Parte il Festival del Film Francofono

Torna a Roma, dal 16 al 23 marzo 2012, per il terzo anno consecutivo, il Francofilm – Festival del Film Francofono di Roma, che presenta – a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti – il meglio della recente cinematografia proveniente dai Paesi francofoni di tutto il mondo presentati da registi e interpreti.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Organizzato dall’Institut Français – Centre Saint-Louis di Roma, presso cui si terranno le proiezioni e gli incontri (Largo Toniolo 21-22), il festival presenterà una variegata selezione di pellicole – in gran parte inedite in Italia – provenienti dai Paesi aderenti all’OIF – l’Organizzazione Internazionale Francofonia quali Belgio, Ungheria, Marocco, Lussemburgo, Canada Quebec, Romania, Svizzera, ma anche Senegal, Libano, Haiti, Ciad e Slovacchia.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Apertura e chiusura del festival saranno affidate a due concerti: inaugurazione il 16 marzo con la chitarra e il banjo del cantante algerino Akli D, uno dei grandi maestri della canzone cabila, che ha collaborato a un album di Manu Chao e che mescola i generi, dalla canzone melodica ai ritmi berberi, il blues del sud. La chiusura del festival, il 23 marzo, è affidata alla voce di Awa Ly, cantante franco-senegalese dal sound nomade che attinge alle radici del blues, alla canzone francese, al jazz, al soul e al rock, accompagnata dal trombettista Aldo Bassi come ospite d’onore. Le serate saranno presentate dall’attrice Balkissa.

8 lungometraggi in concorso, 3 presentati fuori concorso e 4 documentari saranno il cuore della manifestazione. Da segnalare in particolare la proiezione di alcuni dei titoli più significativi della produzione africana recente, vale a dire Un Homme qui crie del ciadiano Mahamat-Saleh Haroun (sabato 17 marzo, ore 17), e La Mosquée del marocchino Daoud Aoulad-Syad (sabato 17, ore 21). Da non perdere anche Vol spécial del documentarista svizzero Fernand Melgar sul microcosmo dei centri di detenzione amministrativa per stranieri (mercoledì 21, ore 15), e la commedia canadese-haitiana Le Goût des jeunes filles di John L’Écuyer (martedì 20, ore 17), seguita da un incontro con lo scrittore e sceneggiatore Dany Laferrière. E poi Musa Dieng Kala, Pierre-Yves Vandeweerd, Rémi Nelson Borel e tanti altri titoli e nomi da scoprire.


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Info: Institut français Centre Saint-Louis di Roma
tel. 06 680 2670
cinema@institutfrancais-csl.com
www.francofilm.it

 

(news a cura di www.cinemafrica.org)