

per continuare questa fantastica impresa sostenendo il cinema indipendente

un film prodotto con 35 mila euro attraverso la formula the coproducers e senza finanziamenti di stato uscito in sala creando una distribuzione indipendente

 

visti gli ottimi riscontri di pubblico e critica

“il Nostro Messia”

rimarrà al cinema Farnese di Roma fino al 5 giugno

orario spettacoli 17.45 – 20.20 – 22.30

Chiedete alla cassa un coupon a nome APOCALYPSE e pagherete 5 Euro invece di 7

 

in uscita anche a padova al cinema torresino 6-7-8 giugno

info: www.ilnostromessia.itgdmgdm@hotmail.com

COMUNICATO STAMPA: IL NOSTRO MESSIA CONTINUA A FAR PARLARE…

DAL 23 AL 29 MAGGIO IL NOSTRO MESSIA IN PROGRAMMAZIONE ALLA SALA FARNESE DI ROMA HA TOTALIZZATO EURO 5.485,00 CON RELATIVA MEDIA DI 5,010,00 (DATI CINETEL).

Complice di questo successo è certamente il cast che ha recitato in questo film : che vede insieme a Serughetti volti noti del cinema e della televisione: Rosalinda Celentano, Tinto Brass, Fabrizio Rongione, Sarah Maestri, Vanessa Scalera, Sarah De Marchi, Maria Rita Cardella, Veronica Barbatano e nel cast anche la cantante Dolcenera ed uno speciale CAMEO di Stefano Salvi, Fioretta Mari, Ignazio Oliva, François Montagut, Marcello Prayer, Cristina Moglia e Renato De Carmine.

 


HD Alta Definizione

 
ULTIMI GIORNI PER ISCRIVERSI AL WORKSHOP del 7/8 giugno

workshop HD Alta Definizione

HD – Alta Definizione! (7/8 GIUGNO 2008)

Seconda Edizione del workshop per operatori, film-makers, registi, montatori, produttori cine-televisivi e per tutti gli appassionati di tecnologie avanzate. Una full-immersion di due giorni molto operativa, ricca di esempi e di chiarimenti su ciò che è il mondo, in rapida evoluzione, della ripresa digitale in alta definizione. Una panoramica sulle tecniche dei nuovi sistemi con tanto di prove in studio per sperimentare direttamente cosa vuol dire riprendere e lavorare in HDV.

 


Avete un progetto per una SERIE o MINISERIE TV?

Partecipando al Corso "SCRIVERE PER LA TELEVISIONE" potrete far analizzare il vostro progetto da due affermati sceneggiatori di serie televisive italiane – Francesca Primavera (autrice delle prime due serie de I Cesaroni) e il giornalista e sceneggiatore Massimo Cerofolini (autore di serie come Papa Giovanni, Madre Teresa e Papa Luciani

SCRIVERE per la TELEVISIONE (20/21/22 giugno)

 

LostTre giornate full-immersion per apprendere le strategie della sceneggiatura e utilizzare le tecniche essenziali della scrittura televisiva. Questo workshop vuole fornire gli strumenti essenziali, immediatamente utilizzabili dello scrivere per la televisione (miniserie, sit-com, soap, telefilm). Pratica più che teoria, tecnica più che aneddotica.

Il progetto prevede approfondimenti teorici e momenti “laboratoriali” durante i quali verranno analizzate proposte che gli allievi sono invitati a inviare prima del corso: se a Demetrio Salvi è delegata la parte “di base” e “tecnica”, la sceneggiatrice ed editor Francesca Primavera (autrice delle prime due serie de I Cesaroni) e il giornalista e sceneggiatore Massimo Cerofolini (autore di serie come Papa Giovanni, Madre Teresa e Papa Luciani ) vi aiuteranno a definire le strategie necessarie a elaborare progetti e sceneggiature convincenti per la Tv. Date: 20/21/22 giugno.

iscriviti QUI!Scuola di cinema Sentieri Selvaggi: scuole e corsi di cinema, sceneggiatura, recitazione, critica cinematografica, fotografia, montaggio, regia e scrittura Roma - università del cinema e documentari. Borse di studio, critica cinematografica, corsi AVID - FInal Cut - ufficio stampa - produzione - Alta Definizione. Corsi per insegnanti per insegnare cinema a scuola e corsi per filmmakers. Sentieri Selvaggi incontra alla Mostra del Cinema di Venezia il grande regista di Hong Kong e il suo collaboratore Wai Ka-fai. Ad un certo punto dell'intervista abbiamo passato la videocamera al maestro che si è esibito in una breve ma intensa ripresa

 


 
Pollack
A poco più di due mesi dalla scomparsa del suo socio Anthony Minghella, se ne va il cineasta “icona” della New Hollywood, forse l’ultimo dei grandi registi capaci di coniugare con sapienza e sottile leggerezza l’impegno politico e sociale con le dinamiche strutturali dello spettacolo hollywoodiano. Forse anche perché Pollack si era formato nelle serie Tv degli anni ’60. Nella sua filmografia difficile trovare pellicole non importanti, ma film come Non si uccidono così anche i cavalli?, Corvo Rosso non avrai il mio scalpo, Come eravamo, Yakuza, I Tre giorni del Condor, Tootsie, La Mia Africa, Havana, Destini incrociati, The Interpreter, sono dei magnifici modelli di un cinema fatto di cuore e di testa, di spettacolo e di sentimenti, di forza morale e sensibilità artistica. VIDEO – GALLERIA FOTOGRAFICA
 

 
 
 


LE OFFERTE ESCLUSIVE PER I NOSTRI LETTORI
da NOSHAME FILMS
DVD NOSHAME FILMS
 


I LIBRI DI SENTIERI SELVAGGI

 
Demetrio Salvi

SCRIVERE E GIRARE UN CORTOMETRAGGIO

manuale per filmmakers

Dalla Scuola di Cinema Sentieri selvaggi il primo manuale completo per i filmmakers redatto dal docente del corso di regia.

prezzo € 16.50 ORDINA QUI! (prima ristampa)

 

 

 

Francesco Ruggeri

TAKESHI KITANO Della morte, nell'amore

Edizioni Sentieri selvaggi

Collana I libri di Sentieri selvaggi n. 01 – Aprile 2005

192 pagg formato 15,5 cm x 21 cm

prezzo € 9.50 ORDINA QUI!

 

 

 

 

sentieriselvaggishop2.jpg

 


 

NEWS
Evento Speciale al Bellaria Film Festival

Il canale del cinema classico americano termina le sue trasmissioni e lo fa in grande stile

Un Tv movie prodotto da Dustin Hoffman in onda domenica 1° giugno su Hallmark (Canale 136 di SKY)

A Fuori Orario Vittorio Cottafavi, Straub-Huillet e Lisandro Alonso

Stasera al Circolo degli artisti proiezione e incontro con il regista e il cast

Le prime immagini del film diretto e interpretato dall’attrice francese. VIDEO

Stasera alla Casa delle letterature

Domani al cinema Trevi il documentario Come diventai Alida Valli

QMI diventa consulente dell'Agis

L’adattamento di un romanzo per ragazzi a cura della sceneggiatrice di Tim Burton. GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO

Da questa sera, con una performance e un corto

XIII edizione dal 5 al 12 giugno

Intervistata Linda Blackaby del San Francisco International Film Festival

A Bologna retrospettiva su Hunter Thompson con un documentario di Alex Gibney. GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO

4a settimana di tenitura al Filmstudio, fino al 2 giugno!

Il Vento del Cinema, il Festival diretto da enrico ghezzi. Stasera anteprima di go go tales di Abel Ferrara

«I due premi a Cannes, una svolta per il cinema italiano»

Il regista americano Sydney Pollack è morto a 73 anni di cancro nella sua casa di Los Angeles

Potrebbe essere in programma a Venezia 2008. Nel cast Sean Penn, Josh Brolin, Emile Hirsch, James Franco e Diego Luna. GALLERIA FOTOGRAFICA. VIDEO

Il regista americano aveva 73 anni

Questa sera, con Izutsu Kazuyuki
 
 
Sfiorarsi

Scuola Sentieri Selvaggi