Nilde Iotti, il tempo delle donne, di Peter Marcias

Evento Speciale alle Giornate degli Autori, il film di Marcias è una biografia molto partecipata che mescola sapientemente pubblico e privato diventando testimonianza di passione e impegno civile

La tromba ipnotica di Paolo Fresu e l’eleganza di Paola Cortellesi che, in nero Armani, fa da voce narrante e filo conduttore. Per raccontare la vita di Nilde Iotti, prima donna a diventare presidente della Camera dei Deputati nel 1979, il regista Peter Marcias decide di affidare i ricordi alla musica e alla recitazione alternandoli con il materiale d’archivio e le interviste. Il risultato è una biografia molto partecipata che mescola sapientemente pubblico e privato diventando testimonianza di passione e impegno civile.
Dopo una infanzia difficile, la giovanissima Nilde sostiene con coraggio la causa partigiana e nell’immediato dopoguerra ha l’incontro fatale con Palmiro Togliatti: la storia d’amore scandalizza Reggio Emilia e anche le sezioni alte del PCI, creando un crescente imbarazzo che si tramuta in scandalo quando Togliatti abbandona definitivamente la famiglia.
Nelle interviste alle amiche della Iotti traspare spesso il rimpianto per avere giudicato troppo duramente la vicenda e non avere compreso l’importanza della relazione tra il leader comunista e la forte e giovane militante. In realtà la grande personalità della Iotti è già evidente nelle battaglie che porta avanti con passione: il nuovo diritto di famiglia, l’emancipazione della donna, l’affermazione della potestà familiare, il riconoscimento dei figli “illegittimi”, l’abolizione della dote, la revisione del Concordato e, in tempi successivi, la lotta in favore del divorzio e dell’aborto. Tutti gli sforzi della statista sono in difesa non solo dei diritti delle donne ma anche della democrazia, che ritiene fragile, sempre in pericolo, a causa di reflussi populisti e reazionari. Il ritratto più fedele lo disegna il Presidente Sergio Mattarella che ne riconosce l’imparzialità ed evidenzia il rispetto verso le Istituzioni, la difesa della Costituzione dagli attacchi fascisti e la lotta per ottenere più spazio e rispetto per le donne all’interno del parlamento e nella società civile.

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

E proprio su quest’ultimo tema convergono molti dei pensieri degli intervistati: Michela Murgia sottolinea l’importanza dell’autodeterminazione, Livia Turco parla del tempo del lavoro e del ruolo all’interno della famiglia (le condizioni di vita delle donne lavoratrici rimangono disumane), Elly Schlein ricorda come grazie alla caparbietà e alla consapevolezza di Nilde Iotti oggi le donne hanno ottenuto la difesa dei loro diritti a livello nazionale ed europeo. Mentre i silenzi e le parole di Paola Cortellesi fanno riflettere sulla importanza di una politica al servizio del cittadino indipendentemente dalla posizione nell’arco parlamentare, Peter Marcias inserisce momenti più leggeri come gli sketch di Morandi, Proietti e Manfredi a favore del divorzio nella campagna referendaria del 1974 e il giudizio di Federico Fellini che all’indomani della elezione della Iotti alla presidenza della Camera (che manterrà per tre mandati consecutivi fino al 1992), parla di “zdora/reggitora” in dialetto emiliano, donna forte capace di ingentilire un universo prevalentemente maschilista come quello di Montecitorio. Momenti di commozione quando scorrono le immagini di repertorio dei funerali di Togliatti nel 1964, poi si ritorna a passeggiare dentro le stanze vuote della Camera dei Deputati alla ricerca di una atmosfera politica andata irrimediabilmente perduta.
Le parole di Nilde Iotti rimangono comunque profetiche: possiamo sempre fare di più in tema di riforme e si deve sempre tenere la guardia alta contro nazionalismi e derive antidemocratiche. Nel rispetto del “tempo delle donne” la tromba di Fresu attacca dolcemente le note di Bella Ciao mentre Paola Cortellesi rilancia il testimone per una politica davvero progressista, che si preoccupi di una migliore organizzazione della democrazia e che sia coerente e solidale con i problemi della vita quotidiana.

 

Regia: Peter Marcias
Interprete: Paola Cortellesi
Distribuzione: I Wonder Pictures
Durata: 80′
Origine: Italia, 2020

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.2

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Sending
Il voto dei lettori
1 (1 voto)
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8