'Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: il mare dei mostri', di Thor Freudenthal


La sfida più ardua di questo secondo capitolo delle avventure di Percy Jackson è convincere anche chi non conosce la saga mitologica contemporanea. Il film, pur con diversi intoppi, arriva a centrare il suo obiettivo: catapultare
per un'ora e mezza lo spettatore nel viaggio ricco di battaglie e insidie dell'eroe-ragazzino

 "Percy, devi salvare l'Olimpo e la Terra"

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

 

 La mitologia greca e la sua epica classica è una tavolozza straordinaria di valori e sentimenti che , seppur atavici, sono sempre capaci di sedurre e impressionare ad ogni età. Un mondo dove i colori dell'anima: dal coraggio all'amicizia, la famiglia e la fede, la vendetta e l'orgoglio, vanno miscelati e accostati con sapienza ed equilibrio, se si vuole adattarli alla nostra contemporaneità. Insomma non basta buttarli in un frullatore, magari 3D, e pensare che ne esca un racconto adatto per i grandi e più piccoli. Perché in fondo questo secondo capitolo Percy Jackson e il Mare dei Mostri' della saga, prima letteraria, poi cinematografica funziona, ma a metà.

 

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

 

Il piccolo villaggio, Campo mezzosangue, dove risiede il semidio Percy Jackson (Logan Lerman), figlio di Poseidone, insieme ad altri adolescenti davvero fuori dal normale, deve affrontare un'altra sfida per salvare l'Olimpo e la Terra. Dopo aver evitato la fine nel primo capitolo cinematografico del genere umano dalla furia di Zeus, a Percy e i suoi amici toccherà rimboccarsi le maniche e partire per un viaggio alla ricerca del Vello d'oro. Ma non sarà così facile attraversare Il mare dei mostri (per i profani il Triangolo delle Bermude) perché sulle tracce del Vello c'è anche un gruppo di semidei pronti a tutto pur di far tornare distruggere l'Olimpo. Quello che colpisce, e il sottoscritto non può certo annoverarsi tra i lettori della saga firmata da Rick Riordan, è l'ambizione di un racconto che deve forzare la mano sulle suggestioni del passato (mitologico) per arrivare ad attrarre l'attenzione dell'immaginario giovanile, certo meno pretenzioso rispetto a chi, ahimé, ha superato da un po' i 30.

 

Perché la storia di Percy vive delle pulsioni, qui ancora più marcate rispetto al precedente film diretto da Chris Columbus, del classico 'teenmovie'. I dubbi e le angosce del giovane figlio di Poseidone, ignorato dal padre e angosciato per questo strappo con l'Olimpo, diventano gli ostacoli da superare per poi ritrovare la fiducia in se stesso. Perché in fin dei conti è dura essere un eroe.  Ecco che sposare questo racconto di crescita con l'avventura alla James Bond (la scena dello yacht è davvero tutta 'bondiana') o gli inseguimenti all'Indiana Jones (l'incontro con Polifemo su Circeland) è la sfida più ardua per la regia di Thor Freudenthal (Diario di una schiappa). Con in più il peso del successo di Harry Potter a gufare sul botteghino.  Il 3D poi non aiuta molto, appare un vestito inutile per un corpo decisamente respingente. Ma il film, pur con diversi intoppi anche nella sceneggiatura, arriva a colpire il suo obiettivo, catapultare per un'ora e mezza lo spettatore nel viaggio ricco di battaglie e insidie dell'eroe-ragazzino. Chi non l'ha sognato almeno una volta leggendo la mitologia greca alzi la mano.


TItolo originale: Percy Jackson: Sea of Monsters
Regia: Thor Freudenthal

Interpreti:Logan Lerman, Alexandra Daddario, Douglas Smith, Leven Rambin, Stanley Tucci, Nathan Fillion
Distribuzione: 20th Century Fox
Origine: Usa, 2013

Durata: 106'

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8