NIHON EIGA – 2° appuntamento con il cinema giapponese

NIHON EIGA

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Come il cinema giapponese imparò a non preoccuparsi e ad amare la bomba

In collaborazione con Quinlan e AsianWorld, una rassegna di quattro film che segnano un filo rosso radioattivo all’interno della cinematografia giapponese. INGRESSO GRATUITO alle h 20.30 in via Carlo Botta 19 a Roma, con introduzione critica a cura dei redattori di www.quinlan.it
Sottotitoli dei film a cura di www.asianworld.it

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Giovedì 31 marzo appuntamento con Fish Story (2009), folle pastiche ultra-pop ordito da Yoshihiro Nakamura, dove si mescolano proto-punk e fantascienza, supereroi televisivi e romanzi mal tradotti. Non mancate!

Lo sgancio della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki del 6 e 9 agosto del 1945 non solo accelerò la firma del trattato di pace tra gli Stati Uniti e il Giappone, oramai stremato e ridotto in cenere, ma segnò in maniera indelebile l’immaginario del cinema nipponico. Il tema dell’atomica traccia un percorso continuo nella produzione giapponese, mescolando la ricostruzione del reale ai più svariati voli di fantasia, dal fantasy al post-apocalittico, passando ovviamente per i kaiju eiga di cui sono signori incontrastati Godzilla e Gamera.
In quattro appuntamenti si cercherà dunque di svelare la trama che si muove alle spalle di approcci al cinema tra loro solo difficilmente apparentabili a prima vista: siamo partiti dal crudo realismo di Hadashi no Gen (Barefoot Gen, 1983) di Mori Masaki, tratto dal manga omonimo di Keiji Nakazawa, e passando per lo sci-fi filosofico e post-apocalittico Tenshi no tamago (Angel’s Egg, 1985) diretto da Mamoru Oshii approderemo al divertissement ai limiti del demenziale rintracciabile in Girara no gyakushū: Tōya-ko Samitto kikiippatsu (Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!, 2008), delirante omaggio del regista Minoru Kawasaki ai cosiddetti film “di mostri giganti”.
Buona visione, e buon bombardamento (di immagini).

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

I prossimi appuntamenti:
14 aprile – Tenshi no tamago (Angel’s Egg, 1985) di Mamoru Oshii
28 aprile – Girara no gyakushū: Tōya-ko Samitto kikiippatsu (Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!, 2008) di Minoru Kawasaki