Nuovo documentario sui West Memphis Three, trailer, poster e foto. Produce Peter Jackson

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Visibile anche qui o sul sito ufficiale

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

 

Mentre Atom Egoyan prepara Devil's Knot, lungometraggio di finzione ispirato alla vicenda, Peter Jackson produce insieme a Fran Walsh, con la loro Wingnut Films, un nuovo documentario sui West Memphis Three: Damien Echols, Jason Baldwin e Jesse Misskelley Jr., accusati di un crimine tremendo, l'assassinio di tre ragazzini di otto anni, in assenza di prove fisiche, imprigionati per 18 anni e liberati lo scorso agosto solo con il "guilty plea", particolare formula per cui hanno dovuto dichiararsi colpevoli nonostante sia riconosciuta la loro estraneità ai fatti.

Peter Jackson, Fran Walsh, Damien Echols e Lorri DavisPeter Jackson, che si è schierato per anni con il movimento sorto in difesa dei tre ragazzi, ha continuato a finanziare le investigazioni sul caso, per dimostrare la loro completa innocenza e trovare i veri colpevoli (insieme a Eddie Vedder dei Pearl Jam e ad altre personalità che si sono battute in questi anni).

Quando però uno dei giudici coinvolti nel processo è stato estromesso senza apparenti motivi, Jackson e  Walsh si sono detti che il cinema sarebbe stato ancora una volta un buon mezzo per mantenere l'attenzione su un caso ancora da risolvere:

"Ci sono ancora tre condanne per triplo omicidio, condanne ingiuste contro Damien, Jason, e Jesse. E c'è anche qualcuno che ha ucciso tre bambini, tre figli di qualcuno. Le indagini vanno proseguite fino in fondo, solo così facendo si può impedire che le stesse cose avvengano ancora in altri luoghi."ha detto il regista neozelandese, in una lunga intervista rilasciata a Entertainment Weekly insieme ad Amy Berg, Fran Walsh, Damien Echols e sua moglie Lorri Davis.

WEST OF MEMPHIS, il documentario di Amy Berg al Sundance 2012 - il poster di Jock e il trailer"Per me si è sempre trattato di una battaglia tra religione e scienza: è stata l'isteria religiosa che ha imprigionato questi ragazzi, etichettandoli come adoratori del diavolo" ha detto Fran Walsh.

West of Memphis, diretto da Amy Berg (già autrice nel 2006 di Deliver Us from Evil, che parte dagli abusi sessuali del prete cattolico O'Grady per inquadrare il fenomeno a livello più ampio) arriva dopo i tre Paradise Lost di Berlinger e Sinofsky – il terzo è stato presentato al TIFF 2011 – che hanno contribuito a far conoscere il caso in tutto il mondo.

Il nuovo documentario è stato presentato al Sundance Film Festival (19-29 gennaio 2012) e proprio Peter Jackson ha condiviso in rete il primo poster, disegnato da Jock (ovvero il fumettista e illustratore britannico Mark Simpson) che rappresenta una Dea mai così bendata. Una giustizia che non è ancora stata fatta.

Il film, dando voce anche alle famiglie delle vittime (che già in passato avevano espresso forti dubbi sulla colpevolezza dei tre di West Memphis) e con l'aiuto di un ex profiler dell'FBI, promette di far emergere un movente meno sensazionalista, ma non meno agghiacciante, e un sospettato, incredibilmente mai indagato.

La colonna sonora è stata composta appositamente da Nick Cave e Warren Ellis.

Tutte le foto di West of Memphis sono nella nostra gallery.