Omaggio a RIVETTE: Céline et Julie vont en bateau

Dopo François Truffaut, Eric Rohmer e Claude Chabrol se ne va un altro dei maestri della Nouvelle Vague. Jacques Rivette è morto venerdì scorso a 87 anni.
Lo ricordiamo con la proiezione integrale di uno dei nostri colpi di fulmine di tutta la sua filmografia, in Italia trasmesso solo da Fuori Orario: Céline et Julie vont en bateau (1974), ispirato a Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll.
Come nel libro Alice inseguiva il Coniglio Bianco per poi ritrovarsi nel Paese delle Meraviglie, Julie insegue per le strade di Parigi la misteriosa Céline, la raggiunge e, insieme a lei, finisce con l’intraprendere un viaggio in un mondo parallelo.

Lavorando alla sceneggiatura e ai dialoghi in uno scambio diretto insieme agli attori, Rivette mette a fuoco con una libertà espressiva e una felicità creativa luminosissime le costanti formali del suo cinema: il continuo rapporto tra la dimensione reale e quella teatrale, la dimensione labirintica della metropoli parigina inquadrata in tutti i suoi angoli e le sue altezze, a cominciare dai suoi tetti.

Lo rivediamo insieme, a INGRESSO GRATUITO, con una introduzione critica a cura della redazione di www.sentieriselvaggi.it.

Céline et Julie vont en bateau
di Jacques Rivette, 1974
venerdì 5 febbraio h 20
Sentieri Selvaggi, via Carlo Botta 19 a Roma
INGRESSO GRATUITO