Polemiche ai César francesi

Mentre ci si avvicina a grandi passi alla 43a edizione dei César (la serata di gala è prevista per il 28 febbraio), il mondo cinematografico francese è scosso da una serie di polemiche mosse dalla Société des réalisateurs de films nei confronti di Alain Terzian, longevo presidente alla guida dei César sin dal 2003. In un comunicato stampa pubblicato lunedì, l’associazione spiega che ha appreso “diversi fatti che tradiscono un grave problema operativo all’interno dell’organizzazione de L’Académie des Césars“. E invita Alain Terzian a fornire una spiegazione per “queste azioni opache e discriminatorie“. Le maggiori polemiche riguardano la scelta dei padrini e delle madrine compiuta dai giovani attori premiati che hanno la facoltà a loro giudizio di nominare chiunque per farsi accompagnare durante la serata di gala. Sembra invece che questa libertà sia stata in alcuni casi limitata, come è successo ad esempio all’attore Jean-Christophe Folly, che senza ricevere spiegazioni ha vista cassata la sua preferenza per lo scrittore e regista Virginie Despentes. Così si è scoperto che anche Amadou Mbow, selezionato per il film Atlantic di Mati Diop, non ha mai ricevuto giustificazione dall’Accademia per il rifiuto della proposta che voleva con lui sul palco la regista Claire Denis. Sembra quindi che la lista di “stelle” debba essere sottoposta all’occhio preventivo di Alain Terzian che imporrebbe ai suoi ospiti il proprio particolare parterre da cui attingere. Ma la polemica sui “metodi mafiosi” di cooptazione si allarga anche all’arbitrarietà delle assegnazione dei César d’onore. La Société des réalisateurs de films si chiede infatti retoricamente: “Chi, ad esempio, sceglie ogni anno le personalità a cui verrà assegnato un César d’onore? Chi sceglie le persone che presentano un César?“. La SRF infine denuncia la perniciosa volontà di “andare nella direzione di un orientamento dei voti, potenzialmente pregiudizievole per la diversità del cinema“. Il riferimento qui è all’indicazione di voto (anche se non obbligatoria) suggerito dai membri del settore tecnico del cinema al fine di guidare le scelte degli elettori dell’Accademia per i premi più professionali.

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *