Orson Welles e l'inedito ritrovato: un corto girato per il teatro

Verrà presentato alle "Giornate del cinema muto" a Pordenone il 9 ottobre

 Il 1938 è l'anno della più celebre biricchinata di Orson Welles, la finta cronaca dell'invasione aliena ispirata a Herbert G. Welles, che terrorizzò il pubblico radiofonico e che rese famoso il suo giovanissimo autore. Ma il 1938 è l'anno anche di un esperimento cinematografico, che si credeva perduto, ma che è stato di recente fortunosamente ritrovato e che verrà presentato alla prossima edizione del festival Giornate del cinema muto, che si terrà a Pordenone il 9 ottobre. Un esperimento che a quanto pare fa da ponte tra i più noti otto minuti del corto The Hearts of Age e il capolavoro senza tempo Citizen Kane

---------------------------------------------------------------
BANDO N. 5 POSTI GRATUITI PER CORSO DI CRITICA DIGITALE

---------------------------------------------------------------

Il piccolo film ritrovato s'intitola Too Much Johnson ed è il materiale girato da Welles come sfondo e raccordo tra diverse scene di una pièce che nell'estate del 1939 Welles mise in scena con gli amici di sempre Joseph Cotten, John Houseman e sua moglie Virginia Nicholson. Il testo teatrale raccontava la storia di Augustus Billing, interpretato da Joseph Cotten, un giovane avventuriero dal cappello di paglia e il colletto sempre stirato che si ritrova in mezzo a un bel po' di guai in quel di Cuba. Lo spettacolo fu così disastroso che il giovane regista decise di non portarlo dal Connecticut, dove il pezzo venne rappresentato, in un teatrino di Stoney Creek, a Broadway. 

Lasciato nel dimenticatoio, il cortometraggio sarebbe stato recuperato dopo anni da Welles, che voleva riutilizzarlo e fu poi creduto perduto nell'incendio che devastò la sua casa madrilena nel 1971. A ritrovarlo è stato Mario Catto che, con una felice intuizione, ha trovato il materiale di Welles nelle scatole che una ditta di trasporti locali intendeva eliminare. La conferma che si trattasse proprio di Too Much Johnson è arrivata da Cito Giorgini, grande esperto wellesiano: la copia del film, affidata alla Camera Ottica di Gorinzia prima e alla cineteca del Friuli poi, è stata restaurata dalla George Eastman House con il contributo della National Film Preservation Foundation.

Appuntamento, dunque, il 9 ottobre a Pordenone per scoprire il piccolo Welles prima del maestoso Citizen Kane.  (d.f.)

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative