Piazzolla – La rivoluzione del tango, di Daniel Rosenfeld

Per il centenario dalla nascita dell’artista Astor Piazzolla, arriva oggi in sala il documentario costruito su materiali d’archivio che omaggia la sua vita

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Daniel Rosenfeld, conosciuto per film che spaziano tra vari generi, ha diretto nel 2018 un documentario che ricostruisce la parabola biografica di Astor Piazzolla, un esponente di punta della storia del tango. La famiglia, dell’artista deceduto nel 1992, ha messo a disposizione una serie di registrazioni audio che permettono di scoprire l’ascesa dell’artista e la portata della sua rivoluzione che ha cambiato la natura di un genere musicale fino ad allora poco considerato. Il documentario, realizzato attraverso video d’archivio, mostra l’intera vita di Piazzolla, intervallando eventi storici, come il proibizionismo, a situazioni in cui la vita sia musicale che privata dell’artista assume un ruolo in primo piano. Piazzolla – La rivoluzione del tango omaggia la vita dell’artista partendo dalle sue origini newyorkesi influenzate dal padre Vincente Piazzolla, uno dei numerosi immigrati italiani risoluti nel cambiare le proprie vite e spinti dagli ideali del sogno americano.

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Il film rintraccia proprio in questi ambienti statunitensi tutti quei generi musicali apparentemente distanti dal tango, come il jazz e il rock, che il bandoneónista (colui che sa suonare una particolare fisarmonica) riuscirà a coadiuvare a una tipologia di musica che fonda le sue origini in culture e nazioni dell’America Latina. La poca autorialità del tango, destinato ad ambienti in cui il ballo predomina sulla musica, prende una rotta diversa con Piazzolla. L’artista è riuscito a far emergere tutta la carica musicale e sensuale del tango, dimostrando come si potesse elevare queste origini umili trasformandole in qualcosa di più vicino a un concerto. Tralasciando un certo didascalismo nel mostrare la vita dell’artista che limita il film a procedere per binari lineari, Piazzolla – La rivoluzione del tango riesce a toccare corde emotive che donano al film spessore, tracciando una parabola circolare che lega sia l’influenza culturale newyorkese, sia quel ritorno in Argentina, sua terra di origine, in cui ha formato il Quinteto Nuevo Tango che gli ha permesso di ottenere i meritati riconoscimenti dopo che la critica musicale newyorkese aveva rifiutato la sua rivoluzione musicale. Il film, in questo caso, ci invita a riflettere sull’importanza della propria terra d’origine, nonostante gli inevitabili spostamenti in Paesi con più opportunità lavorative ed economiche.

Ma tutto ciò ha una fine, che il documentario fa corrispondere suggestivamente al colpo di stato in Argentina del 1976 in cui è stato destituito il presidente Isabel Martínez de Perón. Piazzolla – La rivoluzione del tango riesce a mettere assieme musica e storia con la vita di un grande artista.

 

Titolo originale: Piazzolla – The Years of the Shark
Regia: Daniel Rosenfeld
Distribuzione: ExitMedia
Durata: 94′
Origine: Argentina, 2018

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
0 (0 voti)
--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative