Oltre le rive, di Riccardo De Cal

Un affresco del fiume che raccoglie la storia e l’essenza della sua terra. Il culto della morte si intreccia al racconto quotidiano della vita. Domani al Rome International Documentary Festival

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Questa è la storia del fiume Piave, non il primo per portata, non il primo per lunghezza. La sua grandezza è insita nella storia, oltre le rive bagnate dalle sue acque.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

Riccardo de Cal torna alle sue origini trevisane, tratteggiando un affresco del fiume che attraversa il Veneto e che raccoglie con sé la storia e l’essenza della sua terra. Dal Vajont all’Hangar Francesco Baracca, dalle sue sorgenti a scendere fino alla Pianura Padana, il fiume immortale sembra custodire silenziosamente le anime spezzate del passato. Chi è rimasto porta con sé i segni indelebili del tempo, instaurando un dialogo potenzialmente infinito con il Piave, con la propria anima.

--------------------------------------------------------------
SENTIERI SELVAGGI BLACK FRIDAY

--------------------------------------------------------------

Oltre le rive è un’opera in cui regna un silenzio quasi irreale. Un silenzio che, da un momento all’altro, potrebbe essere sconvolto da quei “boati” della storia. Come quelli dei colpi di cannoni e mitragliatrici nella Prima Guerra Mondiale o come quel fragore della sera del 9 ottobre 1963 quando “Un sasso cadde in un bicchiere colmo d’acqua”, citando l’evocativa metafora di Buzzati per descrivere il disastro del Vajont.

La morte e il suo ricordo, o meglio, il culto della morte si intreccia al racconto quotidiano della vita. Così, accanto a coloro che ricordano i propri cari o la leggenda del “sacrificio sulle rive del Piave”, De Cal segue passo dopo passo una coppia di giovani allevatori che vivono l’esperienza della nascita ogni giorno ma che si apprestano a sperimentarla in prima persona.

Vita e morte si scontrano per tutta la durata del film, a volte nei modi più bizzarri, come testimonia la storia di una signora, moglie di una delle vittime del disastro del Vajont, religiosissima e proprietaria di un sexy shop. Dalla prima inquadratura, Oltre le rive celebra non tanto il mito di un fiume quanto la sua capacità di accogliere quel potenziale vitale represso o pronto ad esplodere di chi gli sta ai lati, osservandolo scorrere, inesorabile.

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.8
Sending
Il voto dei lettori
4.2 (5 voti)
--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative