"Ogni volta che parlo con me" a Calimera

Ogni volta che parlo con me di Matteo Greco e Ippolito ChiarelloIl Nuovo Cinema Elio di Calimera (Le), ospita, con due proiezioni (20.30 e 22.30), Ogni volta che parlo con me, il film di Matteo Greco, il 26 febbraio, in anteprima.

La visione sarà preceduta da una breve presentazione cui parteciperanno il regista Matteo Greco, l’attore e coautore Ippolito Chiarello, il produttore esecutivo di Kama Gabriele Russo, Carmelo Grassi, presidente del Teatro Pubblico Pugliese, per la rete dei Teatri Abitati Franco D’Ippolito e Gigi De Luca, vicepresidente dell’Apulia Film Commission.

Si tratta di un viaggio on the road, tra le capitali europee di un uomo, un attore ed il suo personaggio che attraversa una crisi esistenziale e per il quale lo spostamento è metafora della ricerca di un modo diverso di vivere, di creare relazioni, di proporre un'idea di teatro.

 

L'idea nasce dall'esperienza di Chiariello, che nel maggio 2011, ha deciso di vagare per le strade dell'Europa nel maggio 2011, incontrando le proteste degli Indignados nelle tende di Plaza del sol; proseguendo il cammino iniziato nel 2010 con il Barbonaggio Teatrale, 'spettacolo' in cui ha attraversato centinaia di città italiane alla ricerca del vero senso di sé e del suo lavoro. Perchè: "esistono progetti, esperienze, capaci di dimettersi dal sistema, a bassa voce raggiungono la gente, narrano storie, si relazionano in un gioco reale di scelte, come dovrebbe essere l’incontro tra uomini, provano una via d’uscita, un’alternativa, un modo per tornare a dire che si può".

 

Il Barbonaggio Teatrale di Ippolito Chiarello nel tempo ha registrato il sostegno di Teresa De Sio, Claudio Santamaria, Raiz, Giulia Anania, Erica Mou, Giorgio Barberio Corsetti, i Negramaro hanno voluto l'attore sul palco del “Casa 69 Tour” assieme alle più belle firme del teatro italiano.

E' stato realizzato e prodotto (come Barbonaggio) grazie al contributo volontario del pubblico, della rete di persone che hanno offerto la loro ospitalità e dei musicisti che hanno deciso di collaborare alla realizzazione della colonna sonora, a cui si sono successivamente aggiunti l'Apulia Film Commission e la rete dei Teatri Abitati

L’ingresso è gratuito ma si può sostenere la produzione con l’acquisto di una delle 11 cartoline realizzate con fotogrammi del film in vendita dal 9 febbraio presso il Nuovo Cinema Elio di Calimera e a Lecce in via Cairoli e via Paladini c/o il Cagliostro, il Caffè letterario e i diversi locali che hanno partecipato alla produzione.

Per avere maggiori informazioni sul progetto Fanculopensiero stanza 510 e sul Barbonaggio Teatrale da cui prende spunto il film qui il link di riferimento http://www.youtube.com/playlist?list=PL393F1611B4A0C2AF (m.t.s)