On The Milky Road. Incontro con Emir Kusturica e Monica Bellucci

Nelle sale dall’11 maggio On The Milky Road è l’ultimo film di Emir Kusturica, la cui lavorazione è durata 3 anni. Oggi all’incontro con la stampa presenti il regista e l’attrice Monica Bellucci

Arriva nelle sale questa settimana On The Milky Road di Emir Kusturica.
Il film, presentato alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, racconta la storia di Kosta (Emir Kusturica), un uomo che durante la guerra attraversa il fronte ogni giorno a dorso di un asino per prendere il latte in una fattoria vicina. Incurante delle pallottole e della morte che quotidianamente lo sfiora, una mattina Kosta incontra una misteriosa donna italiana (Monica Bellucci).

---------------------------------------------------------------
BANDO N. 5 POSTI GRATUITI PER CORSO DI CRITICA DIGITALE

---------------------------------------------------------------

On The Milky Road è stato girato in tre anni, come le tre storie a cui si ispira. Kusturica ha raccontato oggi alla stampa romana che l’idea generale nasce dall’unione di queste tre storie:”Queste tre storie non mi sono arrivate contemporaneamente. La prima l’ho sentita a Mosca ed è accaduta durante la guerra fra l’Afghanistan e l’Unione Sovietica. C’era quest’uomo che ogni giorno prendeva il latte e e lo portava alla caserma militare. Durante il percorso dava sempre da bere un po’ del suo latte a un serpente. 
La seconda è ambientata durante la guerra in Croazia del 1990. C’era questa bellissima donna cresciuta in territorio serbo ma che aveva fatto la scuola a Roma. Tornata a casa dopo la morte del padre ebbe la sfortuna di arrivare pochi giorni prima dello scoppio della guerra, così era finita a lavorare come spia tedesca. 
La terza storia invece è inventata, un uomo che si salva la vita usando delle pecore… 
Anche se l’ultima è di finzione come ogni favola anche questa ha però una base di verità molto forte”.

On The Milky Road infatti riassume queste tre storie, mixandole con mitologia greca e balli alla Flashdance, dando vita ad un nuovo strano mondo alla Kusturica. La bellissima donna della seconda storia raccontata dal regista è interpretata da Monica Bellucci, la Sposa.Lavorare con Emir è stata un’esperienza unica. È un artista completo, è uno scrittore, un poeta, un regista. Come attrice devi essere pronta ad adattarti a tutto perchè proprio come un pittore è sempre in preda all’ispirazione. Ho dovuto affrontare delle prove fisiche assurde, ho anche parlato in serbo ed ero sicura che non ce l’avrei fatta. Ma se ami il tuo lavoro ed hai un regista straordinario accanto lo fai. In questi tre anni non mi sono mai annoiata, al contrario il mio entusiasmo è cresciuto“.

Ogni volta che lei diceva non riesco io le dicevo che ce l’avrebbe fatta”, ha continuato Kusturica,perché sono io il vero James Bond, non quello con cui ha recitato! Monica ha fatto davvero di tutto per me in questo film. Si è tuffata da 10 metri in un’acqua che sarà stata al di sotto degli 11 gradi“.

L’attrice ha raccontato che ciò che più l’ha colpita di questo film è stato il fatto che raccontasse una storia d’amore fra due adulti: “Mi piaceva l’idea dell’amore e della sessualità legati all’energia e non al tempo che passa. Un amore bellissimo fra lei che è in costante fuga e lui che sembra essere in vita solo perché la morte non lo vuole“. La Bellucci sarà madrina al Festival di Cannes 2017, senza il quale ha ammesso, il suo percorso artistico non sarebbe mai stato lo stesso.

Coprotagonisti di On The Milky Road sono come sempre gli animali. “Io sono un animale, non c’è differenza fra me e i miei collaboratori. Il pianeta esisteva molto prima dell’uomo. Oggi è in pericolo perchè abbiamo fatto grandi scoperte ma anche tantissimi errori. Il più grande è stato quello di crederci padroni della Terra quando è la Terra ad essere padrona assoluta. Perchè tanto sempre sottoterra finiamo“.
Nel film sono presenti maiali, oche, galline ballerine, gatti, asini. Ma un animale spicca fra tutti ed è un bellissimo falco: “Il falco è stato tutto il tempo con me, Monica lo può testimoniare. All’inizio mi graffiava la spalla e mi beccava. Ma poi si è abituato ed è diventato un mio carissimo amico. questo perchè abbiamo passato 3 anni insieme“.

“Questo di girare in tre anni”, ha continuato Kusturica, “è un lusso che non ci potremo più permettere. Il cinema diventa sempre più un’industria. In un futuro lontano si produrranno molti più film di adesso, e già adesso se ne producono troppi. Film che si vedranno in schermi sempre più piccoli“.

On The Milky Road sarà distribuito in 30 copie dall’11 maggio.

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative