#Oscars2019 – Green Book è il miglior Film

Alla fine tra Green Book e Roma nella categoria del miglior film dell’anno l’ha spuntata il roadmovie di Peter Farrelly, mentre Cuaròn si è portato a casa i premi a regia, fotografia e film straniero. Non sono mancate le sorprese, come i quattro Academy Award conquistati da Bohemian Rapsody, numericamente il film con più riconoscimenti della serata (tra cui il miglior attore Rami Malek) e l’ennesima “sconfitta” di Glenn Close, che si è vista sfilare la statuetta dall’inglese Olivia Colman, la regina de La Favorita.


Si sono dovuti accontentare delle briciole sia A Star is Born, che si porta a casa l’unica statuetta nella categoria miglior canzone (Shallow, Lady Gaga), sia Vice (miglior make-up). Spike Lee vince per la sceneggiatura non originale di BlacKkKlansman e nel discorso chiama tutti “alle armi” per le elezioni presidenziali del 2020.

L’elenco completo dei premi

Film: Green Book

Regia: Alfonso Cuaròn (Roma)

Attrice: Olivia Colman (The Favourite)

Attore: Rami Malek (Bohemian Rhapsody)

Attrice non protagonista: Regina King (Se la strada potesse parlare)

Attore non protagonista: Mahershala Ali (Green Book)

Sceneggiatura originale: Green Book

Sceneggiatura non originale: BlacKkKlansman

Documentario: Free Solo

Film straniero: Roma

Film d’animazione: Spider Man – Un nuovo universo

Fotografia: Roma

Montaggio: Bohemian Rhapsody

Scenografia: Black Panther

Make-up: Vice

Costumi: Black Panther

Sound Editing: Bohemian Rhapsody

Sound Mixing: Bohemian Rhapsody

Effetti visivi: First Man

Colonna sonora: Black Panther

Canzone: Shallow (A Star is Born)

Cortometraggio d’animazione: Bao

Documentary short: Period. End of sentence

Cortometraggio: Skin