Peter Jackson, semaforo verde per "The Hobbit"

Al via a febbraio la produzione di The Hobbit. Peter Jackson regista

 
Raggiunto un accordo tra Warner Bros e MGM, partirà ufficialmente a febbraio 2011 la produzione di due film in 3D basati sul romanzo di Tolkien The Hobbit. Dopo 2 anni di contrattazioni e rinvii e la rinuncia di Guillermo Del Toro, la regia è passata ufficialmente a Peter Jackson, già produttore e sceneggiatore, e finalmente il casting prende forma.

 

Le novità: il ruolo di Bilbo Baggins è stato offerto alla star della tv britannicaThe Hobbit, illustrazione di Alan Lee Martin Freeman (Hot Fuzz, Nightwatching) che potrebbe accettare se la parte non entrasse in conflitto con un altro impegno, una serie BBC dedicata a Sherlock Holmes.
Dovrebbero essere nel cast anche l'irlandese James Nesbitt (Bloody Sunday, Match Point) in un ruolo ancora sconosciuto, lo scozzese David Tennant (Doctor Who, Harry Potter e il calice di fuoco) e il tedesco Michael Fassbender (Fish Tank, Inglorious Basterds, Jane Eyre, il nuovo Cronenberg A dangerous Method).

 

Ian McKellen e Andy Serkis dovrebbero tornare nei ruoli di Gandalf e Gollum come nella trilogia de Il Signore degli Anelli. Come conceptual designer lavoreranno ai due film il papà di Hellboy Mike Mignola e gli storici illustratori tolkieniani John Howe e Alan Lee.

 

Il budget previsto per i due film è di circa 500 milioni di dollari.
Altri ritardi potrebbero arrivare per i recenti problemi che hanno coinvolto Jackson, la Federazione Internazionale degli Attori e i sindacati della Nuova Zelanda, ma l'uscita in sala dovrebbe restare fissata per il primo film a Natale 2012, e a Natale dell'anno successivo per il secondo film.