Prisoners

 di Denis Villeneuve

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #9


Prisoners

Titolo originale: Prisoners
Interpreti: Hugh Jackman, Jake Gyllenhaal, Paul Dano, Maria Bello, Viola Davis, Terrence Howard, Erin Gerasimovich, Melissa Leo, Jane McNeill
Origine: Usa, 2013
Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia
Durata: 153’

--------------------------------------------------------------------
#ArenediRoma2021 – Tutte le arene di cinema della capitale


--------------------------------------------------------------------

Non c’è freno, etico o legale, in grado di trattenere un genitore nelle condizioni più disperate. La perdita di un figlio, poi, può facilmente rappresentare un picco drammatico da cui non si riesce a più riprendersi. Keller Dover (Hugh Jackman – X-Men, The Prestige) è un falegname di poche pretese, legato alla famiglia, alla casa e al proprio lavoro. Tuttavia, quando non riesce a trovare più la figlia Anne di sei anni, scomparsa insieme all’amichetta Joy, vede la propria vita andare in frantumi. Il detective Loki (Jake Gyllenhaal – Donnie Darko, I segreti di Brokeback Montain) a carico delle indagini è costretto a rilasciare l’unico sospettato, il ragazzino Alex Dones (Paul Dano – Motel Woodstook, Nel paese delle creature selvagge) per mancanza di prove. Solo allora, Keller Dover attraverserà quel confine al di là del quale sarà sempre più difficile focalizzare la strada del ritorno.
 

Denis Villeneuve (Maelström, La donna che canta) dirige Prisoners, un thriller spietato girato in Georgia all’inizio del 2013, dopo una lunga serie di trattative legate a questioni produttive. Infatti, il progetto iniziale prevedeva Mark Wahlberg e Christian Bale nei ruoli da protagonisti con la regia di Bryan Singer. Tuttavia il progetto non andò a buon fine, situazione che si ripresentò dopo la proposta di scritturare Leonardo Di Caprio per interpretare Keller. Nonostante un primo rifiuto iniziale, Hugh Jackman arriva poi a firmare definitivamente per il ruolo principale. La pellicola è stata presentata ai festival di Telluride e Toronto, riscuotendo un discreto successo di critica e pubblico. La bolla “Restricted” a causa della drammaticità e della violenza rappresentate non sembrano fermare la pellicola che si prepara a scalare le vette in classifica e sbancare i botteghini.
 

(M. G.)

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------